Parla Ascolta Guarda Fai

Carlos Casas con Giuseppe Ielasi

AVALANCHE #18

Performance
15 OTT 2019, H. 17:00

AVALANCHE #18 è il secondo appuntamento del programma di Parla Ascolta Guarda Fai. “Un viaggio temporale, uno specchio che riflette la storia del villaggio di Hichigh. Un documentario aperto e in costante divenire, il progetto della mia vita”, così l’artista e regista Carlos Casas descrive AVALANCHE, progetto da lui avviato nel 2009 e arrivato alla sua diciottesima versione, che racconta il piccolo villaggio nelle alture del Pamir, in Tagikistan, “tetto del mondo” al confine con l’Afghanistan.
Il musicista e compositore Giuseppe Ielasi è ospite del secondo appuntamento live del progetto AVALANCHE #18. Casas e Ielasi dialogano attraverso interventi sonori e visuali, modificando, per l'occasione, l'impianto della mostra e riscrivendone le possibilità percettive e di lettura. La tradizione musicale Pamir viene rielaborata e filtrata in chiave personale e contemporanea dai due autori, offrendo al pubblico un'esperienza di fruizione dei contenuti in mostra e dello spazio dell'Impluvium di Triennale. 

Carlos Casas è filmmaker e artista visivo ed il suo lavoro è un incroccio fra film documentari, cinema, e arte visivo e sonoro. I suoi film sono stati proiettati e premiati in festival in tutto il mondo, come il Festival del Cinema di Venezia, il Festival Internazionale del Cinema di Rotterdam, il Festival Internazionale del Cinema di Buenos Aires, il Festival Internazionale del Cinema di Messico, la FID Marseille. Il suo lavoro è stato esposto e realizzato in istituzioni d'arte internazionali e gallerie come Tate Modern, Londra, Fondazione Cartier, Palais de Tokyo, Centre Pompidou, Parigi, Hangar Bicocca, Milano, CCCB Barcellona, GAM Torino, Bozar Bruxelles.

Giuseppe Ielasi, suona la chitarra dal 1988 muovendosi nel circuito dell’improvvisazione. Ha in corso collaborazioni con Renato Rinaldi, Alessandro Bosetti, Michel Doneda, Ingar Zach, Dean Roberts.  Ha suonato con Taku Sugimoto, Jerome Noetinger, Mark Wastell, Martin Siewert, Nmperign, Brandon Labelle, Nikos Veliotis edaltri. Negli ultimi anni si è interessato di progetti site-specific e solo performances, in cui utilizza la chitarra come fonte sonora originaria che si integra con l’uso di microfoni e diffusione multi-canale in relazione allo spazio creando ambienti sonori complessi. Collabora stabilmente con Teatro Aperto e dal 1998 segue l’etichetta Fringes recordings, da lui fondata, che chiude nel 2005 e cofonda la "Schoolmap Records" nel 2006.

...altro

Crediti

Direzione artistica: Umberto Angelini
A cura di: Davide Giannella
Progetto di allestimento: Raumplan
Sound Performance: Giuseppe Ielasi
Parla Ascolta Guarda Fai è un programma di incontri, installazioni, mostre, performance, ascolti, proiezioni, laboratori e progetti a cura di Davide Giannella e Massimo Torrigiani/Fantom.

Eventi correlati

Anteprima Archivio Digitale

IX Triennale di Milano, 1951<br/>Atrio, Luciano Baldessarri e Marcello Grisotti
IX Triennale di Milano, 1951
Atrio, Luciano Baldessarri e Marcello Grisotti
X Triennale di Milano, 1954<br/>Partecipazione statunitense, Abitazione a cupola geodetica Füller, Roberto Mango
X Triennale di Milano, 1954
Partecipazione statunitense, Abitazione a cupola geodetica Füller, Roberto Mango
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Stazione di partenza della seggiovia del parco Sempione, Renzo Zavarella in collaborazione con la Società Generale Macchine Edili, foto Ancillotti
IX Triennale di Milano, 1951
Stazione di partenza della seggiovia del parco Sempione, Renzo Zavarella in collaborazione con la Società Generale Macchine Edili, foto Ancillotti
XII Triennale di Milano, 1960<br/>Vano ellittico della Mostra storia del piatto e della posata, Ernesto Nathan Rogers e Enrico Peressutti, foto Publifoto
XII Triennale di Milano, 1960
Vano ellittico della Mostra storia del piatto e della posata, Ernesto Nathan Rogers e Enrico Peressutti, foto Publifoto
Sitemap