Nuovo sito in Beta

FOG Festival

Bonobo

Tú Amarás

Spettacolo

Prima italiana
Spettacolo in spagnolo sovratitolato in italiano
Durata: 75'

Tú Amarás esplora al di là della superficie.

El Mercurio 

Affrontando domande impegnative – e particolarmente pertinenti ai problemi di oggi – questo spettacolo della compagnia cilena Bonobo, vincitore di riconoscimenti letterari, interroga il rapporto tra progresso e intolleranza: chi sono gli “altri”? Cosa li definisce come diversi da noi? Quando diventano nemici? Un’equipe di dottori si prepara a fare una presentazione sul tema del pregiudizio in ambiente medico nel corso di una conferenza internazionale, esattamente quando degli extraterrestri, gli Ameniti, sono atterrati sulla terra e si apprestano a prendervi dimora. Incompresi, emarginati e temuti, questi esseri offrono la possibilità di riflettere sull’amore e l’odio, sulla democrazia e la xenofobia. Con umorismo nero e ironia, il ritmo incalzante e i dialoghi difficili dello spettacolo creano un’atmosfera di paura, disagio e assurdità. Con ottimi attori e un copione brillante, questo è un lavoro da non perdere. 

Bonobo è una compagnia teatrale fondata in Cile nel 2012 da Pablo Manzi e Andreina Olivari con lo scopo di portare in scena nuovi lavori che stimolano una riflessione critica sui tempi di oggi. Con una metodologia basata sulla creazione collettiva, che si focalizza sulla ricerca e l’improvvisazione, Bonobo è diventato uno dei più noti gruppi di teatro della giovane scena cilena. A oggi hanno prodotto tre spettacoli di grande successo, Amansadura (2012), Donde viven los bárbaros (2015) e Tú amarás (2018), presentati nel contesto di festival internazionali, in Germania, Olanda, Spagna, Messico, Brasile, Perù e Cile. 

 

Crediti

Scritto da: Pablo Manzi

Regia: Andreina Olivarí, Pablo Manzi

Con: Gabriel Cañas, Carlos Donoso, Paulina Giglio, Guilherme Sepúlveda, Franco Toledo

Set, costumi e disegno luci: Los Contadores Auditores (Juan Andrés Rivera, Felipe Olivares)

Musica originale: Camilo Catepillan

Traduzione: Carlota Calvi

Produzione esecutiva: Horacio Pérez

Co-produzione: espacio Checoeslovaquia, Fundación Teatro a Mil.

Il progetto è stato parzialmente sviluppato durante una residenza al Baryshnikov Arts Center.

Calendario

MER 15 MAG 2019, 18:00
GIO 16 MAG 2019, 18:00

Eventi correlati

Anteprima Archivio Digitale

L'archivio digitale sarà disponibile a partire da luglio 2019

X Triennale di Milano, 1954<br/>Allestimento della mostra dell’industrial design, Achille e Piergiacomo Castiglioni, Roberto Menghi, Marcello Nizzoli, Alberto Rosselli, Augusto Morello, Michele Provinciali, foto Fortunati
X Triennale di Milano, 1954
Allestimento della mostra dell’industrial design, Achille e Piergiacomo Castiglioni, Roberto Menghi, Marcello Nizzoli, Alberto Rosselli, Augusto Morello, Michele Provinciali, foto Fortunati
V Triennale di Milano, 1933<br/>Facciata verso il parco Sempione e il Palazzo d’onore con il Gran Caffè Ferrario, sullo sfondo la Torre Littoria in costruzione, foto Crimella
V Triennale di Milano, 1933
Facciata verso il parco Sempione e il Palazzo d’onore con il Gran Caffè Ferrario, sullo sfondo la Torre Littoria in costruzione, foto Crimella
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Abitazione - Alloggio n. 7: elementi di appartamento, Marco Zanuso, foto Farabola
IX Triennale di Milano, 1951
Abitazione - Alloggio n. 7: elementi di appartamento, Marco Zanuso, foto Farabola
Palazzo dell’Arte, 1932<br/>Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo, foto Argo
Palazzo dell’Arte, 1932
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo, foto Argo
Sitemap