Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Triennale Design Museum
Storie.
Il design italiano

14 APR 2018 - 20 GEN 2019

orizzontale
Ingresso
Intero 9 Euro
Biglietto unico per tutte le mostre 12 Euro
Orari
Martedì - Domenica
10.30 - 20.30

17 aprile dalle 10.30 alle 24.00
Dal 18 al 22 aprile dalle 10.30 alle 22.00
Dove
Palazzo della Triennale
CONDIVIDI
La storia e le storie del design italiano raccontate attraverso 180 pezzi iconici del Novecento, 5 focus tematici - Geografia, Comunicazione, Politica,Tecnologia ed Economia - e una lettura del contemporaneo

L’undicesima edizione del Triennale Design Museum racconta la storia del design italiano attraverso una pluralità di storie, che concorrono a definirne la complessa natura.

Il percorso del Museo ha un duplice andamento: da una parte il dispiegarsi della storia in modo diacronico, dall’altra lo sviluppo di cinque approfondimenti tematici che permettono di leggere il design attraverso la lente di altre discipline.

Una selezione di 180 opere – per la maggior parte provenienti dalla Collezione Permanente del Triennale Design Museum, realizzate tra il 1902 e il 1998 e individuate come le più rappresentative del design italiano per il loro portato di innovazione tecnico-formale, per l’estetica, per la sperimentazione, per la riconoscibilità e il successo di pubblico – introduce la problematica di quali debbano essere i pezzi imprescindibili esposti in un Museo del design e di cosa possa essere considerato una “icona” e, ancora, se questo termine sia realmente efficace quando applicato al contesto del design.

I materiali esposti sono organizzati cronologicamente in cinque periodi: 1902-1945, 1946-1963, 1964-1972, 1973-1983, 1984-1998. La scelta di tenere il 1998 come termine della selezione, lasciando volutamente scoperto l’ultimo ventennio, permette agli storici di analizzare la disciplina con la giusta distanza critica e temporale ma intende anche sottolineare il grande cambiamento di parametri in corso che rende difficile esprimersi su un panorama ancora così mutevole.

I cinque approfondimenti tematici sono dedicati a: Politica, a cura di Vanni Pasca, Geografia ed Economia, entrambi a cura di Manolo de Giorgi, Tecnologia, a cura di Raimonda Riccini, Comunicazione, a cura di Maddalena Dalla Mura.

Il potere e le forme. Quando i designer fanno politica si concentra su alcuni momenti fondamentali per lo sviluppo del design italiano, dalla V Triennale del 1933 al boom economico degli anni Cinquanta, dal contro-design degli anni Sessanta e Settanta fino alla globalizzazione e al world design che inizia a svilupparsi a partire dagli anni Ottanta. Vengono così privilegiate le politiche sviluppate dai designer o dal sistema design, rispetto alla politica intesa come prerogativa delle pubbliche istituzioni.

 

Mappe. Una geografia in movimento mette in scena i distretti produttivi disseminati nel Paese e le specificità delle realtà territoriali che costituiscono un unicum per determinate lavorazioni e impiego di materiali.

Borsa Valori. Un Carosello di numeri analizza il design italiano attraverso i dati a esso correlati: dalle vendite alle royalties, dai successi ai flop commerciali.

Dal transistor alla Luna. Design e tecnologie si concentra sulla capacità di imprese e designer italiani di interpretare le innovazioni nel campo dell’elettronica e della sperimentazione sui materiali per trasformarle in prodotti di qualità, sia per il consumo di massa sia per le alte prestazioni.

Immagini e immaginario: tra fotografia e riviste illustra come la storia del design italiano sia anche la storia della costruzione e della proiezione e moltiplicazione della sua immagine e della sua divulgazione attraverso i media, che viene presentata attraverso un percorso fra riviste e fotografia, dagli anni Cinquanta, quando si definisce la “linea italiana”, agli anni Ottanta, prima della diffusione dell’immagine digitale.

Il percorso del Museo si apre con una riflessione, a cura di Chiara Alessi, dedicata al Contemporaneo. Pay per Design. Il Mercato del Contemporaneo presenta una selezione delle esperienze più interessanti per descrivere la multiformità del design italiano contemporaneo è messa in scena attraverso una serie di vetrine dove i visitatori potranno sperimentare alcune modalità di vendita, acquisto, distribuzione, finanziamento, personalizzazione applicate a progetti di design degli ultimi anni. È l’espressione di un momento nel quale il cortocircuito tra processi, sperimentazioni, nuova imprenditorialità e riconversione di esperienze storiche mostra un peso d’insieme più rilevante rispetto ai singoli autori o prodotti.

Visitare il museo sarà come inoltrarsi in una città, metafora scelta da Calvi Brambilla come guida per il progetto di allestimento, perché la storia del design italiano è un affastellarsi interminabile di sperimentazioni, innovazioni, ripensamenti e solo il tessuto urbano ha un simile grado di complessità.

Per comunicare le storie del design italiano lo Studio Leonardo Sonnoli ha disegnato dei “teatrini” metafisici in cui fanno capolino, tra forme assolute, gli oggetti dei maestri del design italiano.

 

 

Credits


Direzione
Silvana Annicchiarico

A cura di
Chiara Alessi, Maddalena Dalla Mura, Manolo de Giorgi, Raimonda Riccini, Vanni Pasca

Progetto di allestimento
Calvi Brambilla
Progetto grafico
Leonardo Sonnoli

Catalogo
Electa

tdm11-loghi-invito-01

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved