Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Avviso
Aperti anche il Primo Maggio dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Neo Preistoria

2 APR - 12 SET 2016

03
Ingresso
15,00 euro Biglietto unico per tutte le mostre della XXI Triennale
22,00 euro Ingressi illimitati alle mostre della XXI Triennale con XX1T Pass
Orari
Martedì - Domenica
10.30 - 20.30
Dove
Palazzo della Triennale
CONDIVIDI
La mostra percorre il lungo cammino che collega gli strumenti dell’antica preistoria alle moderne nano-tecnologie; un percorso sospinto dall’impulso di “100 verbi” e “100 strumenti” che come flussi di energia vitale e misteriosa, guidano lo spettatore attraverso le tenebre della storia e di uno spazio infinito.

In occasione della XXI Esposizione Internazionale, la Triennale di Milano presenta la mostra dal titolo Neo Preistoria – 100 Verbi.

Il pensiero artificiale segna oggi l’inizio di una nuova antropologia, una nuova fase dell’evoluzione umana di cui, come nell’antica preistoria, non  conosciamo il destino complessivo ma soltanto i singoli salti nel buio.
Questa perdita di direzione accompagna ancora oggi l’estrema vitalità e fertilità del pensiero e della tecnologia umana, che caratterizza sia gli strumenti di morte che l’estensione della vita verso un futuro tutto da esplorare.
La mostra non si propone dunque di indagare il Futuro, ma piuttosto di guardare il Presente e le sue componenti geniali e pericolose.
La mostra percorre il lungo cammino che collega gli strumenti dell’antica preistoria alle moderne nano-tecnologie; un percorso sospinto dall’impulso di “100 verbi” e “100 strumenti” che come flussi di energia vitale e misteriosa, guidano lo spettatore attraverso le tenebre della storia e di uno spazio infinito. Fino a giungere alle attuali frontiere della ricerca scientifica, volta a espandere la sopravvivenza umana attraverso la produzione dei pezzi di ricambio del nostro organismo.
Il XXI secolo, ancora così poco esplorato, rappresenta in questo senso una nuova preistoria, quando il destino complessivo dell’umanità non aveva una direzione precisa e gli oggetti possedevano molti significati, dalla funzione pratica al valore rituale e magico.
Il pensiero artificiale segna oggi l’inizio di una nuova antropologia, una nuova fase dell’evoluzione umana di cui, come nell’antica preistoria, non  conosciamo il destino complessivo ma soltanto i singoli salti nel buio.
Questa perdita di direzione accompagna ancora oggi l’estrema vitalità e fertilità del pensiero e della tecnologia umana, che caratterizza sia gli strumenti di morte che l’estensione della vita verso un futuro tutto da esplorare.
La mostra non si propone dunque di indagare il Futuro, ma piuttosto di guardare il Presente e le sue componenti geniali e pericolose.

Andrea Branzi

 

L’umanità ha sviluppato le proprie abilità mediante gli utensili; contemporaneamente, mediante gli utensili ha accresciuto i suoi desideri, per cui la “storia dei desideri” dell’uomo si può intendere come “storia degli utensili”.
Per questa mostra sono stati scelti ed esposti cento utensili e cento verbi dal periodo che va dall’Era della pietra al mondo contemporaneo. I verbi indicano le attività umane, cioè i desideri diventati parole e pertanto col presentare allineati utensili e verbi è possibile volgersi a guardare il percorso dei desideri umani in modo facilmente comprensibile.
La storia dell’uomo è stata tracciata da una serie di mutamenti religiosi, politici tecnologici ed economici, ma in questa mostra tali trama e ordito che intessono la storia sono stati del tutto omessi. Si cerca cioè di osservare la storia dell’umanità puramente da un punto di vista completamente libero dai fattori della religione, della tecnica, dell’ideologia, della razza e così via.
Ora che nel XXI secolo stiamo andando verso l’era dell’intelligenza artificiale è assai importante riflettere su quale evoluzione avrà l’umanità e in quale situazione si verrà a trovare.
La mostra Neo Preistoria – 100 Verbi rivede la storia dell’umanità da un punto di vista generale e nel senso di accertare su quali basi ci troviamo ed esprime il messaggio di Design after Design della Triennale 2016.
Ritengo molto importante aver potuto realizzare questa mostra in collaborazione con il designer e teorico del design Andrea Branzi. Innanzitutto fissate gli occhi sugli oggetti dell’Era della pietra: i primi utensili che l’uomo è riuscito a creare vivono nella mano dell’uomo di oggi, forse vi sono riflessi la stessa intelligenza, gli stessi errori. Nello stesso tempo sono molto belli e in quella bellezza – penso – si può forse leggere il destino e il futuro dell’umanità. Mi auguro che possiate da essi immaginare quale potrà essere il futuro che aspetta l’umanità.

Kenya Hara

Credits


A cura di
Andrea Branzi
Kenya Hara

Progetto di allestimento
Andrea Branzi
Kenya Hara
Hara Design Institute (Nippon Design Center Inc.)

Progetto grafico
Kenya Hara
Hara Design Institute (Nippon Design Center Inc.)

01 02

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Eventi collegati

SAB, 18 GIU 11:30 Incontro Meet the Media Guru
Future Ways of Living
Andrea Branzi e Kenya Hara
Il 18 giugno Andrea Branzi e Kenya Hara, curatori della mostra Neo-Preistoria. 100 Verbi ospiti in Triennale per il ciclo di incontri Future Ways of Living dedicato alle traiettorie dell’innovazione.
partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved