Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Alessi IN-possible
Quando l’idea non è ancora prodotto

17 DIC 2016 - 8 GEN 2017

scott-henderson_spider-bowl_2009
Ingresso
Libero
Orari
Martedì - Domenica
10.30 - 20.30
Dove
Palazzo della Triennale
CONDIVIDI
Una selezione di progetti mai entrati in produzione provenienti dalla collezione del Museo Alessi

Triennale Design Museum e Museo Alessi presentano Alessi IN-possible. Quando l’idea non è ancora prodotto: una selezione di progetti mai entrati in produzione fa scoprire la parte meno conosciuta della collezione del Museo Alessi per raccontare la pratica di una delle più importanti Fabbriche del Design Italiano.

La fabbrica è una sorta di Agorá dove il designer, gli ingegnerizzatori, i disegnatori, i tecnici di produzione, i responsabili del marketing prodotto e della comunicazione, dialogano e il risultato finale è il prodotto industriale.

La mostra è dedicata a questo dialogo e ai molti modi attraverso i quali si svolge. Il punto di vista scelto è inedito: non si racconta la storia di prodotti realizzati, ma quella di progetti rimasti in sospeso. I problemi tecnici e le limitazioni economiche non esauriscono le ragioni per cui un progetto rimane tale. Nello sviluppo di un progetto possono darsi esiti inaspettati che riguardano la dimensione espressiva dell’oggetto, il suo linguaggio, la sua carica emozionale.

In mostra, ordinati cronologicamente dagli anni Venti del Novecento a oggi, oltre 50 progetti mai entrati in produzione di alcuni dei più famosi designer e architetti italiani e internazionali, da Ettore Sottsass, Achille Castiglioni, Aldo Rossi a Philippe Starck, Zaha Hadid, Patricia Urquiola, Ronan e Erwan Bouroullec.

La collezione del Museo Alessi, con 25.000 oggetti e 19.000 disegni, custodisce uno spaccato affascinante del design contemporaneo, un formidabile punto di vista per conoscere i mille approcci attraverso i quali può esprimersi il mondo del progetto. Schizzi, render, disegni tecnici, prototipi di progetti mai realizzati, prime versioni, ricerche per nuovi colori o finiture, stampi, semilavorati…  Materiali che raccontano il complesso intreccio di fattori dal quale nasce un prodotto industriale, dove elementi alti, culturali e sociali si uniscono a fattori pratici, concreti ed economici. In questo intreccio emerge un nodo fondamentale: l’incontro tra il designer e l’impresa. Un incontro di ingegni, punti di vista e competenze che mediano – in un processo spesso lungo e laborioso – l’ingresso del prodotto sul mercato. Un oggetto di industrial design è infatti un’opera collettiva, dove l’azienda, funge da “editore dell’opera”.

Un dialogo continuo e sempre aperto, suscettibile di quello scarto, talvolta imprevisto, che porta dalla “In-possibilità” alla “Possibilità”, come è tipico di una ricerca che sia tale, ossia tenda alla creazione di oggetti innovativi, assumendosi il rischio dell’incertezza del risultato. La mostra, realizzata in collaborazione con il Design Museum Holon in Israele, racconta anche questa continuità: dalla sua prima edizione realizzata nel 2015 a Holon, ha visto alcuni progetti passare dall’impossibilità alla realizzazione, mentre altri si sono aggiunti a quel fertile, formidabile, lavorio che connota la natura di un laboratorio di arti applicate all’industria quale è Alessi.

Elenco dei progettisti: Acconci Studio, Carlo Alessi, Giovanni Alessi, Giovanni Alessi Anghini, Abi Alice, Dror Benshetrit, Erwan and Ronan Bouroullec, Andrea Branzi, Fratelli Campana, Achille Castiglioni, Gary Chang, Gabriele Chiave e LPWK, Lluís Clotet, Silvio Coppola, matali crasset e Frédérick E. Grasser Hermé, Marco Ferreri, Luigi Fiorentino, Greg Lynn – FORM, Doriana e Massimiliano Fuksas, Future Systems, Alessandro Gnocchi, Zaha Hadid, Scott Henderson, Giulio Iacchetti, Toyo Ito, Harri Koskinen, Tom Kovac, Defne Koz, Morris Lapidus, Danilo Leonardi e Valentina Antinori – TAGMI, Giovanni Levanti, Elena Manferdini, Richard Meier, Hans Hollein, Alessandro Mendini, Miriam Mirri, Chiara Moreschi, Andrea Morgante, Satyendra Pakhalé, Mimmo Paladino, Pentagon Design, Hani Rashid, Aldo Rossi, Denis Santachiara, Mario Scairato, Ettore Sottsass, Alessandro Stabile, Philippe Starck, Mario Trimarchi, Ufficio Tecnico Alessi, Patricia Urquiola, Jakob Wagner.

Credits


A cura di Francesca Appiani
Foto di copertina: Scott Henderson, Spider bowl, 2009

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved