Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Antonio Latella Stabilemobile
Aminta

17-20 GEN 2019

aminta_latella_ph_brunella_giolivo_da_sx_giuliana_vigogna_emanuele_turetta_matilde_vigna_michelangelo_dalisi
Ingresso
Biglietto intero: 22 euro (Ridotto ATM 16,50 euro)
Biglietto ridotto (under 30/over 65/gruppi): 16 euro
Biglietto studenti: 11 euro
Orari
Giovedì - sabato ore 20.00
Domenica ore 16.00
Durata 115’ con intervallo
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
Uno dei più importanti registi italiani si confronta con le suggestioni dell'Aminta di Torquato Tasso.

“Una scabrosità che spiazza, ammalia e perturba.”
La Repubblica

Uno spettacolo “sull’essenza dell’amore e della sua ricerca”, una partitura rock che passa da Monteverdi ai Can a PJ Harvey sulla traccia (fedelissima) di un grande classico della letteratura italiana. Antonio Latella, figura di spicco del teatro europeo e Direttore del Settore Teatro della Biennale di Venezia, arriva al Triennale Teatro dell’Arte a più di due anni dall’acclamato Pinocchio per presentare il suo ultimo lavoro, Aminta.
Il celebre dramma pastorale porta questa volta il regista campano, insieme alla sua compagnia stabilemobile, a confrontarsi con Torquato Tasso partendo dalla compresenza nella sua opera di due forze solo apparentemente contrapposte: la spregiudicata ricerca di innovazione linguistica e la tensione verso un classicismo da reinterpretare.
Il confronto con il rigore del verso di Tasso diventa per Latella un possente stimolo creativo, del quale la colonna sonora di Franco Visioli costituisce il motore e i quattro straordinari interpreti, immersi in una scena scura ed essenziale, il fulcro di una ricerca il cui oggetto non è l’Amore in quanto scoperta, ma la forma sempre differente che esso assume in ogni essere umano.

Attore, regista, drammaturgo di fama europea, Antonio Latella vive a Berlino dal 2004. Ha studiato recitazione presso la scuola del Teatro Stabile di Torino, diretta da Franco Passatore, e alla Bottega Teatrale di Firenze, fondata da Vittorio Gassman. Come attore è stato diretto da Pippo Di Marca, Luca Ronconi, Giuseppe Patroni Griffi, Massimo Castri, Elio De Capitani, Walter Pagliaro, Tito Piscitelli, Vittorio Gassman. Ma è il lavoro di regista, che ha iniziato nel 1998, a conferirgli fama nazionale ed europea, portando i suoi spettacoli nei massimi teatri e festival internazionali, da Avignone a Vienna e Salisburgo. Nel 2001 ha vinto il suo primo Premio Ubu per il progetto Shakespeare e oltre e, nel 2004, il Premio Gassman come miglior artista dell’anno. Nel 2011 ha fondato la sua compagnia stabilemobile. Nel 2013 ha ricevuto il suo quarto Premio Ubu. Come regista d’opera ha debuttato nel 2004 a Lione con L’Orfeo di Claudio Monteverdi, a cui sono seguiti Orfeo ed Euridice di Gluck e Tosca di Giacomo Puccini. Fra gli ultimi spettacoli realizzati da Latella si ricordano: Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams (2012), Die Wohigesinnten (Le benevole) (2013), tratto dal romanzo dell’autore franco-americano Jonathan Littell e prodotto dalla Schauspielhaus di Vienna con cast austriaco (2013), L’importanza di essere Earnest da Oscar Wilde (2015). Nel 2016 ha presentato Edipo da Sofocle al Theater Basel e la maratona Santa Estasi – Atridi: otto ritratti di famiglia al Teatro delle Passioni di Modena con attori e drammaturghi del Corso di alta formazione della Fondazione Emilia Romagna Teatri. Ha curato la Direzione artistica del Teatro Nuovo di Napoli per la stagione 2010/2011. Nel 2016 è stato nominato Direttore del Settore Teatro della Biennale di Venezia per il triennio 2017-2020.

Credits


di: Torquato Tasso
regia: Antonio Latella
con Michelangelo Dalisi, Emanuele Turetta, Matilde Vigna, Giuliana Bianca Vigogna
drammaturga: Linda Dalisi
scene: Giuseppe Stellato
costumi: Graziella Pepe
musiche e suono: Franco Visioli
luci: Simone De Angelis
movimenti: Francesco Manetti
assistente alla regia: Francesca Giolivo
production: Brunella Giolivo
management: Michele Mele
produzione: stabilemobile
in collaborazione con: AMAT e Comuni di Macerata e Esanatoglia nell’ambito di “Marche inVita. Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma”
progetto di MiBAC e Regione Marche coordinato da Consorzio Marche Spettacolo
© Andrea Pizzalis per Centrale Fies

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved