Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo chiusi

Orari di apertura

Oggi siamo chiusi

Milo Rau/IIPM
Campo
Five Easy Pieces

14 - 15 OTT 2017

five-easy-pieces-sito
Ingresso
Biglietto intero 20,00 Euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65/gruppi) 15,00 Euro
Biglietto studenti 10,00 Euro 15,00 Euro
Biglietto studenti 10,00 Euro
Orari
Sabato ore 20.00
Domenica ore 16.00
Durata: 100'
Spettacolo in fiammingo sovratitolato in italiano
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
La stampa internazionale ha definito Milo Rau il regista “più controverso della sua generazione” e “il più richiesto d’Europa”. Per la prima volta viene presentato a Milano un suo spettacolo teatrale.

“Lo spettacolo più sconvolgente e toccante degli ultimi 10-15 anni.
Assolutamente da non perdere.”
RTBF Radio

Per il tema trattato, lo spettacolo è rivolto a un pubblico adulto.

Regista, saggista e documentarista, Milo Rau insieme alla sua casa di produzione International Institute of Political Murder (IIPM) è acclamato nei più importanti teatri e festival europei. La stampa l’ha definito il regista “più controverso della sua generazione” e “il più richiesto d’Europa”. Arriva per prima volta a Milano con uno spettacolo teatrale.
I suoi lavori si fondano su testimonianze dirette e ricostruzioni di eventi reali. Non si tratta però di teatro documentario, nella poetica di Milo Rau la rappresentazione scenica acquisisce la stessa forza della realtà.
Five Easy Pieces, pièce creata in collaborazione con il centro d’arte belga CAMPO, coinvolge bambini e ragazzi tra i 9 e i 13 anni e mette in scena un episodio tragico della storia del Belgio legato alla figura del pedofilo e assassino Marc Dutroux. Lo spettacolo mostra un’immagine inquietante della società contemporanea e si articola in cinque scene in cui i giovani attori interpretano i diversi ruoli della vicenda, rivelando i limiti di ciò che i bambini sanno, provano e fanno. Come possono davvero comprendere il significato della manipolazione, l’empatia, la perdita, la delusione o la ribellione? Cosa vuol dire coinvolgere i bambini in un teatro per adulti? Cosa ci rivela delle nostre paure e dei nostri desideri?

 

Milo Rau è un regista di teatro e cinema, giornalista e saggista. Studia sociologia, filologia e letteratura romanza e germanica a Parigi, Berlino e Zurigo, con mentori come il sociologo Pierre Bourdieu e il filosofo Tzvetan Todorov. Nel 2007 fonda la casa di produzione International Institute of Political Murder (IIPM). I suoi spettacoli e film sono stati presentati in oltre venti paesi. Nel 2014 riceve il premio del teatro svizzero, il premio Hörspielpreis der Kriegsblinden per il miglior radiodramma (con Hate Radio), il premio della giuria al Festival Politik im Freien Theater (con The Civil Wars) e il premio speciale della giuria al German Film Festival (con The Moscow Trials). Nel 2015 gli viene assegnato l’importante premio Konstanzer konzilspreis e nel 2016 il premio dell’International Theatre Institute, nell’ambito della Giornata mondiale del teatro. Tra i suoi lavori più rappresentati, Last Days of the Ceausescus (2009), spettacolo/film che ripercorre il processo farsa contro il dittatore Nicolae Ceausescu e sua moglie, Hate Radio (2011), sul ruolo dell’emittente radiofonica RTLM nel genocidio ruandese del 1994, The Civil Wars (2014), che analizza i presupposti dell’insurrezione e dell’impegno politico attraverso il vissuto degli attori in scena, The Moscow Trials e The Zurich Trials (2013), in cui sperimenta il format dei processi teatrali. Dal 2017 è direttore artistico del centro teatrale NTGent.

Un progetto Triennale Teatro dell’Arte e ZONA K.

Con il contributo di Pro Helvetia e con il patrocinio del Consolato generale di Svizzera a Milano.

 

Credits


ideazione, testo e regia: Milo Rau
testo e performance: Aimone De Zordo, Fons Dumont, Arno John Keys, Blanche Ghyssaert, Lucia Redondo, Pepijn Siddiki, Hendrik Van Doorn, Eva Luna Van Hijfte
performance film: Sara De Bosschere, Pieter-Jan De Wyngaert, Johan Leysen, Peter Seynaeve, Jan Steen, Ans Van den Eede, Hendrik Van Doorn, Annabelle Van Nieuwenhuyse
drammaturgia: Stefan Bläske
assistente alla regia e performance
coach: Peter Seynaeve
ricerche: Mirjam Knapp e Dries Douibi
scene e costumi: Anton Lukas
video e sound design: Sam Verhaert
cura dei bambini e assistente alla produzione: Ted Oonk
coach musicale: Herlinde Ghekiere
coach per l’articolazione vocale: Françoise Vanhecke scenografie: Ian Kesteleyn
tecnica: Bart Huybrechts, Korneel Coessens, Piet Depoortere
seconda camere: Alexander Van Waes
sound video: Henk Rabau
production management: Wim Clapdorp, Mascha Euchner-Martinez, Eva-Karen Tittmann
tour management: Leen De Broe
diffusione: Marijke Vandersmissen
produzione: CAMPO & IIPM
co-produzione: Kunstenfestivaldesarts, Münchner Kammerspiele, La Bâtie – Festival de Genève, Kaserne Basel, Gessnerallee Zürich, Singapore International Festival of Arts, SICK! Festival UK, Sophiensaele Berlin & Le phénix scène nationale Valenciennes pôle européen de création
produttore esecutivo: CAMPO
un ringraziamento speciale a tutti coloro che hanno aiutato durante la preparazione della performance
foto: Phile Deprez

ta1718_loghi_sito

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved