Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Music After Music
DakhaBrakha

MAR, 5 LUG
21.00

Droni e battiti, perline cremisi e torreggianti cappelli neri di lana fanno da sfondo per una rivisitazione fresca e inaspettata della musica roots di stampo Est-Europea. È l’auto proclamato ethno-chaos degli ucraini DakhaBrakha, un gruppo che si sente strettamente legato alla propria terra, ma allo stesso tempo molto efficace e convincente per un pubblico internazionale.

Ingresso
20 euro + prevendita
Orari
21.00
Dove
Teatro dell'Arte
CONDIVIDI

Un’oscura processione che si alimenta con il ritmo di battiti di tamburo e si accompagna dal mormorio di un violoncello, si trasforma in un inno, un’invocazione, una ripartizione selvaggia e stravagante. Droni e battiti, perline cremisi e torreggianti cappelli neri di lana fanno da sfondo suggestivo per una rivisitazione fresca e inaspettata della musica roots di stampo Est-Europea. È l’auto proclamato ethno-chaos degli ucraini DakhaBrakha, un gruppo che si sente strettamente legato alla propria terra, ma allo stesso tempo molto efficace e convincente per un pubblico internazionale. 

Il quartetto non si limita a presentare la musica ucraina e a provare la sua esistenza. Crea straordinari nuovi mondi sonori attingendo dal repertorio tradizionale e reinventandolo con un orecchio acuto per risonanze contemporanee. Con un piede nella scena del teatro urbano d’avanguardia e un piede nella vita del villaggio che nutre e protegge la ricchezza culturale dell’Ucraina, i DakhaBrakha mostrano tutta la furia e la sensualità di quella parte più spettacolare di folklore dell’Europa orientale.

“Abbiamo deciso di creare un nuovo stile di musica che si compone principalmente di melodie ucraine più popolari e antiche, con l’aggiunta di alcune sonorità africane e idee bulgare o ungheresi. Dakha Brakha raccoglie i vari elementi con vere e prioprie spedizioni. Andiamo nei diversi villaggi, montiamo la nostra tenda, andiamo a trovare i babushkas del posto e gli chiediamo di cantarci le loro canzoni popolari. Li registriamo per poi utilizzarli nelle nostre composizioni” dice la band. I Dakha Brakha sono ancora un fenomeno di culto in Ucraina, attraendo un pubblico esigente a cui piace il loro suono aggressivo che combina ritmi per riti tribali e voci frenetiche.

 

Eventi collegati

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved