Close GalleryQuesto sito utilizza i cookies per migliorare l’esperienza degli utenti. Usando Triennale.org accetti l’uso dei cookies. Scopri di più qui.
 

13 Aprile. 18 Aprile 2005.

Triennale di Milano
DESIGN
Condividi con Facebook
Condividi con Twitter
Condividi con Google+
Condividi con LinkedIn

Fluid come una dimensione tra pensiero e materia
Fluid come espressività
Fluid come flessibilità
Fluid come vicina al metabolismo umano
Fluid come naturale
Fluid come semplice e facile
Fluid come ubiqua
Fluid come qualcosa che ci riguarda
Fluid come futuro nel quotidiano

Un habitat fluido tra pensiero e materia nel nome del movimento e della flessibilità.
Un’abitazione dinamica, mediatica e sensoriale.
 “L’allestimento – dice Massimo Iosa Ghini - vuol essere uno spazio che rappresenti l’idea di mutazione, di variabile,utilizzando luci e tecnologie in movimento dinamico, che proponga un futuro vicino e possibile e al tempo stesso una casa vera e propria con gli elementi che fanno parte della vita di tutti i giorni. Questo futuro – aggiunge – desiderabile semimateriale mediatico e sensoriale è così vicino da poterci finalmente entrare”.

TAGS