Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Avviso
Il 22 Settembre la mostra Intrecci del Novecento sarà chiusa al pubblico dalle ore 17.00 alle ore 19.00 per un evento privato

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Romeo Castellucci / Societas
Ethica. Natura e origine della mente

22 - 25 GIU 2017

raffaello_sito
Ingresso
Biglietto intero 20,00 Euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65/gruppi) 15,00 Euro
Biglietto studenti 10,00 Euro 15,00 Euro
Biglietto studenti 10,00 Euro
Orari
Giovedì - sabato ore 19.30 e ore 21.30 (doppia replica)
Domenica ore 16.00 e ore 18.00 (doppia replica)
Durata 45'
Si avvisano gli spettatori che lo spettacolo prevede la presenza di un cane che sarà a contatto con il pubblico.
Dove
Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
Colui che pensa è cosa unica con la realtà. Su questo solco, Ethica. Natura e origine della mente ramifica la propria libera deviazione e comincia una discesa verso la foce, verso il luogo in cui le acque giungono alla fine: una platea.

Uno spettacolo misterioso e bellissimo.
“Corriere della Sera”

Per questo progetto Romeo Castellucci, uno dei più grandi artisti contemporanei, si rifà al pensiero del filosofo olandese Spinoza, e in particolare ai suoi cinque libri che compongono l’Ethica. La prima azione teatrale ispirata all’opera Natura e origine della mente prende il titolo dal secondo libro dell’Ethica, dove il filosofo indaga la natura del pensiero superiore e il potere operante della mente, il luogo della formazione della realtà. Colui che pensa è cosa unica con la realtà. Su questo solco, la performance ramifica la propria libera deviazione e comincia una discesa verso la foce, verso il luogo in cui le acque giungono alla fine: una platea. L’immagine creata nella mente dell’artista raggiunge la mente dello spettatore, il quale la riceve, sì, ma nel ricevere la forma. La performance congela questo pensiero nell’atto di ricevere l’immagine, per sancire la fusione tra la ricezione dello spettatore e la creazione dell’immagine originaria.

Lo spettacolo ha debuttato in Italia nel 2016 alla Biennale di Venezia, istituzione che nel 2005 ha accolto Romeo Castellucci come direttore artistico della sezione teatro e nel 2013 gli ha assegnato il Leone d’oro alla carriera.

 

Romeo Castellucci (Cesena, 1960), regista, creatore di scene, luci e costumi, è conosciuto in tutto il mondo per aver dato vita a un teatro fondato sulla totalità delle arti e rivolto a una percezione integrale dell’opera. Ha inoltre scritto numerosi saggi teorici sulla regia. Il suo teatro propone una drammaturgia che ribalta il primato della letteratura, facendo del suo lavoro una complessa forma d’arte; un teatro fatto di immagini straordinariamente ricche espresso in un linguaggio comprensibile come la musica, la scultura, la pittura o l’architettura. Incaricato nel 2005 della Direzione della sezione Teatro della Biennale di Venezia, insignito del titolo di Chevalier dans l’ordre des Arts et des Lettres, nominato “artista associato” dalla direzione artistica del Festival d’Avignon nel 2008, nel 2013 ha ricevuto il Leone d’oro alla carriera dalla Biennale di Venezia e il Festival d’Automne a Parigi, presentando in ognuna delle stagioni 2014 e 2015 tre dei suoi lavori nell’ambito del “Portrait Biennale”, lo ha consacrato in via definitiva come uno dei maggiori artisti del nostro tempo. La sua compagnia – la Socìetas Raffaello Sanzio, nata nel 1981 – è oggi riconosciuta internazionalmente come una delle più importanti per la sua radicale posizione estetica e la profondità umana delle sue creazioni.

Credits


ideazione e regia Romeo Castellucci
testo Claudia Castellucci
suono Scott Gibbons
con Silvia Costa Diletta Bindi, Moira Dalant, Sara dal Corso, Gloria Dorliguzzo, Valentina Parravicini, Anna Trotter e un cane
voce registrata Bernardo Bruno
sculture Istvan Zimmermann & Giovanna Amoroso
tecnico del suono Matteo Braglia
macchinista Filippo Mancini
addetto alla produzione Benedetta Briglia
organizzazione e promozione Valentina Bertolino, Gilda Biasini
amministrazione Michela Medri, Elisa Bruno, Simona Barducci, Massimiliano Coli
produzione Societas
in coproduzione con: T2G-Théâtre de Gennevilliers - Centre dramatique national de création contemporaine
creato a: Venezia per La Biennale College - Teatro nell’agosto 2013
in coproduzione con: Théâtre de la Ville e Festival d’Automne a Parigi
in collaborazione con: La Biennale di Venezia
foto: Guido Mencari

ta1718_loghi_sito

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved