Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Alessandro Sciarroni
FOLK-S will you still love me tomorrow?

14 - 15 DIC 2017

FOLKS-S will you still love me tomorrow?
di Alessandro Sciarroni
con i Folk-dancer Marco D’Agostin‚ Pablo Esbert Lilienfeld‚ Francesca Foscarini‚
Matteo Ramponi‚ Alessandro Sciarroni‚ Francesco Vecchi
musiche Pablo Esbert Lilienfeld
video e immagini Matteo Maffesanti
disegno luci Rocco Giansante

foto Andrea Macchia
Teatro Astra
24 Maggio 2013
Festival INTERPLAY/013
Ingresso
Biglietto intero 15,00 Euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65) 10,00 Euro
Biglietto studenti 7,00 Euro
Orari
Ore 20.00
Durata a discrezione del pubblico e dei performer
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
FOLK-S è uno spettacolo ipnotico, un’idea bizzarra che gioca con il ritmo della danza. Uno dei lavori più acclamati e rappresentati di Alessandro Sciarroni.

“Una performance perfetta. Vero capolavoro.”
La Repubblica

FOLK-S è uno spettacolo ipnotico, un’idea bizzarra che gioca con il ritmo della danza. Alessandro Sciarroni porta in scena una pratica performativa che ripensa il rapporto tra l’azione coreografica e il tempo, creando una relazione empatica tra il pubblico e i danzatori. La performance non finisce fino a quando almeno uno degli interpreti continua a danzare e almeno uno degli spettatori rimane a guardarlo.
Il lavoro nasce da una riflessione sui fenomeni popolari di danza folk antica, sopravvissuti alla contemporaneità. Lo Schuhplattler, termine che letteralmente significa “battitore di scarpe”, è un ballo tipico bavarese e tirolese e consiste nel battere le mani sulle proprie gambe e sulle calzature. Il ballo viene qui inteso come regola, come un flusso di immagini che segue il ritmo e la forma, non il contenuto.
Nella ripetizione decontestualizzata geograficamente e culturalmente, l’elemento folk trova la sua più chiara rivelazione. Così il folk e il popolare, sottratti alla matrice sonora originaria, paiono battersi e fondersi con la condizione contemporanea, in continua lotta per la sopravvivenza.
Uno dei lavori più acclamati e rappresentati di Alessandro Sciarroni.

 

Alessandro Sciarroni è un artista attivo nell’ambito delle performing arts, con un’esperienza che tocca le arti visive e la ricerca teatrale. I suoi progetti vengono rappresentati in festival di danza e teatro, musei, gallerie d’arte, in spazi non convenzionali, e coinvolgono performer provenienti da diverse discipline. Il suo lavoro, caratterizzato da rigore e coerenza formale, cerca di scoprire le ossessioni, le paure e le fragilità presenti nell’atto performativo attraverso movimenti ripetitivi, andando oltre i limiti della resistenza fisica e sfidando gli interpreti. JOSEPH (2011), FOLK-S (2012), Untitled (2013), JOSEPH_kids (2013), Aurora (2015), CHROMA_turning_project (2014-2017) sono tra le sue produzioni più recenti e sono state presentate al Kunstenfestivaldesarts di Bruxelles, al Centre Pompidou e a Le Centquatre di Parigi, al MAXXI di Roma, a Impulstanz Festival a Vienna, all’Abu Dhabi Art Fair e in molti altri centri culturali. Nel 2013 e nel 2014 viene invitato a creare due eventi per la sezione danza della Biennale di Venezia, diretta da Virgilio Sieni. Partecipa a numerosi progetti europei e residenze di ricerca, quali Choreographic Dialogues (2010), Choreoroam (2011), Performing Gender (2014), Migrant Bodies (2014-15). Nel 2015 con Aurora riceve il supporto della Fondation d’Entreprise Hermès. Dal 2016 è artista associato al centro d’arte Le Centquatre di Parigi. Nel 2017 riceve il Premio Hystrio-Corpo a Corpo. È sostenuto da Marche Teatro.

 

Credits


invenzione, drammaturgia: Alessandro Sciarroni
interpreti: Marco D'Agostin, Pablo Esbert Lilienfeld, Matteo Ramponi, Anna Bragagnolo, Francesco Vecchi, Amy Bell
suono: Pablo Esbert Lilienfeld
video e immagini: Matteo Maffesanti
disegno luci: Rocco Giansante
abiti: Ettore Lombardi
faith coaching: Rosemary Butcher
consulenza drammaturgica e casting: Antonio Rinaldi
consulenza coreografica: Tearna Schuichplattla
direttore di produzione: Marta Morico
organizzazione: Benedetta Morico
ufficio stampa: Beatrice Giongo
amministrazione: Chiara Fava
cura del progetto e promozione: Lisa Gilardino
una produzione: Marche Teatro Teatro di Rilevante Interesse Culturale, Progetto Archeo.S - System of Archeological Sites of the Adriatic Seas cofinanziato dal programma di Cooperazione Transfrontaliera Cross-Border Cooperation IPA-Adriatico
in collaborazione con: Corpoceleste_C.C.00#
e con: Inteatro, Amat-Civitanova Danza per “Civitanova Casa della Danza”, Centrale Fies, ChoreoRoam
Europe: Centro per la Scena Contemporanea - Comune di Bassano del Grappa, The Place/London, Dansateliers/Rotterdam, Dance Week Festival/Zagreb e Paso a 2/Certamen Coreográfico de Madrid
foto: Andrea Macchia

ta1718_loghi_sito

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved