Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Philippe Quesne Vivarium Studio
La Mélancolie des dragons

5 - 6 OTT 2018

quesne_w
Ingresso
Biglietto intero: 22 euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65): 16 euro
Biglietto studenti: 11 euro
Spettacolo in francese sovratitolato in italiano
Orari
Ore 20.00
Durata 80'
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
Uno spettacolo delicato, ironico e a tratti commovente, che immerge gli spettatori in un universo sorprendente.

“Ciò che governa La Mélancolie des dragons è soprattutto una versione inaudita di assurdità, sia ingegnosa che esilarante.” De Standaard

Dopo l’acclamato L’Effet de Serge, presentato a marzo nella prima edizione del festival FOG, a inaugurare la terza stagione di Triennale Teatro dell’Arte è La Mélancolie des dragons di Philippe Quesne, artista di culto del teatro contemporaneo francese e internazionale.
Il lavoro prende avvio proprio dall’ultima scena dalla sua opera più celebre: accompagnati da un potente sottofondo rock e immersi in un paesaggio innevato, con draghi, cani e una “Biancaneve”, troviamo un gruppo di metallari un po’ strampalato, a bordo di una Citroën AX.
Delicato, ironico e a tratti commovente, Quesne immerge i suoi performer in un ambiente in costante evoluzione, generando un universo ambiguo nel quale sogno e significato, suoni e parole, fumo e luce si mescolano indissolubilmente. Uno spettacolo di sconfinata immaginazione e straordinaria poesia.

 

Philippe Quesne si è formato in arti visive. Per oltre dieci anni ha progettato allestimenti scenografici per il teatro, l’opera, le gallerie e i musei. Nel 2003 ha creato la compagnia Vivarium Studio, che riunisce attori, artisti plastici, musicisti e danzatori, e ha presentato il suo primo spettacolo, La Démangeaison des ailes. Nei suoi lavori ricerca il meraviglioso, la poesia delle piccole cose, spingendo all’estremo le esperienze della vita di tutti i giorni. La scenografia viene usata come un ambiente in cui immergere gli attori. Insieme a La Démangeaison, i successivi Des expériences (2004), D’après nature (2006), lo stesso L’Effet de Serge (2007), La Mélancolie des dragons (2008), Big Bang (2010), Swamp Club (2013), compongono un vasto repertorio di spettacoli rappresentato in tutto il mondo. Oltre al lavoro teatrale, Philippe Quesne espone le proprie installazioni e realizza performance e interventi site-specific nello spazio pubblico o in luoghi naturali. Dal 2014 dirige il teatro Nanterre-Amandiers Centre dramatique national, dove ha ideato il progetto collettivo del Théâtre des négociations nel 2015. Le sue produzioni più recenti (2016) sono lo spettacolo Caspar Western Friedrich, che ha debuttato al Kammerspiele a Munich, e Welcome to Caveland!, presentato in prima mondiale al Kunstenfestivaldesarts di Bruxelles.

Credits


testo, regia e set design: Philippe Quesne
con: Isabelle Angotti, Rodolphe Auté, Joachim Fosset, Cyril Gomez-Mathieu, Sébastien Jacobs, Victor Lenoble, Émilien Tessier e Gaëtan Vourc’h
stage manager: Marc Chevillon
tecnico di palco: Joachim Fosset
produzione tour: Nanterre-Amandiers – Centre dramatique national
produzione originale: Vivarium Studio
coproduzione: Wiener Festwochen, Hebbel am Ufer, La rose des vents – Scène nationale de Lille Métropole, Nouveau théâtre – Centre dramatique national de Besançon, Ménagerie de Verre, Le Forum – Scène conventionnée de Blanc-Mesnil, Le Carré des Jalles, Festival Perspectives – Sarrebruck
con il sostegno di: Région Île-de-France, Parc de la Villette, Centre National du Théâtre
foto © Martin Argyroglo

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved