New Website in Beta Version

XXII Triennale di Milano

Mouna Boumaza

Algeria

The Song

Mostra prodotta da Ministry of Culture, Ministry of Housing, Urban Planning and the City, Algerian Agency for Cultural Influence AARC

La partecipazione dell’Algeria presenta quindici prodotti di designer algerini, più una dozzina di progetti architettonici e urbani che rientrano nel tema Verso un ritorno ai valori del patrimonio ancestrale come risorse e stile di vita per un futuro incerto. Il potenziale dell’Algeria e le sue risorse locali possono essere messi a frutto mobilitando le competenze locali fondate sulla storia locale e regionale, che hanno una forte identità e sono promosse da processi di qualità: processi che dovrebbero diventare il fulcro di nuovi settori socioeconomici volti a rafforzare la patrimonializzazione di tali competenze.

Il pubblico – l’attore principale – può essere maggiormente coinvolto nell’appropriazione di queste risorse mobilitando le sue capacità, ritornando a tecniche passate di commercializzazione territoriale e promuovendo pratiche di comunità, come il sistema di irrigazione fougara adottato dalla città di Ghardaïa, nel sud dell’Algeria, e l’architettura di terra, testimonianza di diverse civiltà sparse per il paese. Queste tendenze alla valorizzazione e alla patrimonializzazione basate su sistemi economici competitivi accrescono la notorietà e l’attrattiva qualitativa delle regioni, che a loro volta incoraggiano il turismo. Esse favoriscono la sostenibilità ambientale e nello stesso tempo conservano le specificità locali. In questa nuova visione dello sviluppo territoriale, il sistema di valori sotteso ai processi di patrimonializzazione cerca di ridurre l’opposizione tra modernità e tradizione. Questo ritorno alla natura, unito al patrimonio culturale ancestrale, si riflette nella comparsa e nell’attivazione in questo spazio di un processo di mobilitazione, riconfigurazione e impatti territoriali. Queste risorse del patrimonio territoriale stanno diventando sempre più punti di attrazione: una serie di azioni collettive eterogenee verso uno sviluppo sostenibile e una qualità della vita accettabile in un futuro incerto.

Highlights

Leila Mammeri

Nabila Kalache, Tchi Tchi

Karim Sifaoui

Crediti

Commissione:
Ministero della Cultura Azzedine Mihoubi, Ministro, Ministero dell'Edilizia abitativa, Pianificazione urbana e sviluppo: Abdelwahid Temmar, Ministro; Ismail Oulebcir, Segretario generale presso il Ministero della Cultura; Abdelkrim Mecili, Direttore generale, Architettura e pianificazione urbana. Zahia Bencheikh, direttore per lo sviluppo e la promozione delle arti; Naima Rachedi, direttore della pianificazione urbana; Rachida Djender, direttore dell'architettura; Malik Mammeri, direttore della politica urbana; Fatima Zohra Aouali, direttore della cooperazione; Meriem Ait El Hara, capo del dipartimento di arti visive. 

Curatori:
Hellal Zoubir & Feriel Gasmi Issiakhem

Team:
Aissaoui Ryad scenografia, Matari Jamel Photographs

Finanziamento:
Ministero della Cultura e Ministero dell'Edilizia abitativa, dell'Urbanistica e della Città

Sostegno:
AARC Agenzia algerina per la diffusione culturale

Grazie a:
L’Ambasciata d'Italia in Algeria e il Centro Culturale Italiano per il loro supporto amministrativo e di monitoraggio

Partecipazioni Internazionali

Algeria Australia Austria Cina Cuba Finlandia Francia Germania Italia Libano Lituania Myanmar Paesi Bassi Polonia Regno Unito Repubblica Ceca Russia Slovenia Sri Lanka Stati Uniti Tunisia

MOSTRE

Intero
18€
Studenti
14€
Under 26
14€
Over 65
14€
Disabile
14€
Giornalista professionista
Ingresso gratuito
Giovani fino ai 16 anni
Ingresso gratuito
Amici della Triennale
Ingresso gratuito
ICOM
Ingresso gratuito
Abbonamento Musei Lombardia
Ingresso gratuito
M-ID Card
Ingresso gratuito
Accompagnatore gruppi
Ingresso gratuito
Accompagnatore disabile
Ingresso gratuito
Visitatori Repower
14€
Ridotto dipendenti ATM
13€
Ridotto abbonati ATM
13€

Il biglietto è unico per tutti gli eventi

Anteprima Archivio Digitale

X Triennale di Milano, 1954<br/>Cabina telefonica per autostrada, Augusto Bozzi e Sergio Mazza, foto Fotogramma
X Triennale di Milano, 1954
Cabina telefonica per autostrada, Augusto Bozzi e Sergio Mazza, foto Fotogramma
XV Triennale di Milano, 1973<br/>Le cinque scale nella sezione giapponese, Kozo Abe, Makio Hasuike, Isao Hosoe, Tsutomu Katayanagi, Tashihiro Miki, Isao Ogawa
XV Triennale di Milano, 1973
Le cinque scale nella sezione giapponese, Kozo Abe, Makio Hasuike, Isao Hosoe, Tsutomu Katayanagi, Tashihiro Miki, Isao Ogawa
XV Triennale di Milano, 1973<br/>Ringhiera luminosa dello Scalone d’Onore, Nanda Vigo e Giulio Confalonieri
XV Triennale di Milano, 1973
Ringhiera luminosa dello Scalone d’Onore, Nanda Vigo e Giulio Confalonieri
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Padiglione USA, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
IX Triennale di Milano, 1951
Padiglione USA, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers