Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Bienoise
Chevel Palm Wine
C2C Soundsystem
The Italian New Wave

1 GIU 2018

c2c_the-italian-new-wave_sito
Ingresso
Biglietto intero 15,00 Euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65) 10,00 Euro
Biglietto studenti 7,00 Euro
Orari
Ore 22.30
Dove
Giardino della Triennale
CONDIVIDI
The Italian New Wave è il format ideato dal festival torinese Club To Club (tra i più importanti appuntamenti europei con la musica avant-pop), che promuove la nuova creatività italiana nel mondo con eventi dal vivo e contenuti esclusivi.

“The Italian New Wave è uno spaccato sulla creatività musicale italiana.” La Stampa

The Italian New Wave è il format ideato dal festival torinese Club To Club, tra i più importanti appuntamenti europei con la musica avant-pop.
ITNW è costituito da un roster accuratamente selezionato di artisti che, con la propria produzione unica e innovativa, sposano l’attitudine e lo stile di Club To Club, rappresentandone una vetrina ideale.
Dal 2012 a oggi gli showcase di The Italian New Wave sono stati co-presentati da realtà del calibro di Barbican Centre (UK), Unsound Festival (PL), Romaeuropa Festival, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Castello di Rivoli e Reggia di Venaria e hanno toccato le città di New York, Londra, Milano, Roma e Torino.
A FOG The Italian New Wave presenta tre dei talenti di punta della sua scuderia (Palm Wine, Chevel, Bienoise) insieme alla selezione musicale creata da Club To Club Soundsystem.

21.30>23.00 musica in sottofondo a basso volume per walk in
23.00>23.50 Chevel dj set (50min)

23.50>00.50 Bienoise live (60 min)

00.50>01.40 Palm Wine dj set (50min)

 

Palm Wine è un progetto di Simone Bertuzzi lanciato in formato blog nel 2009: un’apertura verso i movimenti dei suoni e degli immaginari nel mondo post-globale. Palm Wine suona regolarmente come dj proponendo calde sonorità border-crossing: dancehall, dub, tarraxinha, kuduro, azonto, afro beats, ukbass, rasterinha e tutti i sub-generi catalogabili sotto la definizione di “tropical bass”. Dal 2013 al 2015 organizza Bunker Sonidero, un party mensile a Torino che ha ospitato artisti internazionali come Venus X, Chief Boima, Dubbel Dutch, Dj Marfox e molti altri. Collabora per festival ed eventi, tra i quali OPEN (Triennale di Milano, 2012), Sonido Classics (Milano, 2016), MASH (Milano, 2015/2016). Insegna Progettazione Multimediale all’Accademia di Belle Arti di Bergamo e occasionalmente lavora come promoter. Simone Bertuzzi è inoltre metà del duo artistico Invernomuto, attivo nell’ambito delle arti visive dal 2003. 

Chevel è lo pseudonimo di Dario Tronchin, techno DJ italiano, proprietario e produttore di etichette, le cui opere spaziano da ipnotici, minimalisti riempitivi di pavimento a esperimenti glitchy e complicati. Originario di Treviso, Tronchin si trasferisce a Berlino nel 2008, dove il suo sound cambia radicalmente. Dopo questo periodo lascia la sua etichetta Enklav, formata da musicisti che condividono la stessa attitudine alla sperimentazione sonora. Alla fine del 2015 con il Blurse LP su Stroboscopic Artefacts attira l’attenzione della stampa internazionale, come The Wire, ResidentAdvisor e Pitchfork. È stato definito un “giovane produttore che non solo sta facendo techno ma la sta smontando, riorganizzando e rompendo”. 

Bienoise, nome d’arte di Alberto Ricca, si diploma nel 2014 in Musica elettronica presso il Conservatorio di Como, dopo una laurea in Linguaggi dei Media e il Master in Composizione al Centro Sperimentale di Cinematografia. Come Bienoise, nel dicembre 2015 pubblica l’album Meanwhile, Tomorrow per White Forest Records, considerato da molte riviste specializzate uno dei migliori album italiani dell’anno. Pubblica anche per Concrete Records (Small Hopes of Common People, un album di colonne sonore per film mai finiti, 2015), Bitcrusher (Sono una Teiera Tonda/Il mio beccuccio è a forma d’onda, 2010, col suo alias Maestro delle Metope). Dal 2015 è tra i protagonisti di The Italian New Wave, progetto di Club To Club Festival che promuove la nuova creatività musicale italiana su scala internazionale. Nel 2014 è stato scelto da Red Bull per rappresentare l’Italia alla Academy di Tokyo. È uno dei fondatori dell’etichetta e collettivo di musica improvvisata Floating Forest Records. Collabora, tra gli altri, con l’Istituto Europeo di Design di Milano per l’insegnamento delle tecniche produttive e performative della musica elettronica. Non è un dj.

Credits


foto © Luca Chiaudano

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved