Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Avviso
Aperti anche il Primo Maggio dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Ritrovare Ico Parisi

15 GEN - 7 MAG 2017

1duplice-ritratto-di-parisi-cernobbio-1953-copia
Ingresso
Intero 12 Euro
Ridotto 10 / 5 Euro
Orari
Martedì-Domenica 10.00-19.00
Venerdì 10.00-22.00
Lunedì chiuso
Dove
Villa Reale di Monza
CONDIVIDI
Una selezione di tavoli di Ico Parisi dal 1948 al 1955.
Ogni tavolo rappresenta una storia diversa:
storia di progetto, ma anche storia di vita.

Triennale Design Museum presenta la mostra Ritrovare Ico Parisi, a cura di Roberta Lietti e Marco Romanelli, con progetto di allestimento di Marco Romanelli con Giorgio Bonaguro, in occasione dei centenario della nascita di Ico Parisi. La mostra è realizzata in collaborazione con l’Archivio del Design di Ico Parisi. Con questa mostra continua la ricerca del Triennale Design Museum dedicata ad approfondire alcuni personaggi che hanno interagito con il territorio allargato di Monza e Brianza.

La storiografia del progetto italiano procede per discontinuità, indagando ripetutamente alcuni autori e consentendo viceversa che un cono d’ombra ricopra altre figure fondamentali. Questo è stato il recente destino di Ico Parisi.

Afferma Silvana Annicchiarico, direttore del Triennale Design Museum: “Questa mostra si inserisce in un percorso tracciato dal museo, che rivendica la continuità di una ricerca volta a rivalutare i non allineati, i sommersi, i dimenticati, da Gino Sarfatti a Piero Fornasetti, da Giotto Stoppino a Gherardo Frassa fino, appunto, a Ico Parisi, personaggio fondamentale del progetto italiano dal dopoguerra in poi”.

Quali, per Parisi, le cause di questo colpevole oblio? Tra esse, al di là di certi aspetti caratteriali del personaggio, possiamo innanzitutto riconoscere il suo forte legame con il territorio comasco e brianzolo, meno in certo senso con la città di Milano, in secondo luogo la decisa presa di posizione culturale che caratterizza l’ultimo periodo parisiano, dal 1960 alla morte, avvicinandolo ai movimenti artistici d’avanguardia e staccandolo, in qualche misura, dalla quotidianità del lavoro di architetto e designer.

Ico Parisi ha prodotto una mole notevolissima di lavori, operando, secondo la lezione pontiana, in quella dimensione pluridisciplinare, caratteristica della rinascita del progetto italiano dopo il conflitto mondiale. Parisi è dunque architetto, designer, art director, fotografo, regista cinematografico, pittore e artista puro.

Questa mostra, che vuole porsi come una prima riflessione e un primo omaggio al lavoro di Parisi, ha dovuto pertanto stabilire dei precisi limiti cronologici e tipologici alla presentazione dei ricchissimi materiali esistenti, quasi tutti appartenenti all’Archivio del Design di Ico Parisi di Como.

I curatori hanno dunque privilegiato il periodo “classico” del lavoro di Parisi, ovvero dalla fine della guerra al termine degli anni ’50, e un’unica tipologia, il tavolo. Se la prima scelta appare facilmente sostenibile, la seconda è dovuta a una precisa scelta curatoriale. Ognuno degli straordinari maestri che l’Italia ha avuto la fortuna di possedere in quel periodo storico, pur essendosi applicato alle più diverse tipologie secondo l’abusata sentenza rogersiana “dal cucchiaio alla città”, ha in realtà lasciato un segno più evidente in certi ambiti. Per Parisi si tratta sostanzialmente di due situazioni: l’imbottito, argomento in qualche misura topico del momento e toccato da molti con risultati straordinari, e i tavoli.

Ragionare, con la costanza e l’inventiva con cui l’ha fatto Parisi, sulla struttura trilitica del tavolo, considerandolo una architettura in nuce, è qualcosa che raramente è dato di vedere.

Il tavolo, nelle svariate accezioni, che vanno dalla vera e propria mensa alla scrivania, dalla consolle al coffee table e al carrello di servizio, è un argomento tipologico che accompagna Parisi fin dagli inizi della sua vicenda progettuale e dove l’architetto comasco dimostra una fantasia progettuale illimitata, fatta di improvvisi fuochi di artificio e parallelamente di una minuta e attenta ricerca di varianti formali. Del tavolo Parisi analizza le più diverse soluzioni costruttive, sperimenta materiali, si fa promotore di ricerche inusitate presso gli artigiani e gli industriali canturini. Il tavolo è per Parisi un punto focale all’interno della casa.

Ecco quindi che nel Belvedere alla Villa Reale di Monza sono presentati sette tavoli di Ico Parisi dal 1948 al 1955. Ogni tavolo rappresenta una storia diversa: storia di progetto, ma anche storia di vita. E, in quest’accezione, a fianco a Ico compare necessariamente la moglie Luisa, preziosa collaboratrice e stimolatrice di molte situazioni che trovano compendio nello studio La Ruota, cenacolo progettuale e culturale inaugurato a Como nel 1947.

L’allestimento, organizzato in “stazioni” contraddistinte mediante gabbie in tubolare quadro bianco, a ricordare l’innamoramento di Parisi per l’avventura del razionalismo e dell’astrattismo comasco, cerca di restituire non solo l’importanza del singolo pezzo, ma anche un frammento di quel contorno progettualmente curato e controllato che Ico e Luisa Parisi sapevano sapientemente costruire.

Credits


A cura di
Roberta Lietti e Marco Romanelli
Progetto di allestimento: Marco Romanelli con Giorgio Bonaguro

Foto di copertina Duplice ritratto di Ico Parisi, Cernobbio, 1953

Partner tecnico
partner-bellavite

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved