FOG Festival

Daniel Blumberg

Daniel Blumberg in trio

Concerto
19 marzo 2019, ore 20.30

Durata: 120'

Un disco dell'anima che si offre come un cuore pulsante e sanguinante

Sentireascoltare

Daniel Blumberg, uno degli artisti più originali della musica indipendente, torna in Italia per presentare il suo ultimo lavoro: Minus pubblicato da Mute Records. Minus è un album che esplora una direzione radicalmente innovativa, coniugando musica libera con l’emotività lacerante dei testi, radicati nel profondo tumulto personale che Blumberg ha attraversato mentre lavorava al disco. Un lavoro che è durato quasi cinque anni, improvvisando con i musicisti dello storico Café OTO di Londra, dove ha conosciuto il violinista Billy Steiger e il contrabbassista Tom Wheatley, questa volta in tour con lui in un’inedita formazione in trio. Con Minus c’è la sensazione che Daniel Blumberg sia finalmente arrivato nel posto che stava cercando: un lavoro eccezionale, che lo conferma tra le voci contemporanee più uniche della Gran Bretagna.

Daniel Blumberg è un musicista e compositore inglese. A soli 27 anni, ha alle spalle una ricca storia musicale: dalla sua prima band che ha firmato per XL quando ancora giovanissimo, ai progetti di Oupae Hebronix, alle collaborazioni creative con artisti del calibro di David Berman (Silver Jews), Low, Lambchop e Neil Michael Hagerty dei Royal Trux (con il quale l’artista si è esibito come membro di Howling Hex). Il suo album di debutto, Minus (Mute, 2018), è il risultato della collaborazione di Blumberg con la comunità di musicisti radicali del Café OTO di Londra. L’album è stato registrato dal vivo con il leggendario produttore Peter Walsh (collaboratore di Scott Walker da Climate Of Hunter) in soli cinque giorni. Il video del pezzo che dà il titolo all’album è stato montato a Budapest dal pluripremiato editore cinematografico ungherese David Jancso (White God, The Childhood Of A Leader). 

Crediti

Voce, piano, chitarra: Daniel Blumberg

Violino: Billy Steiger

Contrabbasso: Tom Wheatley

Associazione con: Bronson Produzioni

Collezione e Archivi

Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Sitemap