Avviso dell’esito della procedura di gara per l’affidamento della concessione per la gestione dello Store della Triennale di Milano e dello Store di Triennale Expogate e dei servizi connessi.

Si comunica che il servizio di gestione dello Store della Triennale di Milano e dello Store di Triennale Expogate e dei servizi connessi è stato aggiudicato alla società Mondadori Electa Spa in data 7 marzo 2016.

La gestione dello Store della Triennale di Milano avrà durata di 6 (sei) anni eventualmente rinnovabili per altri 3 (tre) anni dalla  data di sottoscrizione della convenzione di servizi, mentre la gestione dello Store di Triennale Expogate avrà durata fino al 12 settembre 2016.

Offerta economica:

– Euro 90.000,00 (novantamila,00) quale corrispettivo fisso annuale (al netto dell’IVA);

– Il 12,5% (dodicivirgolacinquantapercento) sul fatturato annuo (al netto dell’IVA) conseguito dalle attività di vendita svolte all’interno dello Store Triennale;

– Il 20% (venti percento) sul fatturato annuo (al netto dell’IVA) conseguito dalla vendita tramite il portale e-commerce;

– Il 20% (venti percento) sul fatturato annuo (al netto dell’IVA) conseguito dalle attività di vendita attraverso la rete commerciale e di distribuzione dell’Operatore;

– Il 18% (diciotto percento) sul fatturato per la durata della Concessione (al netto dell’IVA) conseguito dalle attività di vendita svolte all’interno dello Store Triennale Expogate.

 

 

TRIENNALE DI MILANO SERVIZI SRL CON SOCIO UNICO
Viale Alemagna n. 6
MILANO

Oggetto: Procedura di gara per l’affidamento della concessione per la gestione dello Store della Triennale di Milano e dello Store di Triennale Expogate e dei servizi connessi.

Triennale di Milano Servizi S.r.l. con socio unico (la “Società”), con sede in Milano, 20121, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6, C.F. e P. IVA 03763600966 (tel. 02724341, www.triennale.org), intende affidare i servizi di:

(i) allestimento e gestione della libreria internazionale e punto vendita della Fondazione La Triennale di Milano (lo “Store Triennale”, di circa 200 mq., come meglio individuato nella planimetria allegata sub 1 al presente “Disciplinare”), ubicata al piano terra dei locali della Triennale di Milano (la “Triennale”) in Milano, 20121, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6, oggetto di apposita Convenzione tra la Fondazione e la Società (la “Convenzione”) e che da quest’ultima verranno concessi in uso all’Operatore selezionando al fine di promuovere ed implementare l’attività di vendita (“Servizio Store”);

(ii) allestimento e gestione della libreria internazionale e punto vendita della Società (lo “Store Triennale Expogate”, di circa 100 mq., come meglio individuato nella planimetria allegata sub 2 al presente “Disciplinare”), ubicata al piano terra dei locali del padiglione est di Triennale Expogate (“Triennale Expogate”) in Milano, 20121, via Luca Beltrami, n. 1, che verranno concessi in uso all’Operatore selezionando al fine di promuovere ed implementare l’attività di vendita (“Servizio Store”);

(iii) progettazione, produzione, distribuzione, commercializzazione e vendita di prodotti editoriali, catalografici, audiovisivi, informatici, oggetti e merchandising contrassegnati con il brand della Fondazione (“Altri Servizi”), anche mediante la concessione dell’uso e del diritto di sfruttamento economico dei Marchi “La Triennale di Milano” (i “Marchi”), di proprietà della Fondazione stessa e destinatari di apposita Licenza in favore della Società, meglio individuati nell’elenco allegato sub 3 al presente Disciplinare.
La presente procedura di affidamento ha per oggetto una concessione di servizi.

PARTE I – CONDIZIONI DI GARA

1. Soggetto aggiudicatore

Triennale di Milano Servizi S.r.l. con socio unico, con sede in Milano, 20121, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6, C.F. e P. IVA 03763600966 (tel. 02724341; www.triennale.org).

2. Oggetto della procedura

La procedura ha ad oggetto i seguenti servizi:
(i) Servizio Store:
1. La progettazione e l’allestimento dello Store Triennale, dei relativi spazi espositivi e di vendita;

2. L’assunzione a carico del Concessionario di ogni onere necessario per il subentro e la gestione dello Store Triennale e dello Store Triennale Expogate e, in generale, per lo svolgimento dei Servizi affidatigli;

3. L’esposizione, la disponibilità e la vendita prevalente delle pubblicazioni edite o prodotte direttamente e/o indirettamente dalla Fondazione e/o dal Museo del Design;

4. L’esposizione, la disponibilità e la vendita di prodotti, oggetti e merchandising attinenti alle materie dell’urbanistica, dell’architettura, delle arti figurative e visive, del design, dell’artigianato, della produzione industriale, della moda, della produzione audiovisiva e di quelle espressioni artistiche e creative ed in particolare agli autori e/o agli argomenti trattati nelle varie mostre ed eventi che si svolgono presso la Triennale ed il Museo del Design, e comunque sotto la supervisione e la direzione artistica della Società e della Fondazione, realizzati da non meno di 30 (trenta) produttori, tra italiani e stranieri;

5. L’esposizione, la disponibilità e la vendita dei prodotti editoriali, catalografici, audiovisivi, informatici attinenti alle materie dell’urbanistica, dell’architettura, delle arti figurative e visive, del design, dell’artigianato, della produzione industriale, della moda, della produzione audiovisiva e di quelle espressioni artistiche e creative ed in particolare agli autori e/o agli argomenti trattati nelle varie mostre ed eventi che si svolgono presso la Triennale di Milano ed il Museo del Design, e comunque sotto la supervisione e la direzione artistica della Società e della Fondazione, editi da case editrici italiane e straniere;

6. L’apertura dello Store Triennale e dello Store Triennale Expogate rispettivamente almeno durante l’orario ordinario di apertura della Triennale, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6 (dalle 10.30 alle 20.30, da martedì a domenica, lunedì chiuso), almeno in occasione dell’orario ordinario di apertura di Triennale Expogate (dalle 10 alle 20, da martedì a domenica, lunedì chiuso) ed in occasione di eventi speciali come ad esempio la XXI Esposizione Internazionale, previo accordo con la Fondazione;

7. La programmazione, l’organizzazione e la gestione di eventi culturali e di iniziative promozionali volti a dare la massima visibilità alle attività e ai Marchi e, comunque, connessi alle finalità istituzionali della Fondazione;

(ii) Altri Servizi:

1. La progettazione, produzione, distribuzione, commercializzazione e vendita, sotto la supervisione e la direzione artistica della Società e della Fondazione, all’interno dello Store Triennale e dello Store Triennale Expogate, on line e attraverso la rete commerciale e di distribuzione dell’Operatore, di prodotti editoriali, catalografici, audiovisivi, informatici, oggetti e merchandising contrassegnati con i Marchi in modo da promuovere ed implementare la diffusione e la visibilità del relativo brand, nel rispetto delle vigenti previsioni legislative e regolamentari, in conformità agli obiettivi, agli standard qualitativi , alla coerenza e rispondenza alle priorità e direttive indicate dalla Società e dalla Fondazione ed, in ogni caso, in modo da valorizzare, a livello sia nazionale che internazionale, le attività e le finalità istituzionali della Fondazione nonché la sua immagine, la sua reputazione ed il suo prestigio;

2. La realizzazione e l’esercizio del portale e-commerce.
che dovranno tutti essere resi direttamente dall’Operatore, nei termini e con le modalità stabilite nel presente Disciplinare e nello Schema di Convenzione di Servizi.

3. Durata del servizio

Per lo Store Triennale la Concessione avrà una durata di 6 (sei) anni (decorrenti dalla sottoscrizione della Convenzione di Servizi “Convenzione di Servizi” e comunque non oltre il 30 marzo 2016), eventualmente rinnovabili per altri 3 (tre) anni.
Per lo Store Triennale Expogate la Concessione avrà durata fino al 12 settembre 2016 (decorrenti dalla sottoscrizione della Convenzione di Servizi “Convenzione di Servizi” e comunque non oltre il 30 marzo 2016).

4. Luogo di esecuzione

Triennale di Milano – Milano, 20121, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6, al piano terra nei locali meglio identificati nella planimetria costituente l’Allegato n. 1 al Disciplinare di gara e Triennale Expogate – Milano, 20121, via Luca Beltrami, n.1, al piano terra del padiglione est nei locali meglio identificati nella planimetria costituente l’Allegato n. 2 al Disciplinare di gara.

5. Soggetti ammessi alla gara

Sono ammessi a partecipare alla presente procedura i soggetti individuati all’art. 34, comma 1, D.Lgs. n. 163/2006. La partecipazione alla gara sotto forma di raggruppamento temporaneo o di consorzio è regolata dagli artt. 35, 36, 37, del D.lgs. n. 163/2006, dagli artt. 275, 276 e 277, del D.P.R. n. 207/2010.
È fatto divieto ad una medesima impresa di partecipare alla presente procedura in forma individuale e contemporaneamente in forma associata (quale componente di un R.T.I. o di un Consorzio) nonché di partecipare in diversi R.T.I. o in diversi Consorzi, pena, in ogni caso, l’esclusione dell’impresa e del/i concorrente/i in forma associata (R.T.I. o Consorzio) al quale l’impresa stessa partecipa.

5.1 R.T.I. e Consorzi

È ammessa la partecipazione di imprese temporaneamente raggruppate o raggruppande con l’osservanza della disciplina di cui all’art. 37 del D.Lgs. n. 163/2006, ovvero per le imprese stabilite in altri Stati membri dell’UE, nelle forme previste nei Paesi di stabilimento.
È ammessa la partecipazione di Consorzi di imprese con l’osservanza della disciplina dettata dagli artt. 34, 35, 36 e 37 del D.Lgs. n. 163/2006, ivi comprese le aggregazioni tra le imprese aderenti al contratto di rete di cui all’art. 34, comma 1, lettera e-bis), del D.Lgs. n. 163/2006. Alle aggregazioni di imprese si applicano, per quanto compatibili, le previsioni riportate nel presente Disciplinare per i R.T.I.
I Consorzi di cui all’art. 34, comma 1, lettera b) e c), del D.Lgs. n. 163/2006, sono tenuti ad indicare, per quali consorziati il Consorzio concorre; a questi ultimi è fatto divieto di partecipare alla procedura in qualsiasi altra forma (individuale o associata) pena l’esclusione sia del Consorzio sia dei consorziati.
È consentita la partecipazione da parte di R.T.I. e Consorzi ordinari di concorrenti, anche se non ancora costituiti (quindi, raggruppandi e costituendi); in tal caso l’offerta deve essere sottoscritta da tutte le imprese che costituiranno il R.T.I. o il Consorzio ordinario e contenere l’impegno che, in caso di aggiudicazione della gara, le stesse imprese conferiranno mandato collettivo speciale con rappresentanza ad una di esse, da indicare in sede di offerta e qualificata come mandataria, la quale stipulerà la Convenzione di Servizi in nome e per conto proprio e delle mandanti.

5.2 Avvalimento

Il concorrente – singolo o consorziato o raggruppato – può soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico e organizzativo, avvalendosi dei requisiti di un altro soggetto.
In tal caso, i concorrenti dovranno presentare, a pena di esclusione, la documentazione prevista dall’art. 49, del D.Lgs. n. 163/2006.
Il concorrente e l’impresa ausiliaria sono responsabili in solido delle obbligazioni assunte con la stipula della Convenzione di Servizi.
Nell’ipotesi di ricorso all’avvalimento:

– non è ammesso che della stessa impresa ausiliaria si avvalga più di un concorrente, pena l’esclusione di tutti i concorrenti che si siano avvalsi della medesima impresa;

– non è ammessa la partecipazione contemporanea alla gara dell’impresa ausiliaria e di quella che si avvale dei requisiti di quest’ultima, pena l’esclusione di entrambe le imprese.

5.3 Sub-concessione

Non è ammessa la sub-concessione.

6. Requisiti necessari per la partecipazione

6.1 Requisiti di ordine generale

Saranno esclusi dalla gara i soggetti che:

– incorrano nei motivi di esclusione di cui all’art. 38, del D.Lgs. n. 163/2006 che la Società applica in via di autoregolamentazione;

– non siano in regola con gli oneri contributivi e gli adempimenti previsti nei confronti dell’INPS e dell’INAIL;

– siano stati destinatari delle misure di prevenzione di cui all’art. 6 del D.Lgs. n. 159/2011 e dei divieti, delle sospensioni e/o delle decadenze di cui all’art. 67 del medesimo Decreto;

– si avvalgono dei piani individuali di emersione di cui all’art. 1 bis, comma 14, della L. n. 383/2001.

I concorrenti, il Concessionario dovranno attenersi alle norme in materia di prevenzione e di sicurezza del lavoro imposte dal D.Lgs. n. 81/2008.

6.2 Requisiti di idoneità professionale

Per la partecipazione alla gara i soggetti interessati dovranno, a pena di esclusione:

a) essere iscritti, per attività inerenti il servizio oggetto della presente gara, al Registro delle Imprese presso la competente Camera di Commercio o in uno dei registri professionali o commerciali dello Stato di residenza se si tratta di uno Stato dell’U.E.;

b) essere in possesso di tutti i requisiti richiesti dall’art. 71, del D.Lgs. n. 59/2010 per l’esercizio dell’attività di commercio al dettaglio.

6.3 Requisiti di capacità economico-finanziaria

Per la partecipazione alla gara i concorrenti dovranno, a pena di esclusione:

a) aver realizzato, negli ultimi tre esercizi approvati alla data di presentazione dell’offerta, un fatturato annuo non inferiore a € 800.000,00, oltre IVA, per la gestione di esercizi commerciali di vendita di prodotti editoriali, catalografici, audiovisivi, informatici, oggettistica di design, merchandising, opere d’arte e di design;

b) presentare due dichiarazioni bancarie, rilasciate, a pena di esclusione, da istituto bancario o intermediario a ciò autorizzato ai sensi del D.lgs. n. 385/1993, attestanti la piena affidabilità e solvibilità del concorrente.

Il concorrente che non sia in grado, per giustificati motivi, ivi compreso quello concernente la costituzione o l’inizio dell’attività da meno di tre anni, di presentare le referenze richieste, potrà provare la propria capacità economico-finanziaria mediante qualsiasi altro documento considerato idoneo dalla Concedente.

6.4 Requisiti di capacità tecnica

Per la partecipazione alla gara i concorrenti dovranno, a pena di esclusione:

– presentare l’elenco delle principali attività di cui al precedente punto 6.3, lettera a) e svolte negli ultimi tre esercizi approvati alla data di presentazione dell’offerta, con l’indicazione degli importi, delle sedi, delle date e dei destinatari, pubblici o privati. I servizi prestati a favore di Amministrazioni o Enti pubblici dovranno essere provati tramite i certificati rilasciati e vistati dalle Amministrazioni o dagli Enti medesimi. I servizi prestati in favore di privati dovranno essere dichiarati da questi o, in mancanza, dallo stesso concorrente. Ove l’attività sia stata svolta in proprio, dovrà essere specificata tale situazione indicando, oltre al fatturato, il luogo e il periodo di attività. L’elenco delle attività svolte dovrà dimostrare un importo annuale di almeno € 800.000,00, oltre IVA. Il requisito può essere soddisfatto con l’indicazione di una sola gestione, purché sia attestato l’importo annuo di € 800.000,00, IVA esclusa, per i tre anni di riferimento;

– indicazione e presentazione dei relativi curricula professionali dei soggetti responsabili della gestione e dell’esercizio delle attività di vendita (institori, commessi, ecc.). Il soggetto dotato di poteri gestori (es. institore) dovrà aver operato presso Enti o imprese che svolgano almeno una delle attività indicate al precedente paragrafo 6.3, lettere a) e b), con responsabilità di direzione e di coordinamento e per almeno due anni complessivi;

– indicazione e presentazione del relativo curriculum del Professionista che sarà incaricato della progettazione del nuovo allestimento dello Store Triennale. Tale soggetto dovrà avere una riconosciuta esperienza nell’allestimento di esercizi commerciali di vendita design oriented e/o di beni appartenenti al settore merceologico indicati all’art. 2 del presente Disciplinare e, in particolare, di Store museali;

– indicazione del numero medio annuo di dipendenti del concorrente e il numero di dirigenti impiegati negli ultimi tre anni.

6.5 Dichiarazione in ordine al possesso dei requisiti di partecipazione

Il concorrente dovrà presentare, a pena di esclusione, le dichiarazioni in ordine al possesso dei requisiti di partecipazione, rese ai sensi degli artt. 46 e 47, del D.P.R. n. 445/2000, conformi ai Modelli di cui agli Allegati 4 e 5 al presente Disciplinare.
Con riferimento ai requisiti di ordine generale, si rammenta che:

– in caso di falsa dichiarazione o falsa documentazione, si procederà a quanto stabilito al comma 1-ter dell’art. 38, del D.Lgs. n. 163/2006 e a quant’altro previsto dalla normativa vigente;

– per il contenuto delle attestazioni da dichiarare di cui al comma 1 del citato art. 38, il concorrente dovrà attenersi a quanto stabilito al comma 2, del medesimo art. 38.

Le dichiarazioni relative ai requisiti di cui alle lettere b), c) e m-ter), dell’art. 38, del D.Lgs. n. 163/2006 devono essere riferite a:

– titolare e direttore tecnico se si tratta di impresa individuale;

– soci e direttore tecnico, se si tratta di società in nome collettivo; soci accomandatari e direttore tecnico se si tratta di società in accomandita semplice;

– amministratori muniti di poteri di rappresentanza e direttore tecnico e socio unico persona fisica e socio (persona fisica) di maggioranza, quest’ultimo in caso di società con meno di quattro soci, se si tratta di altro tipo di società o consorzio;

– soggetti cessati dalla carica nell’anno antecedente la data di pubblicazione del Bando; per detti soggetti, tuttavia, il sottoscrittore della dichiarazione è legittimato a dichiarare la loro situazione in materia di condanne, nei limiti “per quanto a propria conoscenza”.

Nel caso di società di capitali con due soli soci i quali siano in possesso, ciascuno, del cinquanta per cento (50%) della partecipazione azionaria, le dichiarazioni previste ai sensi dell’art. 38, comma 1, lettere b) e c), del D.Lgs. n. 163/2006, devono essere rese da entrambi i suddetti soci.
Le dichiarazioni in ordine al possesso dei requisiti di partecipazione dovranno essere, a pena di esclusione, sottoscritte dal legale rappresentante del concorrente (o persona munita da comprovati poteri di firma, la cui procura dovrà essere prodotta unitamente alla dichiarazione).
Le imprese che intendano presentare offerta in R.T.I. o con l’impegno di costituire un R.T.I., ovvero in Consorzio, dovranno, inoltre, osservare le condizioni che seguono, pena l’esclusione dalla gara.
Ciascuna singola impresa in R.T.I., sia costituito sia costituendo, dovrà formulare autonome dichiarazioni in ordine al possesso dei requisiti di partecipazione, conformi ai modelli di cui agli Allegati 4 e 5 al Disciplinare, che dovrà, a pena di esclusione del R.T.I. dalla procedura, essere sottoscritta dal legale rappresentante (o persona munita da comprovati poteri di firma la cui procura dovrà essere prodotta unitamente alla dichiarazione) di ciascuna singola impresa in raggruppamento.

In caso di Consorzio, la dichiarazione dovrà essere presentata, a pena di esclusione:

– per un Consorzio ordinario di concorrenti, costituendo, da ciascuna delle imprese che ne prendono parte;

– per un Consorzio ordinario, già costituito, dal Consorzio medesimo e da ciascuna delle imprese consorziate;

– per un Consorzio di cui al comma 1, lettere b) e c), dell’art. 34, del D.Lgs. n. 163/2006, dal Consorzio medesimo e dalle imprese che per esso partecipano alla presente procedura.

In caso di Consorzi di cui alla lettera b) e c), dell’art. 34, comma 1, del D.Lgs. n. 163/2006, la dichiarazione di cui all’Allegato 4 al Disciplinare, resa dal legale rappresentante o da persona dotata di poteri di firma, dovrà indicare quali sono le imprese consorziate per le quali il Consorzio concorre.

Nella compilazione della dichiarazione di cui all’Allegato 4 al presente Disciplinare, inoltre, i requisiti di ordine generale, di idoneità professionale, di capacità economico-finanziaria e tecnica, richiesti ai fini della partecipazione alla gara, dovranno essere così dichiarati:

– le dichiarazioni attinenti i requisiti di ordine generale e di idoneità professionale di cui ai paragrafi 7.1 e 7.2 del Disciplinare dovranno essere rese:

– in caso di R.T.I. (sia costituendo sia costituito), da ciascuna impresa costituente il raggruppamento;

– in caso di Consorzio ordinario di concorrenti, costituendo, da ciascuna delle imprese che ne prendono parte;

– in caso di Consorzio ordinario già costituito, dal Consorzio medesimo e da ciascuna delle imprese consorziate;

– nel caso di Consorzio di cui al comma 1, lettere b) e c) dell’art. 34 del D.Lgs. n. 163/2006, dal Consorzio e dalle consorziate che parteciperanno allo svolgimento delle attività ovvero dal Consorzio, ove concorrente in proprio;

– la dichiarazione attinente ai requisiti di capacità economico-finanziaria cui al paragrafo 6.3 del presente Disciplinare dovrà essere resa:

– in caso di partecipazione in R.T.I. (costituito o costituendo) o Consorzio ordinario di concorrenti, da ciascuna delle imprese partecipanti al R.T.I. o Consorzio;

– nel caso di Consorzi di cui all’art. 34, comma 1, lettere b) e c), del D. Lgs. n. 163/2006, dal Consorzio e dalle consorziate esecutrici nel rispetto degli artt. 35, del D.Lgs. n. 163/2006 e 277, commi 2 e 3, del D.P.R. n. 207/2010;

– la dichiarazione attinente ai requisiti di capacità tecnica cui al paragrafo 6.4 del presente Disciplinare dovrà essere resa:

– in caso di partecipazione in R.T.I. (costituito o costituendo) o Consorzio ordinario di concorrenti, da ciascuna delle imprese partecipanti al R.T.I. o al Consorzio;

– nel caso di Consorzi di cui all’art. 34, comma 1, lettere b) e c), del D. Lgs. n. 163/2006, dal Consorzio e dalle consorziate esecutrici nel rispetto degli artt. 35, del D.Lgs. n. 163/2006 e 277, commi 2 e 3, del D.P.R. n. 207/2010.

6.6 Partecipazione di R.T.I. e Consorzi

In caso di partecipazione in R.T.I. o Consorzio:

– i requisiti di ordine generale e di idoneità professionaledevono essere posseduti:

– in caso di R.T.I. (sia costituendo sia costituito), da ciascuna impresa costituente il raggruppamento;

– in caso di Consorzio ordinario di concorrenti, costituendo, da ciascuna delle imprese che ne prendono parte;

– in caso di Consorzio ordinario già costituito, dal Consorzio medesimo e da ciascuna delle imprese consorziate;

– in caso di Consorzio di cui al comma 1, lettere b) e c), dell’art. 34, del D.Lgs. n. 163/2006, dal Consorzio medesimo e dalle imprese che per esso partecipano alla presente procedura ovvero dal Consorzio, ove concorrente in proprio.

– i requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnica devono essere posseduti, in caso di partecipazione dei soggetti di cui all’art. 34, comma 1, del D.Lgs. n. 163/2006, nel rispetto delle disposizioni normative rilevanti di cui al medesimo D.Lgs. n. 163/2006 e al D.P.R. n. 207/2010.

In proposito:

– per i R.T.I., costituendo o costituiti, la mandataria dovrà possedere i requisiti in oggetto ed eseguire le prestazioni nella percentuale del 40% e, comunque, in misura maggioritaria. Le mandanti dovranno possedere i requisiti indicati ed eseguire le prestazioni nella misura del 10%;

– per i consorzi ordinari di concorrenti, del D.Lgs. n. 163/2006, costituendo o costituiti, i requisiti in oggetto dovranno essere posseduti da ciascuna consorziata nella misura del 15%;

– per i soggetti di cui all’articolo 34, comma 1, lettere b) e c), del D.Lgs. n. 163/2006, i requisiti in oggetto dovranno essere posseduti dal Consorzio e dalle consorziate esecutrici nel rispetto degli artt. 35, del D.Lgs. n. 163/2006 e 277, commi 2 e 3, del D.P.R. n. 207/2010 (in ogni caso, l’offerta dovrà contenere l’indicazione delle parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori economici consorziati).

Si precisa che la prestazione principale della concessione è la gestione dello Store Triennale e dello Store Triennale Expogate. Le rimanenti sono da intendersi come prestazioni secondarie.

7. Sopralluogo

I concorrenti dovranno procedere, a pena di esclusione, al sopralluogo dello Store Triennale e/o dello Store Triennale Expogate, nelle date e negli orari concordati con la Società, previa domanda inviata all’indirizzo di posta elettronica olivia.ponzanelli@triennale.org. Al termine del sopralluogo sarà rilasciato un attestato del quale la Società conserverà copia e che il Concorrente dovrà presentare in gara secondo le modalità specificate al paragrafo 2, lettera h, della parte II, del presente Disciplinare.

8. Cauzione provvisoria

I concorrenti dovranno presentare, a pena di esclusione, la fideiussione originale rilasciata da un istituto bancario o compagnia assicurativa o intermediario finanziario munito delle necessarie iscrizioni e autorizzazioni nel rispetto delle disposizioni vigenti e applicabili.
La fideiussione dovrà essere sottoscritta, a pena di esclusione dalla procedura, da parte del soggetto garante e dovrà essere presentata unitamente a copia del documento (procura, ecc.) che attesti i poteri del sottoscrittore della fideiussione.
La Società, e per essa la Commissione all’uopo nominata, si riserva di richiedere l’originale del documento che attesti i poteri del sottoscrittore della fideiussione.

La cauzione provvisoria dovrà:

– essere di importo pari a € 18.000,00 (diciottomila/00);

– avere validità per un periodo di almeno 240 (duecentoquaranta) giorni decorrenti dal termine ultimo per il ricevimento delle offerte.

La fideiussione dovrà, a pena di esclusione, prevedere espressamente:

– la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale;

– la rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, comma 2, cod. civ.;

– la piena operatività entro quindici giorni su semplice richiesta scritta della Società.

La cauzione provvisoria copre e potrà essere escussa nei seguenti casi:

– mancata sottoscrizione della Convenzione di Servizi per fatto del concorrente;

– falsa dichiarazione nella documentazione presentata in sede di offerta, ovvero qualora non venga fornita la prova del possesso dei requisiti di ordine generale, di idoneità professionale, di capacità economico-finanziaria e tecnica richiesti;

– mancata produzione della documentazione richiesta per la stipula della Convenzione di Servizi, nel termine stabilito o in quello eventualmente prorogato;

– mancato adempimento di ogni altro obbligo derivante dalla partecipazione alla presente procedura.

La cauzione provvisoria fornita dall’aggiudicatario sarà svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione della Convenzione di Servizi.
L’importo della cauzione provvisoria è ridotto del 50% (cinquanta per cento) per i concorrenti ai quali venga rilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN 45000 e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI EN ISO 9000.
Per fruire di tale beneficio, il concorrente dovrà allegare la copia della certificazione di qualità conforme alle norme europee UNI CEI EN ISO 9000 corredata dalla dichiarazione di autenticità ai sensi dell’art. 19, del D.P.R. n. 445/2000, sottoscritta dal legale rappresentante del concorrente (o persona munita da comprovati poteri di firma, la cui procura dovrà essere allegata).
In alternativa, il possesso del suddetto requisito potrà essere attestato con idonea dichiarazione resa dal concorrente ai sensi dell’art. 47, del D.P.R. n. 445/2000.
Nell’ipotesi di partecipazione in R.T.I. e/o Consorzio ordinario il concorrente può godere del beneficio della riduzione della garanzia solo nel caso in cui tutte le imprese che lo costituiscono siano in possesso della predetta certificazione, attestata da ciascuna impresa secondo le modalità sopra previste.
La Società, e per essa la Commissione all’uopo nominata, si riserva di richiedere l’originale della certificazione.

La cauzione provvisoria dovrà essere prodotta:

– in caso di R.T.I. costituito, dalla Impresa mandataria nella sua qualità di capogruppo del R.T.I. con indicazione, a pena di esclusione, che il soggetto garantito è il raggruppamento;

– in caso di R.T.I. costituendo, da una delle imprese raggruppande con indicazione, a pena di esclusione, che i soggetti garantiti sono tutte le imprese raggruppande, che devono essere tutte singolarmente citate (nella presente ipotesi, la cauzione provvisoria dovrà essere sottoscritta da tutte le imprese raggruppande);

– in caso di Consorzio di cui alle lettere b), c) ed e) dell’art. 34 del D.Lgs. n. 163/2006, a pena di esclusione, dal Consorzio medesimo;

– in caso di Consorzio costituendo, da una delle imprese consorziande con indicazione, a pena di esclusione, che i soggetti garantiti sono tutte le imprese che intendono costituirsi in Consorzio (nella presente ipotesi, la cauzione provvisoria dovrà essere sottoscritta da tutte le imprese consorziande).

8.1 Impegno del fideiussore a rilasciare la cauzione definitiva in caso di aggiudicazione

Il concorrente, a pena di esclusione della procedura, dovrà presentare la dichiarazione di impegno di un fideiussore (istituto bancario o assicurativo o intermediario finanziario munito delle necessarie iscrizioni e autorizzazioni nel rispetto delle disposizioni vigenti e applicabili) a rilasciare, in caso di aggiudicazione, la garanzia fideiussoria per l’esecuzione di quanto oggetto della presente procedura.
In particolare, la predetta dichiarazione dovrà essere sottoscritta da parte del soggetto garante. Peraltro, detta dichiarazione potrà essere contenuta nel testo della fideiussione di cui al precedente paragrafo, ovvero essere contenuta in un documento autonomo e in tale ultimo caso deve essere specificata la denominazione della gara.

9. Criterio di aggiudicazione

L’affidamento del servizio di cui trattasi avverrà secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, in base alla seguente ripartizione del punteggio:

– offerta tecnica (PT): 60 punti;

– offerta economica (PE): 40 punti.

Il Punteggio Totale (PTOT) per ciascuna offerta sarà così determinato:
PTOT = PT + PE
dove:

– PT = somma dei punti attribuiti all’Offerta tecnica;

– PE = somma dei punti attribuiti all’Offerta economica.

10. Scadenza del termine per la presentazione delle offerte

26 febbraio 2016, ore 12.

11. Lingua utilizzabile

Lingua Italiana.

12. Data, ora e luogo di apertura delle offerte

26 febbraio 2016, ore 15, presso la Triennale di Milano, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6, 20121, Milano.

13. Documenti di gara e modalità di acquisizione

La documentazione di gara è costituita dal Bando di gara, dal presente Disciplinare e dai relativi Allegati (che ne costituiscono parte integrante) nonché dallo Schema di Convenzione di Servizi.
La documentazione di gara è pubblicata e scaricabile sul sito www.triennale.org/bandi.

14. Chiarimenti e Responsabile del Procedimento

Gli interessati alla selezione potranno richiedere chiarimenti unicamente via e-mail, da inoltrare all’Ufficio Fundraising e Sponsorship, dott.ssa Olivia Ponzanelli, all’indirizzo olivia.ponzanelli@triennale.org. Le richieste di chiarimenti dovranno pervenire entro il 19 febbraio 2016, ore 12. Non verranno prese in considerazione richieste di chiarimenti pervenute oltre l’anzidetto termine. I chiarimenti verranno pubblicati sul sito www.triennale.org/bandi.
È designato quale Responsabile del Procedimento per la presente procedura il Sig. Andrea Cancellato, quale Amministratore Delegato della Triennale di Milano Servizi S.r.l.

PARTE II – PROCEDIMENTO DI GARA

1. Termini e modalità di partecipazione:

I soggetti interessati alla selezione dovranno fare pervenire, entro e non oltre il 26 febbraio 2016, ore 12, un plico idoneamente sigillato, intestato e indirizzato a: Triennale di Milano Servizi S.r.l. con unico socio, Milano, 20121, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6 e recante all’esterno la seguente dicitura: “Procedura di gara per l’affidamento della concessione per la gestione dello Store della Triennale di Milano e dello Store di Triennale Expogate e dei servizi connessi. NON APRIRE”. All’esterno del plico dovrà altresì essere indicato il nome e l’indirizzo del mittente. Il plico dovrà contenere al suo interno tre buste, anch’esse idoneamente sigillate e riportanti all’esterno le seguenti diciture:

– “A – Documentazione amministrativa”;

– “B – Offerta tecnica”;

– “C – Offerta economica”.

A scelta del soggetto concorrente, il plico potrà essere recapitato a mezzo del servizio postale mediante raccomandata AR, tramite corrieri privati o agenzie di recapito autorizzati ovvero consegnato a mano. In caso di consegna a mano, la consegna dovrà effettuarsi secondo le seguenti modalità: dal lunedì al venerdì dalle ore 09:30 alle ore 12.30, presso l’Ufficio Fundraising e Sponsorship, sito in Milano, 20121, Palazzo dell’Arte, Viale Alemagna, n. 6. Nel caso di consegna a mano sarà rilasciata apposita ricevuta con l’indicazione della data e dell’ora della ricezione.
Il recapito tempestivo del plico resterà ad esclusivo rischio del mittente (restando esclusa ogni responsabilità della Concedente nel caso in cui il plico stesso, per qualsiasi motivo, non pervenga entro il termine previsto) e non saranno presi in considerazione plichi pervenuti dopo la scadenza del termine indicato, nemmeno se sostitutivi o integrativi di precedenti.

2. Contenuto della busta “A – Documentazione amministrativa”

Nella busta “A – Documentazione amministrativa” dovrà essere inserita, a pena di esclusione, la seguente documentazione:

a. Domanda di partecipazione, redatta in carta semplice come da Modello Allegato n. 4 al presente Disciplinare, sottoscritta, a pena di esclusione, dal legale rappresentante del concorrente (o da suo procuratore: in tal caso dovrà essere prodotta la relativa procura, con documento di riconoscimento in corso di validità del sottoscrittore). A corredo della domanda di partecipazione, e comunque all’interno della busta “A – Documentazione amministrativa”, dovrà essere prodotta copia fotostatica del documento di riconoscimento del sottoscrittore. Il documento di riconoscimento dovrà essere in corso di validità;

b. Dichiarazione in ordine al possesso dei requisiti di partecipazione, resa ai sensi degli artt. 46 e 47, del D.P.R. n. 445/2000, conforme al Modello di Dichiarazione di cui all’Allegato n. 4 al presente Disciplinare, nel rispetto delle prescrizioni di cui ai precedenti paragrafi 6.1, 6.2, 6.3, 6.4, 6.5 e 6.6 della parte prima del presente Disciplinare;

c. Dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, come da Modello Allegato n. 5 al presente Disciplinare, con la quale, a pena di esclusione, il titolare (in caso di impresa individuale), ciascun socio (in caso di società in nome collettivo), ciascun socio accomandatario (in caso di società in accomandita semplice), ciascun amministratore munito di poteri di rappresentanza, ovvero il socio unico persona fisica, ovvero il socio di maggioranza (persona fisica) in caso di società con meno di quattro soci (se si tratta di altro tipo di società, società cooperativa, o consorzio) dichiarano di non versare nelle cause di esclusione previste dall’art. 38, comma 1, lettere b), c) e m-ter), del D.Lgs. n. 163/2006, né nelle condizioni di cui agli artt. 6 e 67, del D.Lgs. n. 159/2011. Tale dichiarazione dovrà essere resa anche da ciascun direttore tecnico, se persona diversa dai soggetti sopraindicati. Considerata la particolarità del servizio posto in gara, tale dichiarazione è altresì richiesta al soggetto “Responsabile della gestione”, se persona diversa dai soggetti sopra indicati. A tale soggetto è altresì richiesto di dichiarare, come da modello Allegato n. 5 al presente Disciplinare, il possesso dei requisiti previsti dall’art. 71, del D.Lgs. n. 59/2010, per l’esercizio di attività di commercio al dettaglio. Tale dichiarazione non è richiesta ai soggetti che abbiano già reso, in qualità di legali rappresentanti, la dichiarazione di cui alla precedente lettera b;

d. Dichiarazione con la quale il concorrente attesta di:

– conoscere e di accettare, senza riserva alcuna, tutte le condizioni previste dal Bando di gara, dal Disciplinare e dai relativi allegati che ne costituiscono, tutti, parte integrante e dello Schema di Convenzione di Servizi e ogni altra condizione che regolativa della concessione;

– aver tenuto conto, nella formulazione della propria offerta, di ogni onere e condizione derivante dalle norme di legge applicabili al servizio oggetto di gara, ivi comprese le disposizioni in materia di contrattazione collettiva e di sicurezza dei lavoratori;

– aver tenuto conto, nella formulazione della propria offerta, di tutte le circostanze, generali e particolari, che possano influire sulla determinazione dell’offerta e di giudicare la propria offerta remunerativa;

e. Indicazione del domicilio eletto per le comunicazioni e dell’indirizzo e-mail al quale la Società potrà inviare le comunicazioni;

f. Due dichiarazioni bancarie, rilasciate, a pena di esclusione, da istituto bancario o intermediario a ciò autorizzato ai sensi del D.lgs. n. 385/1993, attestanti la piena affidabilità e solvibilità del concorrente;

g. Cauzione provvisoria di cui al paragrafo 8. del presente Disciplinare;

h. Attestato di avvenuto sopralluogo.

3. Contenuto della busta “B – Offerta tecnica”

Nella busta “B – Offerta tecnica” dovrà essere contenuto il progetto tecnico recante, nel rispetto delle prescrizioni di legge e delle condizioni riportate nel presente Disciplinare di gara, le informazioni di seguito indicate.
In particolare, il progetto dovrà contenere:

– il layout e progetto di allestimento dello Store Triennale;

– l’organizzazione complessiva e lo sviluppo dell’attività di vendita presso lo Store Triennale e lo Store Triennale Expogate (con indicazione del personale impiegato, delle relative qualifiche e competenze professionali);

– le certificazioni, il prezzo, la tipologia, l’innovatività contenutistica e tecnologica, l’assortimento, la capacità attrattiva e rappresentativa della mission della Triennale e gli standard di qualità dei libri, dei cataloghi e del merchandising sui quali si intendono apporre i Marchi (e dei materiali che li costituiscono) nonché il c.d. time to market (tempo necessario per lo sviluppo e la relativa commercializzazione);

– il prezzo, la tipologia, l’innovatività contenutistica, la diffusione (anche in relazione al numero di case editrici) l’assortimento, i tempi di approvvigionamento e gli standard di qualità dei prodotti editoriali, cartografici, audiovisivi, informatici, dei prodotti, degli oggetti e del merchandising non contrassegnati dai Marchi e non editi o prodotti direttamente e/o indirettamente dalla Fondazione e/o dal Museo del Design, che l’Operatore intende porre in vendita. Le attività, le mostre e gli eventi della Triennale dovranno costituire un riferimento essenziale per la selezione e l’offerta dei prodotti;

– le strategie commerciali ipotizzate per la promozione e valorizzazione dei Marchi in ambito nazionale e internazionale, in stretto rapporto al programma degli eventi espositivi previsti all’interno della Triennale;

– il business plan relativo alle attività di cui sopra con separata rendicontazione dei risultati attesi per lo sviluppo dei Marchi e per la vendita dei prodotti contrassegnati;

– la tipologia, il layout, le caratteristiche tecnico-funzionali e le modalità di realizzazione, pubblicazione e gestione del portale di vendita e-commerce (gestione e movimentazione delle merci, modalità di pagamento ipotizzate, tempi e costi di consegna previsti, imprese di spedizioni, gestioni e tempistiche degli eventuali resi, call center dedicato ecc.). Il portale dovrà assicurare, attraverso link e richiami testuali, il collegamento con il sito internet della Fondazione (www.triennale.org).
I contenuti dell’offerta tecnica saranno valutati secondo i criteri di valutazione indicati al punto 6.2, della parte II, del presente Disciplinare.

Il progetto:

– dovrà essere redatto in lingua italiana ed essere sottoscritto in calce, a pena di esclusione, dal legale rappresentante del concorrente (o da suo procuratore: in tal caso dovrà essere prodotta la relativa procura, con documento di riconoscimento in corso di validità del sottoscrittore);

– a pena di esclusione, non dovrà contenere alcun riferimento all’offerta economica del concorrente.

L’offerta tecnica dovrà rispettare quanto previsto dal Bando di gara, dal presente Disciplinare e dallo Schema di Convenzione di Servizi.

4. Contenuto busta “C – Offerta economica”

Nella busta “C – Offerta economica” dovrà essere inserita unicamente l’offerta economica del concorrente che dovrà indicare chiaramente:

– il corrispettivo fisso annuale (al netto dell’IVA);

– la percentuale sul fatturato annuo (al netto dell’IVA) conseguito dalle attività di vendita svolte all’interno dello StoreTriennale;

– la percentuale sul fatturato annuo (al netto dell’IVA) conseguito dalle attività di vendita tramite il portale e-commerce;

– la percentuale sul fatturato annuo (al netto dell’IVA) conseguito dalle attività di vendita attraverso la rete commerciale e di distribuzione dell’Operatore;

– la percentuale sul fatturato per la durata della Concessione (al netto dell’IVA) conseguito dalle attività di vendita svolte all’interno dello Store Triennale Expogate;
che l’Operatore si impegna a riconoscere alla Società.

L’offerta economica dovrà essere espressa in cifre e in lettere ed essere sottoscritta, a pena di esclusione, dal legale rappresentante del concorrente (o da suo procuratore: in tal caso dovrà essere prodotta la relativa procura, con documento di riconoscimento in corso di validità del sottoscrittore).
A fronte di un’eventuale discordanza tra l’importo espresso in cifre e l’importo espresso in lettere sarà ritenuto valido quello espresso in lettere.
L’offerta economica non dovrà contenere oltre due decimali. Non verranno presi in considerazione i decimali oltre il secondo.
A pena di esclusione, l’offerta economica dovrà indicare anche gli oneri per la sicurezza propri dell’attività di ciascun concorrente, non soggetti a ribasso.
Non verranno ammesse offerte in ribasso, alla pari, plurime, parziali o condizionate.
Nella busta “C – Offerta economica”, non dovrà essere inserito alcun altro documento.

5. Contenuto del plico in caso di R.T.I. o di Consorzio

Nella busta “A – Documentazione amministrativa”, dovranno essere presentati e inseriti, a pena di esclusione, i seguenti documenti:

– per il raggruppamento temporaneo già costituito, il mandato collettivo irrevocabile speciale con rappresentanza conferito al concorrente mandatario, risultante da scrittura privata autenticata;

– per il raggruppamento temporaneo ancora da costituire, dichiarazione, da parte di tutti i componenti del costituendo raggruppamento, contenente l’impegno che, in caso di aggiudicazione della gara, gli stessi concorrenti conferiranno mandato collettivo speciale con rappresentanza ad uno di essi, qualificato come mandatario, di cui deve essere esplicitato il nominativo, il quale stipulerà la Convenzione di Servizi in nome e per conto proprio e dei mandanti, nonché l’impegno a conformarsi, in caso di aggiudicazione, alla disciplina vigente in tema di raggruppamenti temporanei di concorrenti;

– per gli R.T.I. o Consorzi, l’offerta dovrà contenere l’indicazione delle parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori economici riuniti o consorziati.
È vietata qualsiasi modificazione alla composizione del raggruppamento rispetto a quella risultante dall’impegno presentato in sede di offerta.

6. Procedura di gara e aggiudicazione:

6.1. I plichi idoneamente pervenuti verranno aperti ed esaminati dal R.U.P., con l’assistenza della Commissione.
La seduta pubblica di apertura delle buste contenenti la documentazione (buste “A”) è stabilita per il 26 febbraio 2016, alle ore 15, presso gli uffici della Triennale di Milano, Viale Alemagna, n. 6, 20121, Milano. Saranno ammessi a partecipare i legali rappresentanti dei concorrenti o i soggetti dai medesimi delegati muniti di delega.
Il R.U.P. provvederà alla verifica della completezza e della regolarità, formale e sostanziale dei plichi pervenuti e delle buste “A – Documentazione”, ivi contenute.
In caso di mancanza, incompletezza e irregolarità della documentazione presentata, il R.U.P. procederà ai sensi delle disposizioni normative applicabili.
La società procederà all’esclusione dalla gara qualora accerti che il concorrente non ha compiuto il sopralluogo obbligatorio dei locali.
Sarà altresì in facoltà del R.U.P. effettuare verifiche circa il possesso dei requisiti dei concorrenti, sulla base delle dichiarazioni da essi presentate.
Al termine delle operazioni di ammissione alla gara, il R.U.P. procederà, in seduta pubblica, all’apertura e alla verifica della regolarità formale delle buste “B – Offerta tecnica”, presentate dai concorrenti ammessi.
Al termine di ciascuna seduta, i plichi saranno richiusi e custoditi in apposito sito, con modalità idonee a garantirne la segretezza.

6.2. Successivamente, in una o più sedute riservate, la Commissione all’uopo nominata dalla Società, procederà alla valutazione dell’offerta tecnica (busta B), per la quale è previsto un punteggio totale massimo di 60 punti.

I criteri in base ai quali la Commissione attribuirà i punteggi relativi al progetto tecnico saranno i seguenti:

– il progetto di allestimento dello Store Triennale riferito all’area espositiva e a quella di vendita, alla funzionalità e attrattività commerciale dell’esercizio, alla coerenza con il sito espositivo (massimo 20 punti);

– l’organizzazione complessiva della attività di vendita (massimo 15 punti), da valutarsi con riguardo:

– alle modalità operative previste, al personale impiegato e alle relative qualifiche e competenze professionali (lingue parlate, ecc.);

– alle strategie commerciali per la gestione di eventi espositivi e per le iniziative promozionali attivabili nonché le eventuali sinergie con altri Enti, pubblici e/o privati e/o con altri settori del mercato, che garantiscano la maggiore efficienza, redditività dell’esercizio e la sua promozione in ambito nazionale e internazionale nonché il miglior coordinamento con le altre attività della Società e della Fondazione;

– al business plan con indicazione dei fatturati e dei costi attesi in modo distinto per i prodotti contrassegnati con i Marchi;

– la tipologia dei prodotti posti in vendita (massimo 15 punti): da attribuirsi in relazione a:

a) prodotti editoriali, cartografici, audiovisivi, informatici, prodotti, oggetti e merchandising non editi o prodotti direttamente e/o indirettamente dalla Fondazione e/o dal Museo del Design e non contrassegnati dai Marchi:

– il prezzo, la tipologia, l’innovatività contenutistica, la diffusione (anche in relazione al numero di case editrici) l’assortimento, i quantitativi e le disponibilità garantite, i tempi di approvvigionamento, gli standard di qualità;

– capacità attrattiva e coerenza sia con i prodotti contrassegnati dai Marchi posti in vendita, sia con il programma espositivo della Triennale e con gli indirizzi scientifici e culturali impartiti dalla Società e della Fondazione;

b) prodotti contrassegnati dai Marchi:

– certificazioni, prezzo, tipologia, innovatività contenutistica e tecnologica, assortimento, capacità attrattiva e rappresentativa delle finalità istituzionali della Triennale e standard di qualità dei prodotti (e dei materiali che li costituiscono) nonché il c.d. time to market (tempo necessario per lo sviluppo e la relativa commercializzazione);

– il progetto di valorizzazione dei Marchi, con indicazione delle prospettive di redditività attesa, di sviluppo e di diffusione in ambito nazionale e internazionale anche attraverso altri canali commerciali (massimo 5 punti);

– il layout, le caratteristiche tecnico-funzionali e le modalità di gestione del portale di vendita e-commerce (gestione e movimentazione delle merci, modalità di pagamento ipotizzate, tempi e costi di consegna previsti, imprese di spedizioni di riferimento, gestioni e tempistiche degli eventuali resi, call center dedicato ecc.) (massimo 5 punti).
I punteggi all’offerta tecnica saranno attribuiti, a ciascuna offerta, come segue. La Commissione assegnerà collegialmente un punteggio (PS) per ognuno dei criteri sopra indicati (entro il limite del relativo punteggio massimo previsto). La Commissione procederà, poi, a sommare i punteggi (PS) conseguiti dalla singola offerta per ciascun criterio, ottenendo così il punteggio totale (PT).

6.3 Al termine delle valutazioni sull’offerta tecnica (busta B), il R.U.P., via e-mail, convocherà in seduta pubblica i concorrenti ammessi e provvederà a dare loro lettura dei punteggi conseguiti relativamente all’offerta tecnica.
In ragione della particolare importanza della procedura, saranno ammessi alla successiva fase di apertura della busta “C – Offerta economica” solamente i concorrenti che avranno riportato un punteggio complessivo per l’offerta tecnica non inferiore a 35 punti.
Il R.U.P. procederà quindi, in seduta pubblica, all’apertura delle buste contenenti l’offerta economica (busta C) e all’attribuzione del relativo punteggio, secondo le modalità seguenti.

Offerta economica. Punteggio massimo: 40 punti, di cui:

– corrispettivo fisso annuale: massimo 15 punti;

– percentuale sul fatturato annuo conseguito dalle attività di vendita all’interno dello Store Triennale: massimo 10 punti.

– percentuale sul fatturato annuo conseguito dalle attività di vendita tramite il portale e-commerce: massimo 5 punti;

– percentuale sul fatturato annuo conseguito dalle attività di vendita tramite la rete commerciale e di distribuzione dell’Operatore: massimo 5 punti;

– percentuale sul fatturato (per la durata della Concessione) conseguito dalle attività di vendita all’interno dello Store Triennale Expogate: massimo 5 punti.

A seguito dell’apertura dell’offerta economica, nell’ipotesi di concorrenti che siano in situazioni di controllo tra loro, la Società provvederà alle verifiche e alla loro eventuale esclusione.
La Società verificherà inoltre la congruità delle offerte, qualora le stesse risultassero anomale.
In tal caso, verrà richiesto al concorrente di fornire idonee giustificazioni relative all’offerta economica e agli altri elementi di valutazione che compongono l’offerta. La Società potrà procedere contemporaneamente alla verifica di anomalia delle migliori offerte, non oltre la quinta.
La Società potrà procedere alla valutazione di congruità di ogni altra offerta che, in base ad elementi specifici, appaia anomala.
A seguito della sommatoria dei punteggi conseguiti dai concorrenti per l’offerta tecnica e per l’offerta economica, la Società indicherà la graduatoria di gara ed il primo concorrente classificato, procedendo nei suoi confronti all’aggiudicazione provvisoria.
L’aggiudicazione avrà luogo anche in presenza di una sola offerta valida, purché ritenuta congrua e conveniente per la Società.

6.4 Successivamente, la Società provvederà all’approvazione della graduatoria e all’aggiudicazione definitiva della concessione. L’aggiudicazione definitiva non equivale ad accettazione dell’offerta e acquisterà efficacia solo a seguito dell’esito positivo delle verifiche compiute dal Soggetto concedente in capo all’Aggiudicatario.
A tal fine, l’aggiudicatario dovrà presentare tutti i documenti necessari a comprovare i requisiti di ordine generale e professionale, nonché i requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnica dichiarati in sede di gara. Rimangono salvi gli oneri di verifica d’ufficio da parte della Società.
Le verifiche potranno essere svolte anche sul secondo concorrente in graduatoria.
Qualora tali verifiche diano esito negativo, la Società procederà all’esclusione del concorrente dalla gara, all’escussione della cauzione provvisoria.
Le offerte dei concorrenti saranno immediatamente impegnative per gli stessi e avranno validità per 180 (centoottanta) giorni dal termine ultimo per la presentazione delle offerte.
Qualora, per qualsiasi circostanza, la concessione non potesse essere aggiudicata al primo classificato, la Società si riserva la facoltà di aggiudicare la gara al concorrente che segue in graduatoria.
La società si riserva altresì la facoltà di non aggiudicare e/o di non stipulare la Convenzione di Servizi qualora nessuna offerta risultasse conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto, senza per questo incorrere in alcuna forma di responsabilità, nemmeno ai sensi degli artt. 1337 e 1338 cod. civ.
Le stazioni appaltanti possono decidere di non procedere all’aggiudicazione.
La presente gara costituisce esclusivamente un invito a presentare offerta, e non costituisce un’offerta al pubblico ex art. 1336 del cod. civ., non vincolando in alcun modo la Società.

7. Stipula della Convenzione di Servizi e altre informazioni
L’aggiudicatario dovrà rendersi disponibile alla stipulazione della Convenzione di Servizi. L’aggiudicatario dovrà rendersi disponibile alla consegna anticipata della gestione, qualora ricorrano circostanze di urgenza.
In considerazione delle proprie esigenze gestionali, la Società si riserva la facoltà di consegnare anticipatamente la gestione anche in pendenza della piena efficacia dell’aggiudicazione definitiva.
Ai fini della stipulazione della Convenzione di Servizi, l’aggiudicatario è tenuto a presentare idonea cauzione definitiva sotto forma di fideiussione rilasciata da un istituto bancario o compagnia assicurativa o intermediario finanziario munito delle necessarie iscrizioni e autorizzazioni nel rispetto delle disposizioni vigenti e applicabili, dell’importo di € 45.000 (quarantacinquemila/00). La cauzione definitiva dovrà essere sottoscritta da parte del soggetto garante e dovrà essere presentata unitamente a copia del documento (procura, ecc.) che attesti i poteri del sottoscrittore della fideiussione. La cauzione definitiva copre gli oneri per il mancato od inesatto adempimento e deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all’eccezione di cui all’articolo 1957, comma 2, cod. civ. nonché l’operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della Società. La mancata costituzione della cauzione definitiva determina la decadenza dell’affidamento e l’acquisizione della cauzione provvisoria di cui al punto 8 della parte I del presente Disciplinare.
La documentazione necessaria ai fini della stipulazione della Convenzione di Servizi sarà richiesta dalla Concedente all’aggiudicatario, che dovrà fornirla nel termine di 10 giorni.
L’aggiudicatario si assume ogni responsabilità per danni a cose e a terzi derivanti dall’esecuzione della Convenzione di Servizi, ed è obbligato a stipulare, presentandone copia prima della stipulazione della Convenzione di Servizi, una polizza assicurativa con primaria compagnia di assicurazione, che dovrà essere consegnata in copia alla Società all’atto della stipula del Convenzione di Servizi, di importo non inferiore a € 3.000.000,00 per sinistro, che tenga indenni la Società e la Fondazione da tutti i rischi connessi ai Servizi quali, a mero titolo esemplificativo, il danneggiamento dei locali e/o degli impianti dello Store. L’assicurazione dovrà, inoltre, prevedere una garanzia di responsabilità civile per danni a terzi derivanti dalla gestione dei Servizi per il medesimo importo (€ 3.000.000,00 per sinistro). Detta polizza assicurativa dovrà essere valida per tutta la durata della Convenzione di Servizi e fino a sessanta giorni successivi al termine della gestione dei Servizi. Resta inteso che eventuali rischi e/o danni non compresi, per qualsiasi motivo, nella predetta polizza rimarranno comunque a carico esclusivo dell’Operatore.
La Società si riserva la facoltà, in caso di fallimento, di liquidazione coatta e/o di concordato preventivo del Concessionario ovvero di recesso e/o di risoluzione della Convenzione, di interpellare progressivamente i soggetti che hanno partecipato all’originaria procedura di gara, risultanti dalla relativa graduatoria, al fine di stipulare una nuova convenzione.
L’utilizzo della modulistica predisposta dalla società non è obbligatorio, a condizione che siano ugualmente presentate tutte le informazioni/dichiarazioni ivi richieste.
In caso di contrasto tra quanto previsto nel presente Disciplinare e nella modulistica, prevale quanto previsto nel presente Disciplinare, salvo il caso di errore materiale.
È obbligatorio il rispetto dalle vigenti disposizioni in materia di normativa antimafia.
Le modalità e i termini di pagamento sono indicate nello Schema di Convenzione di Servizi.
Le disposizioni normative del D.Lgs. n. 163/2006 e del D.P.R. n. 207/2010 richiamate nel Bando di gara, nel presente Disciplinare e nei relativi allegati saranno applicate dalla Società esclusivamente in via di autoregolamentazione.
Per ogni controversia derivante dall’interpretazione e dall’esecuzione della Convenzione di Servizi sarà competente il Foro di Milano.
Milano, 01 Febbraio 2016

Documentazione e allegati:

BANDO DI GARA
DISCIPLINARE DI GARA
CONVENZIONE DI SERVIZI TRIENNALE OPERATORE
ALLEGATO N. 1 AL DISCIPLINARE – PLANIMETRIA STORE TRIENNALE
ALLEGATO N. 2 AL DISCIPLINARE – PLANIMETRIA STORE TRIENNALE EXPOGATE
ALLEGATO N. 3 AL DISCIPLINARE – ELENCO MARCHI TRIENNALE
ALLEGATO N. 4 AL DISCIPLINARE
ALLEGATO N. 5 AL DISCIPLINARE