Nuovo sito in Beta

XXII Triennale di Milano

Francia
De la pensée au visible. Design As A Large Ring

Mostra

La sezione francese della XXII Triennale di Milano è concettuale e contemplativa. Sostiene il ruolo vitale del pensiero nel design e l’importanza della connessione con la parola scritta come modo di comprendere il mondo. Desidera distaccarsi dal rumore, dalle bacchette magiche e dagli effetti pirotecnici, per rivelare, invece, un altro aspetto del design, attraverso la dimensione dell’oggetto che ospita: la superficie vergine, di nuova costruzione, priva di riferimenti sensoriali, rappresenta il momento in cui il progetto di design nasce. È fragile e mutevole come la Natura, come mostrano i lavori selezionati.

Nella realizzazione di progetti di design complessi che hanno a che fare con questioni ambientali e umane, la ricerca deve operare con tempistiche diverse, pensando alle eventuali trasformazioni. Questo non cambia la natura della disciplina, ma anzi ne espande gli obiettivi, i fini e i metodi. I designer che lavorano in queste aree sviluppano altre pratiche: diventano testuali, sperimentali, antropologiche, di mediazione, digitali; possono venire sviluppate in situ o in laboratorio. Si basano in primis sulla raccolta, l’osservazione e la ricerca, che sia pubblica o indipendente, personale o accademica. Si estendono in periodi di riflessione in istituti di alta formazione, scuole d’arte e università. Non cambiano la facciata del design, ma ne alterano il paradigma di produzione. Non soddisfano più il mercato, ma diventano cibo per la mente dei designer del futuro e dei loro nuovi approcci.

Crediti

Mostra prodotta da:
Institut français

In collaborazione con:
Ministero Europeo degli Affari Esteri, Institut français italiano e Ministero della Cultura

Curatore:
Catherine Geel

Comitato di ricerca:
Sarah Dulac, Clément Gaillard, Elizabeth Hale, Thomas Havet, Tiphaine Kazi-Tani, Anthony Masure, Océane Ragoucy.

Coordinazione :
Lola Carrel, Karl Nawrot, graphic designer

Design:
Sophie Breuil, designer

Architetti:
Block Architectes

Produttore esecutivo:
Marie Lejault, T&P Work UNit

Editor:
Catherine Geel

Executive editor:
Elizabeth Hale

Graphic Design:
Karl Nawrot

Website e network graphic design:
David Bihanic

Website e network sviluppo:
Trafik

Institut français:
Pierre Buhler, Anne Tallineau, Marie-Cécile Burnichon, Vincent Gonzalvez, Mantchini Traoré, Jean-François Guéganno, Hélène Conand, Marie-France Guillin, Giusi Tinella

Institut français Italia:
Christian Masset, Christophe Musitelli, Chloé Siganos, Delphine Picart, Pascale Just, Michele Pili, Laurence Auer, Augustin Favereau, Corinne Micaelli, Anne-Sophie Braud

Ministero della Cultura – Direzione generale della creazione artistica (DGCA)

Highlights

163 km2 Credits Astrid de la Chapelle

Flood Vs Drought, 2015 to present. Credits David Bihanic

Petrification machine, Emile De Visscher, 2018. Credits Hands Studio

Eventi correlati

Partecipazioni Internazionali

MOSTRE

Il biglietto è unico per la XXII Triennale di Milano e per il Museo del Design Italiano

Prezzo
Prezzo
Intero
18€
Studenti
Studenti di ogni ordine e grado purché in possesso di un'attestazione (libretto
14€
Under 26
14€
Over 65
14€
Disabile
Visitatore con disabilità al 100% o indennità di accompagnamento
14€
Repower
Dipendenti e clienti Repower e loro accompagnatori
14€
ATM
Dipendenti e funzionari ATM e possessori Abbonamento Annuale ATM con Carta Club ATM o ricevuta acquisto.
13€
Giornalista
Ingresso gratuito
Giovani fino ai 16 anni
Ingresso gratuito
Fridays for Future
Tutti i venerdì dalle 10.30 alle 14.00 gli studenti in possesso di un tesserino che ne attesti lo status accedono gratuitamente alla XXII Triennale di Milano Broken Nature: Design Takes on Human Survival.
Ingresso gratuito
Amici della Triennale
Ingresso gratuito
ICOM
Ingresso gratuito
Abbonamento Musei Lombardia
Ingresso gratuito
M-ID Card
Ingresso gratuito
Accompagnatore gruppi
Ingresso gratuito
Accompagnatore disabile
Previsto quando il disabile ha 100% invalidità o indennità di accompagnamento
Ingresso gratuito

Anteprima Archivio Digitale

L'archivio digitale sarà disponibile a partire da luglio 2019

XII Triennale di Milano, 1960<br/>Vano ellittico della Mostra storia del piatto e della posata, Ernesto Nathan Rogers e Enrico Peressutti, foto Publifoto
XII Triennale di Milano, 1960
Vano ellittico della Mostra storia del piatto e della posata, Ernesto Nathan Rogers e Enrico Peressutti, foto Publifoto
XV Triennale di Milano, 1973<br/>Le cinque scale nella sezione giapponese, Kozo Abe, Makio Hasuike, Isao Hosoe, Tsutomu Katayanagi, Tashihiro Miki, Isao Ogawa
XV Triennale di Milano, 1973
Le cinque scale nella sezione giapponese, Kozo Abe, Makio Hasuike, Isao Hosoe, Tsutomu Katayanagi, Tashihiro Miki, Isao Ogawa
X Triennale di Milano, 1954<br/>Strumenti musicali, Giuliano Cesari, Raffella Crespi, Vittorio Garatti, Giampiero Pallavicini, Ferrucci Rezzonico, foto Clari
X Triennale di Milano, 1954
Strumenti musicali, Giuliano Cesari, Raffella Crespi, Vittorio Garatti, Giampiero Pallavicini, Ferrucci Rezzonico, foto Clari
XV Triennale di Milano, 1973<br/>Sala delle riunioni e delle mostre temporanee, Donata Almici, Ernesto D’alfonso, Marzia Ferrari e Giancarlo Rossi, foto Publifoto
XV Triennale di Milano, 1973
Sala delle riunioni e delle mostre temporanee, Donata Almici, Ernesto D’alfonso, Marzia Ferrari e Giancarlo Rossi, foto Publifoto
Sitemap