Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Saburo Teshigawara
Rihoko Sato
KARAS
SHE

13 - 14 OTT 2018

saburo-teshigawara_w
Ingresso
Biglietto intero: 22 euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65): 16 euro
Biglietto studenti: 11 euro
Orari
Sabato ore 20.00
Domenica ore 16.00
Durata 60'
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
ESCLUSIVA ITALIANA

Lavoro di un’intensità stupefacente, SHE è in grado di rendere percepibile e potente il più piccolo movimento insieme a quello più ampio ed evidente.

“Uno spettacolo surreale e fantastico.” Dance Magazine

SHE, assolo creato da Saburo Teshigawara, principale esponente della danza contemporanea in Giappone, è presentato in esclusiva nazionale al Triennale Teatro dell’Arte. L’interprete è Rihoko Sato, magnifica interprete e storica partner artistica del maestro che, grazie all’eccezionale presenza fisica e sensibilità, ha saputo perfezionare e approfondire il proprio vocabolario coreografico, fino a raggiungere una dimensione completamente nuova dell’improvvisazione nella danza.
In SHE, lavoro di un’intensità stupefacente, il corpo della danzatrice si slancia, volteggia, si avvolge su se stesso in un’immaginaria spirale, dimostrando che è possibile coniugare il virtuosismo più assoluto con la ricerca e l’avanguardia. Al termine della performance, la danzatrice Rihoko Sato si congeda dallo sguardo degli spettatori in uno stato di freschezza assoluto che lascia ogni volta senza parole.

 

Saburo Teshigawara ha iniziato la sua straordinaria carriera nel 1981, nella nativa Tokyo, dopo aver studiato arti plastiche e balletto classico. Nel 1985 con Key Miyata ha fondato KARAS, iniziando così a creare oltre che per se stesso anche per altri interpreti. Da allora è stato invitato con KARAS a esibirsi regolarmente nelle principali città del mondo. Nel 1994/95 è stato invitato da William Forsythe a creare coreografie per il Ballet Frankfurt, mentre nel 1999 ha realizzato Le Sacre du printemps per il Bayerisches Staatsballett di Monaco e nel 2000 ha lavorato con il Nederlands Dans Theater. Nel febbraio del 2003 gli viene commissionata una nuova coreografia, AIR, da parte del Ballet de l’Opéra National de Paris. Per il Ballet du Grand, Théâtre de Genève, ha creato Para-Dice nel 2002 e Vacant nel maggio 2006. Nel 2010 il Teatro La Fenice di Venezia gli ha commissionato regia, scene e costumi dell’opera Dido and Aeneas. A Milano si è esibito al Teatro dell’Arte e al Teatro alla Scala. Dal 2006 al 2013 è stato professore alla St. Paul’s (Rikkyo) University in Giappone, dove insegna presso il dipartimento di Expression Studies. Dal 2014 è professore alla Tama Art University. I suoi lavori hanno ottenuto diversi premi prestigiosi in Giappone e nel mondo, tra i quali il Bessie Award (The New York Dance and Performance Awards) nel 2007 e la Medaglia d’Oro dell’Imperatore nel 2009. Nel 2017 è stato nominato Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres dal Ministero della Cultura francese.

Rihoko Sato è entrata nella compagnia KARAS nel 1995 e da allora ha preso parte come interprete a tutte le produzioni, oltre ad aver assistito Saburo Teshigawara nelle sue creazioni. È riconosciuta come una delle figure centrali dell’universo creativo del grande coreografo giapponese. Ha seguito i progetti educativi di KARAS e S.T.E.P (Saburo Teshigawara Educational Project) e ha assistito Teshigawara in qualità di maître de ballet in occasione di produzioni commissionate da altre compagnie. Ha ricevuto, tra i numerosi riconoscimenti, il Best Dancer Award (per il passo a due con Vaclav Kunes Scream and Whisper) a Cannes per Les Étoiles de Ballet 2000 nel 2005, il Japan Dance Forum Award nel 2007 e il Premio Positano Léonide Massine per la Danza nel 2012.  

Credits


regia: Saburo Teshigawara
con: Rihoko Sato
produzione: KARAS
coproduzione: Kawasaki Art Center
distribuzione in Italia: International Music and Arts
con il supporto di: Agency for Cultural Affairs of Japan
foto © Aya Sakaguchi/A.I. Co. Ltd

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved