Social

Segui la Triennale e scopri altri contenuti esclusivi

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Orari di apertura

Oggi siamo aperti dalle 10.30 alle 20.30

Strasse
Lotte van den Berg
THE END – MILANO

3 - 13 APR 2018 (RIPOSO IL 9 APR)

strasse
Ingresso
Biglietto intero 15,00 Euro
Biglietto ridotto (under 30/over 65/gruppi) 10,00 Euro
Biglietto ridotto (studenti/bambini) 7,00 Eur
Orari
Orari e durata in via da definizione. Posti limitati.
Spettacolo inserito nell’abbonamento Invito a Teatro
Prima assoluta
Dove
Triennale Teatro dell'Arte
CONDIVIDI
Che cosa significa fine per te?
Strasse si pone questa domanda calandosi nella vita quotidiana di ogni luogo alla ricerca di finali possibili, creando una serie di inquadrature oggettive alle quali potrebbero seguire i titoli di coda.
PRIMA ASSOLUTA

“Come le persone ti adorano, finiscono anche di adorarti. […] Non provieni da niente, non arriverai a niente. Guidi, facendo passare il tempo. Adesso sei qui. Sono le 7:43. Ora sei qui. Sono le 7:44. Ora stai andando.”
Synecdoche, New York, Charlie Kaufman

 

Che cosa significa fine per te? 
Strasse si pone questa domanda calandosi nella vita quotidiana di ogni luogo alla ricerca di finali possibili, creando una serie d’inquadrature oggettive alle quali potrebbero seguire i titoli di coda. 
Lo spazio urbano è il luogo in cui s’incrociano i percorsi artistici di Strasse, collettivo milanese che sviluppa progetti site-specific usando il filtro del linguaggio cinematografico per creare frame sulla vita quotidiana, e Lotte van den Berg, regista olandese impegnata in una ricerca sulla relazione tra la dimensione della realtà fisica e quella dell’immaginazione. Da questo incontro nasce THE END. 
Strasse, in collaborazione con Lotte van den Berg, crea una performance che investe lo spazio pubblico e che potremmo definire documentario di osservazione, senza telecamera. Gli spettatori, camminando per la città e calandosi in situazioni reali, adottano un punto di vista preciso per guardare una serie di finali estrapolati dalla vita quotidiana del luogo. Le inquadrature selezionano azioni di massa o momenti più intimi e personali.
C’è qualcosa di profondamente commovente nel momento della fine, qualcosa che si lega alla nostra capacità di percepire il tempo.
Come il tempo, la fine è fluida e transitoria. Come il tempo, la fine ha una durata. Improrogabile e universale, la fine riguarda ogni fenomeno naturale, sia esso fisico, biologico, psichico o emotivo.
La fine produce trasformazione: mentre qualcosa finisce con la fine, con la fine qualcosa incomincia. La fine non è centrale ai fenomeni, ma laterale.
A volte la fine si nasconde, i suoi confini sono difficili da vedere, ma esiste sempre un punto da cui puoi guardare la fine.

 

Strasse è una compagnia fondata a Milano nel 2009 da Francesca De Isabella e Sara Leghissa. Lavora sulla dimensione performativa, mettendola in relazione con l’espressione del corpo e il paesaggio urbano, e su quella cinematografica, intesa come filtro di osservazione della realtà. Strasse nasce dal desiderio di spostare il linguaggio teatrale e quello cinematografico negli spazi della città, lasciandosi influenzare dai suoi ambienti, dalle temperature e dai segni, senza riqualificare o sconvolgere questi luoghi nel loro significato, ma sottraendoli al flusso del quotidiano e trasportandoli, per un momento, altrove. Dopo aver gestito con Elena Cleonice Fecit Casa Strasse, luogo di ricerca e produzione e spazio per la condivisione di pratiche artistiche e workshop, dal 2010 Strasse si trasferisce definitivamente nello spazio pubblico. Negli ultimi anni il gruppo ha prodotto Drive_IN (2012), Solo (2014), Costruzione dell’immagine della fine e HM/ HOUSE MUSIC (2016), Drive_IN #Barona (2017) oltre a progetti come Exil e T.Rex che utilizzano il formato della festa per generare connessioni e abbattere la distinzione tra pubblici diversi e tra artisti e pubblico.

Lotte van den Berg è una regista olandese. Studia regia presso l’Amsterdam School of the Arts. Dopo il diploma inizia a collaborare con diversi teatri olandesi e fiamminghi. Dal 2005 al 2009 lavora per il teatro Toneelhuis ad Anversa. Nel 2009 crea la compagnia OMSK, che dal 2012 ha base a Utrecht. Collabora con attori professionisti e non, le sue produzioni possono essere sia site-specific che destinate a teatri. Cinéma Imaginaire(2017), con Tagliarini/Deflorian, Building Conversation (2013), ideato insieme a Daan’t Sas, AgoraphobiaLes spectateurs, Mapping the unknownWasteland sono alcuni dei suoi progetti. Nel 2015 fonda Stichting Third Space, con cui produce i suoi lavori, che spaziano tra teatro, danza, cinema e arti visive, dando vita a uno stile personale e in costante evoluzione. Gli spettacoli di Lotte van den Berg vengono programmati in importanti festival e teatri in Europa, America e Africa. Ha ricevuto numerosi premi, tra cui l’Erik Vos Prize e il Charlotte Kohler Prize.

Spettacolo itinerante in spazi esterni con partenza da Triennale Teatro dell’Arte
Posti limitati

Strasse è artista associato di Triennale Teatro dell’Arte per il triennio 2017-2019. 

Credits


un progetto di: Strasse e Lotte van den Berg
ideazione e creazione di: Francesca De Isabella e Sara Leghissa
in collaborazione con: Lotte van den Berg
con: Sara Leghissa
consulenza drammaturgica: Valentina Cicogna
costumi: Lucia Gallone
cartolina: Maddalena Fragnito
organizzazione: Giulia Messia
una produzione: Triennale Teatro dell’Arte, Strasse
in collaborazione con: Third Space (Amsterdam)
foto: Strasse

ta1718_loghi_sito

Segui la triennale e scopri altri contenuti esclusivi

partners partners partners partners

© 2016 La Triennale di Milano – All Rights Reserved