Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Avviso
Martedì 18 dicembre la mostra STORIE chiuderà alle 19.30, mercoledì 19 dicembre la mostra A CASTIGLIONI chiuderà alle 19.30, la vendita dei biglietti terminerà 45 minuti prima della chiusura.

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Roberto Sambonet artista e designer

MER, 31 MAG 2017

Presentazione del libro di Matteo Iannello, con interventi di Maria Fratelli, Matteo Iannello, Beppe Finessi, Pierluigi Nicolin

Orari
18.30
Dove
Palazzo della Triennale
CONDIVIDI

Triennale Design Museum e CASVA presentano il libro Roberto Sambonet artista e designer di Matteo Iannello, sviluppato a partire dai documenti d’archivio oggi conservati presso il Centro di Alti Studi sulle Arti Visive (CASVA) di Milano.

Dall’immediato dopoguerra e fino alla prima metà degli anni Novanta del Novecento, Roberto Sambonet lavora instancabilmente su tre fronti, indagando i temi dell’arte pittorica, del design e della grafica. Sebbene con modalità e tempi differenti i tre ambiti di ricerca sono strettamente connessi tra di loro e attingono a un bagaglio culturale che affonda le sue radici nella storia dell’arte antica e contemporanea: «Industrial design, graphic design, pittura. Comune denominatore di queste attività che svolgo da oltre quarant’anni è il progetto, regola l’interdisciplinarietà. Spazio/tempo, pluriuso, cucina/tavola, impilabilità ecc. in design, oggetti d’immagine lontani dalle mode ma attenti ai nuovi modi, e nella grafica sintesi centralità costruttiva, concentricità (influsso Delaunay), monocromatismo, micro e macro ecc.».

I documenti d’archivio del CASVA di Milano testimoniano in particolare del lavoro svolto da Roberto Sambonet nel campo del progetto industriale e del progetto grafico. Uno straordinario repertorio di disegni, studi, fotografie, prototipi e oggetti documenta gran parte del percorso umano e professionale di un artista capace di cogliere le infinite strutture della realtà che lo circonda, mettendone in luce continuità e rotture, assonanze, suggestioni e rimandi. Un artista capace di mettere a punto un personale bagaglio formale ed espressivo attingendo alla ricerca delle avanguardie e da quelle risalire alle loro più antiche radici per approdare ad una propria espressività.  Una ricerca che si alimenta di una conoscenza spesso diretta di opere e personaggi e che trova preziosi e insostituibili compagni di viaggio: Lina Bo e Pietro Maria Bardi, Max Huber, Ernesto Nathan Rogers, Alvar Aalto, Marco Zanuso, Lucio Alfieri, Pier Carlo Santini, Roberto Guiducci, Ugo Mulas, Serge Libiszewski, Bruno Monguzzi… Con Libis e Monguzzi in particolare l’intesa è fortissima: il primo traduce idee e suggestioni in immagini compiute, fissa sulla pellicola oggetti, scene, micro architetture disposte secondo veri e propri progetti urbani; il secondo, con l’intelligenza critica che lo contraddistingue, supporta con il suo rigore grafico e compositivo le intuizioni e le “visioni”di Roberto Sambonet. I lavori che ne verranno fuori saranno tra i più significativi nel campo del progetto grafico del secondo Novecento.

La pratica del progetto e il disegno quotidiano – continuo e instancabile, segno che sostituisce la parola – sono gli strumenti indispensabile che veicolano e traducono ogni idea, sia essa grafica o di design. Un repertorio vastissimo di immagini annotate e fissate nelle memoria cui poter attingere in ogni istante, porta Sambonet a procedere – utilizzando sempre tutte le tecniche di rappresentazione della realtà–  per associazioni di idee; suggestioni e intuizioni sulle quali discutere e confrontarsi, da approfondire e vagliare per approdare infine ad una perfetta sintesi di ogni componente: artistica, funzionale, comunicativa.

La tipologia dei materiali oggi custoditi in archivio restituisce perfettamente le modalità di lavoro: schizzi, collage, stampe e ingrandimenti fotografici e ancora tante, tantissime fotocopie, ingrandite, ridotte  ed elaborate spostando o sovrapponendo le immagini sul vetro durante la fotocopiatura. Lo studio dei documenti d’archivio permette cosi di ricostruire parte del lungo e complesso processo progettuale, di intuire relazioni, influenze, suggestioni; permette di capire un po’ più dell’uomo grazie proprio al suo lavoro; permette di raccontarne passioni, successi e ritirate.

Come tutti i percorsi di vita e di lavoro non c’è nulla di lineare, di regolare, non si tratta di mettere in fila e annotare una serie esclusiva di “successi”.  Quello di Roberto Sambonet – forse in modo particolare per taluni aspetti rispetto ad altri protagonisti della sua generazione –  è un percorso sinuoso e complesso, frutto delle sue curiosità e dei suoi molteplici interessi; un percorso in cui il processo conta più dell’esito, in cui logica e immaginazione determinano un vivace scambio propulsivo: “So che taluni – scrive Ernesto Nathan Rogers – valutandolo secondo i soliti schemi astratti, o escludono una parte delle sue attività, salvandone solo l’altra, o trovano, in blocco, che sia troppo geometrico e, inversamente, troppo pittorico e decorativo. Quanto a me […] credo che la sua mediazione, lungi dall’essere un compromesso, tenta, e spesso ha dimostrato, promettenti soluzioni di una sintesi culturale, assai caratteristica del momento in cui viviamo”.

 

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved