Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo chiusi

Orari di apertura

Oggi siamo chiusi

FESTIVAL DEI DIRITTI UMANI
Terza edizione

MAR, 20 MAR 2018

Film, documentari e dibattiti per discutere e riflettere sulle mutazioni che il nostro pianeta sta subendo. “Una. Per tutti. Non per pochi”.

Ingresso
Libero
Orari
Dalle ore 9.30
Dove
Palazzo della Triennale
CONDIVIDI

Dal 20 al 24 marzo 2018, alla Triennale di Milano, si svolge la terza edizione del Festival dei Diritti umani, evento culturale creato per sensibilizzare la cittadinanza sui diritti umani, per denunciare le loro violazioni e dare rilievo a chi li difende. Il tema della terza edizione – Una. Per tutti. Non per pochi. – è la devastazione della Terra e di come questo saccheggio incide sui diritti umani: inquinamento, profughi ambientali, impazzimento climatico ma anche i segnali della consapevolezza di una necessaria inversione di tendenza. 
Il festival prevede alla mattina appuntamenti pensati appositamente per gli studenti delle superiori con proiezioni di documentari e testimonianze; al pomeriggio e sera una programmazione a 360° con documentari e film, spesso inediti; dibattiti con intellettuali e studiosi italiani e internazionali, dialoghi con testimoni; mostre fotografiche.

Edu Programmazione dedicata agli studenti delle scuole superiori, protagonisti attivi del Festival 
Doc Proiezione dei documentari in concorso a cura di Sole Luna Doc Film Festival 
Talk Dibattiti, lezioni e racconti in prima persona 
Film Il cinema sui grandi temi, dalle rassegne internazionali 
Foto Fotografia documentaria raccontata dagli autori 
Mostre “Crepe” di Andrea Kunkl & “Le bambine salvate” di Stefano Stranges
Doc Proiezione dei documentari in concorso a cura di Sole Luna Doc Film Festival

Programma del 20 marzo:

EDU
Teatro dell’Arte e Salone d’Onore, ore 9.30-13.30
Economia, ecologia, etica. Le imprese eccezionali
Il pianeta Terra è stanco di alcuni record, come il riscaldamento globale. Ma di altri record ne ha bisogno, come quelli messi a segno da Paola Gianotti. Una donna che non si limita a girare il mondo con la sua bicicletta ma usa le sue imprese eccezionali per distribuire solidarietà. E al Festival dei Diritti Umani dialogherà con Carlo Carraro, docente a Venezia di Economia Ambientale per capire quali sono i costi del climate change.
Dibattito: Carlo Carraro, Università Ca’ Foscari di Venezia e Fondazione CMCC
Paola Gianotti, cicloviaggiatrice e Guiness World Record per il giro del mondo in bicicletta
Buone pratiche: Gianluca Ruggieri (ènostra)
Foto: The victims of our wealth di Stefano Stranges
Proiezione: Bring the sun home di Chiara Andrich e Giovanni Pellegrini (Italia 2013, 68’)

DOC
Teatro dell’Arte
ore 17.00 Frontera invisible di Nicolás Richat, Nico Muzi (Belgio/Argentina 2016, 28’)
ore 17.30 La terre abandonnée di Gilles Laurent (Belgio 2016, 73’)

TALK
Salone d’Onore, ore 14.30-16.30
In collaborazione con Università degli Studi di Milano – Scienze umane dell’ambiente, del territorio e del paesaggio e Mani Tese
Ambiente e diritti indigeni: la foresta Mau in Kenya
La Foresta Mau è un ecosistema di grande valore ambientale che negli ultimi decenni ha subito un importante processo di degrado. Dal 2017, l’ONG Mani Tese e l’Università di Milano collaborano per contrastare il degrado della foresta e sostenere i diritti degli Ogiek, la popolazione che storicamente abita la foresta. L’incontro vuole raccontare per immagini questo eccezionale patrimonio socio-ambientale e le attività messe in atto per la sua tutela.
Con:
Valerio Bini, ricercatore dell’Università degli Studi di Milano e Presidente Mani Tese
Stefania Albertazzi, PhD Università di Padova
Matteo de Mayda, regista e fotografo

Salone d’Onore, ore 18.00-19.30
Il futuro è già entrato in noi. Cambiamenti climatici e violenza, nella vita e nella letteratura
Ci sono luoghi del mondo dove fenomeni climatici estremi, carestie e comportamenti egoistici non sono un futuro spaventoso ma il presente. L’Africa sognata da Kuki Gallman nei suoi libri in parte ne è già vittima. Ed è un mondo molto simile a quello che un altro scrittore, Bruno Arpaia, immagina per un’Europa futuribile, dove la solidarietà è spazzata via dall’impazzimento del clima.
Con:
Bruno Arpaia, scrittore autore di “Qualcosa, là fuori”
Kuki Gallmann, ecoattivista e scrittrice, autrice di “Sognavo l’Africa”
modera Danilo De Biasio, direttore Festival dei Diritti Umani di Milano

FOTO
Salone d’Onore, ore 19.30-20.00
Vernice dei progetti fotografici vincitori del contest #ioalzolosguardo2017

FILM
Teatro dell’Arte, ore 21.00
Introduzione di Claudia Sorlini
Grain di Semih Kaplanoğlu (Turchia/Germania/Francia/Svezia 2017, 127’)

Informazioni
Il programma potrebbe subire variazioni.
L’aggiornamento è consultabile sul sito www.festivaldirittiumani.it

Credits


Organizzato da
Reset-Diritti Umani

Con il patrocinio di
Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Città Metropolitana di Milano, Comune di Milano, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Amnesty International Italia, Legambiente, Ordine degli Avvocati di Milano, Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano. 

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved