16 Settembre. 18 Dicembre 2005.

Triennale di Milano
DESIGN
Fullscreen
01/11
02/11
03/11
04/11
05/11
06/11
07/11
08/11
09/11
10/11
11/11
Condividi con Facebook
Condividi con Twitter
Condividi con Google+
Condividi con LinkedIn

A cura di Mateo Kries, Ignazia Favata

Curatore per conto della Triennale di Milano: Arturo Dell'Acqua Bellavitis

Progetto di allestimento e grafica della mostra di Milano: Carmi e Ubertis, Milano

La mostra itinerante è una coproduzione Vitra Design Museum e Triennale di Milano in collaborazione con lo studio Joe Colombo di Milano.

Televisori inseriti nel soffitto, pareti con minibar incorporati che ruotano, “città nucleari” sotterranee – le idee del designer italiano Joe Colombo sembrano uscite da uno dei primi film di James Bond. Trasudano lo spirito dei frenetici anni ’60. La loro funzionalità e le loro forme appariscenti sono impressionanti.

La mostra Joe Colombo: Inventing the future documenta l’intera opera di Joe Colombo in un tour internazionale che toccherà per la prima volta i più importanti musei. Sono in mostra non solo i modelli originali dei progetti più importanti di Colombo, ma anche documenti e pezzi inediti, tra cui modelli sperimentali, disegni e planimetrie.

La mostra Joe Colombo: Inventing the future presenta le opere di Colombo attraverso quattro sezioni tematiche e cronologiche. La prima è rappresentata dalle prime creazioni artistiche e architettoniche accompagnate da un excursus biografico raccontato attraverso un’ampia collezione di oggetti personali e opere grafiche inedite. La seconda sezione comprende le prime creazioni di design tra cui alcuni capolavori come la poltrona “Elda”, la sedia “Universale”, alcune lampade e vari arredi. La terza sezione illustra la svolta di Colombo verso una concezione modulare e flessibile dei sistemi abitativi visibile nel contenitore “Combi Center”, nel “sistema programmabile” e in molte altre creazioni. L’ultima sezione è dedicata alle ultime opere, principalmente finalizzate alla progettazione di unità abitative multifunzionali e di interi ambienti come “Visiona 1” (1969), la “Total Furnishing Unit” (1971) e il suo appartamento del 1968. Oltre all’arredo originale del suo appartamento, la mostra ospita una parziale ricostruzione di Visiona 1 corredata da un video che illustra questo spettacolare interno. Grazie ad approfondite ricerche presso lo Studio Joe Colombo, la mostra presenta un’ampia selezione di disegni, planimetrie e altri oggetti inediti oltre a numerosi modelli architettonici e video di interviste a contemporanei di Colombo.

Accompagna la mostra un catalogo di 300 pagine, edito dal Vitra Design Museum e distribuito Skira, contenente scritti di Ignazia Favata, Arturo Dell’Acqua Bellavitis,Vittorio Fagone, Gianni Ottolini, Mateo Kries, Bill Menking e Marco Romanelli e circa 400 immagini a colori e in bianco e nero.

TAGS