Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Christopher Williams
Models, Open Letters, Prototypes, Supplements

28 APR - 25 GIU 2017

williams_sito_1
Ingresso
Intero 6 Euro
Ridotto 5 / 4 Euro
Biglietto unico per tutte le mostre 10 Euro
Orari
Martedì - Domenica
10.30 - 20.30
Dove
Palazzo della Triennale
CONDIVIDI
Concepita come un’estensione espositiva dell’idea di “Lettera Aperta”, è la prima mostra istituzionale di Christopher Williams dopo la serie di retrospettive "The Production Line of Happiness" all'Art Institute di Chicago, al MoMA di New York e alla Whitechapel di Londra.

A cura di Pia Bolognesi e Giulio Bursi
Direzione artistica: Edoardo Bonaspetti, Curatore Triennale Arte

Tra i maggiori esponenti della seconda generazione della Conceptual Art americana, Williams si è formato al California Institute of the Arts alla fine degli anni ’70 sotto la guida di artisti come Michael Asher, John Baldessari, Douglas Huebler e Morgan Fisher, sviluppando una pratica che fin dalle prime opere ha indagato i limiti e i confini del dispositivo fotografico, per svelarne e decostruirne funzioni, strutture e regole, attraverso un corpus di lavori che va dal film al video, dalla scultura al collage, dalla performance alla produzione di poster e libri d’artista.

Ultimo atto di una ricerca che ha visto Williams mettere al centro della propria pratica lo “studio” come luogo di produzione critica e materiale, la mostra alla Triennale di Milano riunisce per la prima volta il nuovo nucleo di lavori recentemente presentati nelle gallerie Capitain Petzel di Berlino – Open Letter to Model No. 1740, 2016 – David Zwirner di Londra – Open Letter: The Family Drama Refunctioned? (From the Point of View of Production), 2017 e gta Exhibitions di Zurigo: Supplements, Models, Prototypes, 2017.

Pensata come una puntuale coreografia di collages, fotografie, multipli, edizioni e pareti espositive mobili, Models, Open Letters, Prototypes, Supplements si articola su un rigoroso impianto formale, nel quale lo spazio architettonico si trasforma attraverso una ri-funzionalizzazione dei moduli di allestimento collezionati dall’artista nel corso della sua carriera, come le vetrine realizzate nel 1975 da Leone Pancaldi – architetto bolognese tra gli artefici della nascita della moderna architettura museale italiana.

Utilizzando una strategia che esplora gli aspetti del realismo tradizionalmente associati al medium fotografico, Christopher Williams analizza i complessi e stratificati meccanismi mediante i quali la comunicazione e le convenzioni estetiche strutturano il nostro modo di percepire la realtà. Nell’innescare un progressivo processo di disvelamento Williams si sofferma sulle relazioni tra densità e durata, taglio e sezione, struttura e modello, famiglia e società, ideologia e produzione immateriale, oggetto e funzione, lasciando emergere dalle immagini, le tracce della propria rappresentazione.  

In un labirinto architettonico ridotto all’essenzialità degli elementi visivi, lo spettatore è stimolato a recuperare il presente come momento di analisi critica. Delegando alle immagini la riflessione sui legami politici e socio-economici tra fotografia e sistemi di produzione della società tardo capitalista, Williams si rivolge direttamente al pubblico, richiamando la qualità del nostro processo d’osservazione, in un confronto teso a recuperare la durata come oggetto di studio.

Models, Open Letters, Prototypes, Supplements attiva un dialogo insieme fisico e teorico, tra le forme ideali che ritroviamo nelle opere fotografiche e l’architettura del Palazzo dell’Arte, dove attraverso la meticolosa disposizione nello spazio, le immagini di Williams prendono posizione.

Credits


A cura di
Pia Bolognesi e Giulio Bursi

Direzione artistica
Edoardo Bonaspetti, Curatore Triennale Arte

Foto:
Christopher Williams
Fig. 8: Pulling the film cutter
Exakta Varex IIa
35 mm film SLR camera
Manufactured by Ihagee Kamerawerk Steenbergen & Co, Dresden, German Democratic Republic
Body serial no. 979625 (Production period: 1960 - 1963)
Carl Zeiss Jena Tessar
50mm f/2.8 lens
Manufactured by VEB Carl Zeiss Jena, Jena, German Democratic Republic
Serial no. 8034351 (Production period: 1967 - 1970)
Model: Christoph Boland
Studio Thomas Borho, Oberkasseler Str. 39, Düsseldorf, Germany
June 22, 2012

2012
Archival Pigment Print
50,8 x 61 cm paper
84,7 x 94,8 cm framed

Courtesy Galerie Gisela Capitain, Cologne and David Zwirner, New York/London

Photogallery

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved