Esposizioni internazionali

VI Triennale di Milano — 1936
Comunità e Continuità

Il programma dell’edizione, definito da Edoardo Persico e Giuseppe Pagano, vede consolidarsi il legame tra regime fascista e architettura modernista. Pagano progetta il padiglione esterno, distrutto dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, e una torre in vetrocemento che funge da portale d’ingresso all’Esposizione. Il Parco Sempione ospita un cinema-teatro all’aperto e la Fontana di Mario Radice e Cesare Cattaneo. Pregevoli sono le presenze straniere con la sezione francese curata da Le Corbusier, quella finlandese da Alvar Aalto e quella svizzera da Max Bill. Vanto dell’edizione sono la Mostra internazionale di Urbanistica, la Mostra dei sistemi costruttivi e la Mostra dell’antica oreficeria con l’allestimento di Franco Albini.

  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato
  • Nessun risultato

Per tutte le richieste relative alla Collezione Permanente contattare collezione@triennale.org.
Per tutte le richieste relative all’archivio audiovisivo, di licenza audio o video, per l’accesso alle immagini di filmati, e per ricevere ulteriori informazioni contattare archivi@triennale.org.
Non è possibile concedere in licenza i fermi immagine in movimento o le pellicole dei film non di proprietà di Fondazione La Triennale di Milano.

Sitemap