Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

ALESSANDRO SERRA
Macbettu

13 - 16 DIC 2018

img-sito
Ingresso
Biglietto intero: 22 euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65): 16 euro
Biglietto studenti: 11 euro
Orari
Giovedì - sabato ore 20.00
Domenica ore 16.00
Durata 90'
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
Torna al Teatro dell'Arte Macbettu, uno degli spettacoli più acclamati e premiati del 2017.

“L’atmosfera è onirica e abissale, l’interpretazione rigorosa e asciutta, la regia impeccabile.“ Il Sole 24 Ore

Vincitore del Premio Ubu come Miglior spettacolo del 2017, Macbettu di Alessandro Serra, originale e intensa rivisitazione del capolavoro shakespeariano, è stato il grande successo nazionale e internazionale iniziato proprio al Triennale Teatro dell’Arte a maggio 2017.
Quella del talentuoso regista è una proposta visionaria e audace, che traspone il Macbeth nel cuore di un’immaginaria Barbagia. Come nella più pura tradizione elisabettiana, lo spettacolo e interpretato da soli uomini e il testo è recitato in sardo. La lingua trasforma ciò che in italiano rimarrebbe confinato alla sfera letteraria, i gesti e i suoni sono potenti e dirompenti, a evocare una dimensione immaginifica dove emergono le molteplici analogie tra il Macbeth, i riti e le maschere della Sardegna.

Alessandro Serra si avvicina al teatro attraverso gli esercizi di trascrizione per la scena delle opere cinematografiche di Ingmar Bergman. Si forma come attore a partire dallo studio delle azioni fisiche e dei canti vibratori nel solco della tradizione di Grotowski per poi arrivare alle leggi oggettive del movimento di scena trascritte da Mejercho’ld e Decroux. Integra la sua formazione teatrale con le arti marziali che pratica sin da giovanissimo. Nel frattempo si laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo all’Università la Sapienza di Roma con una tesi sulla drammaturgia dell’immagine. Fondamentale, negli ultimi anni di formazione, l’incontro con Yves Lebreton e il suo metodo del Teatro Corporeo. Nel 1999 fonda la Compagnia Teatropersona, con la quale comincia a mettere in scena le proprie creazioni che scrive e dirige, curandone le scene, i costumi, le luci e i suoni.

La compagnia Teatropersona è stata fondata nel 1999. Dopo un iniziale interesse per l’ambito di ricerca legato al Terzo Teatro e al lavoro sulle azioni fisiche di Grotowski, la formazione della compagnia si è focalizzata sullo studio dei principi della biomeccanica di Mejerchol’d, integrandoli con i fondamentali delle arti marziali e del teatro orientale. A partire dalle tecniche fonatorie tradizionali, la compagnia ha approfondito lo studio della voce attraverso la pratica dei canti vibratori e del canto gregoriano con Padre Emanuel Roze, presso l’Abbazia di Sant’Antimo. Fondamentale negli ultimi anni è stato l’incontro con Yves Lebreton e il suo metodo del Teatro Corporeo. Teatropersona crea i propri spettacoli attraverso un lavoro di ricerca teatrale fondato sulla centralità dell’attore e la composizione dell’immagine. Parallelamente al lavoro di ricerca, si occupa anche di pedagogia teatrale attraverso seminari e atelier creativi. La compagnia produce spettacoli per bambini e adulti presentati in Italia, Francia, Russia, Svizzera, Polonia, Corea del Sud, Germania, Spagna. Tra i lavori più significativi di Teatropersona, oltre a Macbettu, ricordiamo Trattato dei manichini, vincitore nel 2009 del premio ETI (Ente Teatrale Italiano) nuove creatività e del premio di scrittura di scena Lia Lapini; A U R E (2011), selezionato per la Biennale di Venezia Teatro nella sezione Young Italian Brunch / La nuova creazione scenica italiana; Il grande viaggio (2013), spettacolo vincitore del premio del pubblico al Fit Festival di Lugano 2014; H+G (2015), in coproduzione con Accademia Arte della Diversità, spettacolo vincitore Eolo Awards come miglior novità di teatro ragazzi e giovani 2016/2017; FRAME, realizzato nello stesso anno in coproduzione con Cantieri Teatrali Koreja.

Credits


di: Alessandro Serra
tratto da: Macbeth di William Shakespeare con: Fulvio Accogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino
traduzione in sardo e consulenza linguistica: Giovanni Carroni
collaborazione ai movimenti di scena: Chiara Michelini
musiche pietre sonore: Pinuccio Siola
composizioni pietre sonore: Marcellino Garau
regia, scene, luci, costumi: Alessandro Serra
produzione: Sardegna Teatro e Compagnia Teatropersona
con il sostegno di: Fondazione Pinuccio Sciola | Cedac Circuito Regionale Sardegna
foto © Alessandro Serra

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved