Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

FESTIVAL DEI DIRITTI UMANI
Terza edizione

VEN, 23 MAR 2018

Film, documentari e dibattiti per discutere e riflettere sulle mutazioni che il nostro pianeta sta subendo. “Una. Per tutti. Non per pochi”.

Ingresso
Libero
Orari
Dalle ore 9.30
Dove
Palazzo della Triennale
CONDIVIDI

Dal 20 al 24 marzo 2018, alla Triennale di Milano, si svolge la terza edizione del Festival dei Diritti umani, evento culturale creato per sensibilizzare la cittadinanza sui diritti umani, per denunciare le loro violazioni e dare rilievo a chi li difende. Il tema della terza edizione – Una. Per tutti. Non per pochi. – è la devastazione della Terra e di come questo saccheggio incide sui diritti umani: inquinamento, profughi ambientali, impazzimento climatico ma anche i segnali della consapevolezza di una necessaria inversione di tendenza. 
Il festival prevede alla mattina appuntamenti pensati appositamente per gli studenti delle superiori con proiezioni di documentari e testimonianze; al pomeriggio e sera una programmazione a 360° con documentari e film, spesso inediti; dibattiti con intellettuali e studiosi italiani e internazionali, dialoghi con testimoni; mostre fotografiche.

Edu Programmazione dedicata agli studenti delle scuole superiori, protagonisti attivi del Festival 
Doc Proiezione dei documentari in concorso a cura di Sole Luna Doc Film Festival 
Talk Dibattiti, lezioni e racconti in prima persona 
Film Il cinema sui grandi temi, dalle rassegne internazionali 
Foto Fotografia documentaria raccontata dagli autori 
Mostre “Crepe” di Andrea Kunkl & “Le bambine salvate” di Stefano Stranges
Doc Proiezione dei documentari in concorso a cura di Sole Luna Doc Film Festival

Programma del 23 marzo:

EDU 
Teatro dell’Arte e Salone d’Onore, ore 9.30 
Un clima di paura. Climate change, società fragili e grandi migrazioni 
È inutile negarlo: guerre e migrazioni sono causate anche dai fenomeni climatici estremi, che distruggono le economie e le società fragili. Dunque, riequilibrare il clima significa agire anche sui diritti umani. Riscoprire le antiche conoscenze aiuta ad evitare che milioni di persone fuggano verso le metropoli. 

Dibattito: Caterina Sarfatti, C40 Cities Programme Manager for Special Projects 
Hindou Oumarou Ibrahim, coordinatrice dell’Associazione delle Donne e Popolazioni Indigene del Chad (AFPAT). 
Buone pratiche: Silvia Bartellini (Passepartout) 
Foto: Environmental migrants: The last illusion di Alessandro Grassani 
Proiezione: Before the flood di Oscar Fisher Stevens (USA 2016, 70’) 

DOC 
Teatro dell’Arte 
ore 17.00 The last nomads di Hamdi Ben Ahmed (Tunisia 2016, 61’) 
ore 18.05 Small people. Big trees di Vadim Vitovtsev (Russia 2016, 45’) 

TALK 
Salone d’Onore, ore 14.30-17.30 
In collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Milano e l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano 
Medici e avvocati: un patto anti-inquinamento 
Sviluppo senza inquinamento, crescita senza smog: spesso non è andata così. Perché il cittadino non ne rimanga vittima, per garantirgli il diritto fondamentale alla salute, occorre che medici e avvocati trovino linguaggi e obiettivi comuni. Un convegno aperto a tutti, che assegna crediti formativi ai partecipanti iscritti agli Ordini. 

Saluti istituzionali all’apertura dei lavori 
Con 
Edoardo Bai, epidemiologo 
Federico Boezio, avvocato specializzato in Diritto ambientale 
Stefano Caserini, ingegnere ambientale
Paolo Crosignani, epidemiologo 
Angelo Leone, avvocato specializzato in Diritto ambientale 
Ugo Taddei, avvocato di ClientEarth 
moderano Rosy Battaglia (giornalista e ideatrice di Cittadini Reattivi) e Danilo De Biasio (direttore del Festival dei Diritti Umani di Milano) 

Salone d’Onore, ore 18.00-19.30 
Porte chiuse. I migranti climatici e l’Europa 
La fortezza Europa è chiusa a persone che spesso fuggono dai disastri causati anche dal sistema dei consumi e degli investimenti dell’Occidente. Introdurre lo status di profugo ambientale sarebbe un parziale risarcimento. 
Con 
Cristina Cattaneo, Ricercatrice FEEM 
Grammenos Mastrojeni, diplomatico italiano, autore di Effetto Serra. Effetto guerra 
Hindou Oumarou Ibrahim, coordinatrice dell’Associazione delle Donne e Popolazioni Indigene del Chad (AFPAT)
Antonio Panzeri, Presidente della Sottocommissione per i diritti dell’uomo al Parlamento Europeo 
modera Marco Trovato (direttore editoriale di “Africa”)

FILM
Teatro dell’Arte, ore 21.00
Introduzione di Antonio Serra
Psiconautas, los niños olvidados di Pedro Rivero e Alberto Vázquez (Spagna 2015, 76’) 

Informazioni
Il programma potrebbe subire variazioni.
L’aggiornamento è consultabile sul sito www.festivaldirittiumani.it

Credits


Organizzato da
Reset-Diritti Umani

Con il patrocinio di
Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Città Metropolitana di Milano, Comune di Milano, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Amnesty International Italia, Legambiente, Ordine degli Avvocati di Milano, Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano. 

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved