Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Eugenio Barba
Lorenzo Gleijeses
Julia Varley
Una giornata qualunque del danzatore Gregorio Samsa

24-27 GEN 2019

eugenio-barba_w
Ingresso
Biglietto intero: 22 euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65/gruppi): 16 euro
Biglietto studenti: 11 euro
Spettacolo inserito nell'abbonamento Invito a Teatro
Orari
Giovedì – Sabato ore 20.00
domenica ore 16.00
Durata 60'
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
Eugenio Barba, una delle icone del teatro contemporaneo, presenta la sua prima regia al di fuori dall’Odin Teatret.

“Uno degli artisti che piu` ha influenzato e lasciato un segno nella scena internazionale.“ La Repubblica

Il secondo protagonista del ciclo dedicato ai Grandi Maestri è Eugenio Barba, che firma la sua prima regia fuori dall’Odin Teatret (compagnia di culto mondiale di cui è fondatore e direttore), insieme a Lorenzo Gleijeses e alla storica attrice dell’Odin Julia Varley. A completare la formazione artistica, Mirto Baliani per le musiche dal vivo, Michele Di Stefano, coreografo di mk e Leone d’Argento alla Biennale di Venezia 2014, e per la consulenza sul testo, la drammaturga e attrice della compagnia Fanny & Alexander Chiara Lagani.
Un progetto che prende le mosse da un lavoro intorno all’opera di Franz Kafka, in cui si intersecano tre diversi nuclei narrativi: alcuni elementi biografici dello stesso scrittore; la vicenda del personaggio centrale de La Metamorfosi, Gregorio Samsa; quella di un immaginario danzatore omonimo che, in una contemporaneità claustrofobica, rimane prigioniero della ripetizione ossessiva dei propri materiali performativi.

 

Eugenio Barba è un regista teatrale italiano, fondatore e direttore dell’Odin Teatret. È una figura di spicco del teatro contemporaneo mondiale. Vincitore del prestigioso Premio Sonning (riconoscimento tributato, tra gli altri, a Leonard Bernstein, Bertrand Russell, Niels Bohr e Karl Popper), è considerato uno dei maggiori intellettuali europei. Noto come allievo e amico di Jerzy Grotowski è ritenuto, insieme a Peter Brook, l’ultimo maestro occidentale vivente. Con il percorso ultra-cinquantennale dell’Odin, Barba ha modificato il concetto di lavoro dell’attore avviato dal regista polacco, attraverso una pratica teatrale che porta l’attore a contatto con la propria ricerca interiore.

Lorenzo Gleijeses ha debuttato in teatro nel 1991 con il padre Geppy e con Regina Bianchi. Dal 2000 al 2004 ha incontrato diversi tipi di pedagogie teatrali, lavorando con numerosi maestri internazionali come Lindsay Kemp, Eimuntas Nekrosius, Yoshi Oida, Eugenio Barba, il Workcenter di Jerzy Grotowski, Augusto Omolù, Michele Di Stefano/mk. Dal 2001 è allievo di Julia Varley dell’Odin Teatret; insieme hanno creato lo spettacolo Il figlio di Gertrude, per il quale ha ricevuto il Premio Ubu 2006 come Nuovo Attore, ed è stato candidato agli Oscar Olimpici del Teatro-Premi E.T.I. come migliore attore emergente. I suoi lavori hanno ricevuto ospitalità in alcuni degli spazi teatrali e dei festival più rappresentativi della scena nazionale. Ha diretto workshop e laboratori in diverse università e centri teatrali come il DAMS di Bologna e Torino, il Teatro di Roma, il Mercadante Teatro Stabile di Napoli, il Teatro Stabile di Calabria, il progetto Punta Corsara a Napoli, la Scuola del Teatro Nazionale di Napoli/Mercadante. Dal 2009 al 2011 è stato ideatore e direttore artistico di Quirino Revolution MAD, festival internazionale che ha aperto lo storico teatro romano alla sperimentazione teatrale e all’indagine dei nuovi linguaggi nelle arti performative.

Julia Varley è dal 1976 l’attrice icona dell’Odin Teatret. Oltre a recitare, è attiva nel campo della direzione, dell’insegnamento, dell’organizzazione e della scrittura. Con l’Odin ha insegnato in scuole e università di tutto il mondo sintetizzando la propria esperienza in quattro dimostrazioni di lavoro: L’eco del silenzio, Il fratello morto, Testo Azione Relazioni e Il tappeto volante. Dal 1990 collabora alla concezione e organizzazione dell’ISTA (International School of Theatre Anthropology) e dell’Università del Teatro Eurasiano, entrambe dirette da Eugenio Barba. Nel 1986 ha creato The Magdalena Project, un network di donne del teatro contemporaneo. Dirige il Transit Theatre Festival a Holstebro, ed è redattrice di “The Open Page”, un giornale dedicato al lavoro delle donne in teatro. In connessione con le produzioni interculturali dell’Odin Teatret e del Festuge di Holstebro, intrattiene una duratura collaborazione pedagogica con gruppi di giovani attori, sia in Danimarca sia all’estero. È stata assistente alla regia per i film Anabasis, On the Two Banks of the River e per la produzione del film Come! And the Day Will Be Ours. Ha scritto due libri: Vento dell’Ovest – Romanzo di un personaggio teatrale (Odin Teatret Forlag, Denmark) e Pietre d’Acqua. Taccuino di un’attrice dell’Odin Teatret (Ubulibri). Suoi articoli e saggi sono stati pubblicati su “Mime Journal”, “New Theatre Quarterly”, “Teatro e Storia”, “Conjunto”, “Lapis”, “The Open Page”, “Performance Research”, “Teatro XXI” e “Máscara”.

Credits


drammaturgia e regia: Eugenio Barba, con Lorenzo Gleijeses e Julia Varley
con: Lorenzo Gleijeses
musiche originali (eseguite dal vivo): Mirto Baliani
oggetti coreografici frutto di un incontro con il coreografo Michele Di Stefano nell'ambito del progetto 58° Parallelo Nord
produzione: Fondazione TPE, Nordisk Teaterlaboratorium e Gitiesse Artisti Riuniti
foto © Fondazione Campania Dei Festival – Sabrina Cirillo

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved