Nuovo sito in Beta

FOG Festival

Plaid
Dewey Dell

Concerto
30 MAG 2019, H. 20:30

Santeria Toscana 31

La seconda edizione di FOG vede lo sviluppo della collaborazione con SANTERIA TOSCANA 31, uno dei principali punti di riferimento del panorama musicale in città. Il 30 maggio salgono sul palco della sala Teatro i Dewey Dell, compagnia nota per la sua originalità, e il duo elettronico Plaid, gruppo britannico formato da Ed Handley e Andy Turner. Storm Atlas di Dewey Dell è un catalogo di tempeste. Potenti quadri audiovisivi intrappolano lo spirito di tumulti metereologici di ogni tipo: composizioni di gesti, suoni e testi traducono il grande sconquasso degli elementi. La composizione di questo atlante però si trasforma in un inseguimento senza tregua; una corsa dietro alla stasi irraggiungibile del cielo, destinato a sfuggirci sempre. Una riflessione sull’impotenza dell’essere umano che, nonostante la sua capacità di esaminare e conoscere scientificamente il fenomeno, si ritrova disarmato di fronte a questi eventi di portata mastodontica. Il lavoro di Dewey Dell – noto per la sua raffinata originalità – è profondamente ispirato e continuamente alimentato dalla storia dell’arte. In questa nuova performance, la compagnia ambisce alla traslitterazione della mutevolezza del cielo in un linguaggio composto da suono, movimento e luci. Dopo la performance audiovisiva e potente di Dewey Dell, Plaid presenta in anteprima Polymer, nuovo album dai toni sperimentali e ipnotici, combinazione di atmosfere ambient e ritmiche ripetitive. Il pubblico è trasportato in una dimensione sonora di ricerca e di riflessione: Polymer, che uscirà ufficialmente su Warp il 7 giugno, è un album per i tempi moderni, che trae spunti e influenze dalla forza ripetitiva, resistente e inquietante dei polimeri, riportandola sul piano musicale e concettuale.

Dewey Dell è una compagnia di danza e teatro italiana divisa tra Cesena, Berlino e Vilnius. Fondata nel 2007, la compagnia lavora come un collettivo, anche se ognuno dei quattro artisti che la compongono ha un ambito di specializzazione individuale: Teodora Castellucci è la coreografa, Demetrio Castellucci compone le musiche, Eugenio Resta disegna la scena e le luci, Agata Castellucci assiste e cura la regia collettiva. Negli undici anni di attività, Dewey Dell ha portato avanti un complesso percorso di ricerca con lavori quali: à elle vide (2007), KIN KEEN KING (2008), Baldassarre (2009), Cinquanta Urlanti Quaranta Ruggenti Sessanta Stridenti (2010), Grave (2011/2012), Marzo (2013). Per lo spettacolo Sleep Technique (2017) la compagnia è stata nominata per il Der Faust Theaterpreis in Germania. Molti dei loro lavori sono stati programmati da importanti festival in tutto il mondo. 

L'innovativo duo Ed Handley e Andy Turner approda nel regno della musica elettronica con il nome di Plaid, dopo essersi separato dal trio The Black Dog nei primi anni '90. Plaid, insieme ad artisti come Aphex Twin, Autechre e Nightmares on Wax, è uno dei pilastri del marchio Warp, che nei trent’anni di attività ha avuto successi come pochi altri. Il loro approccio avventuroso e giocoso li ha portati a lavorare con Björk e a confrontarsi con Mark Bell, Arca, Haxan Cloak e i più recenti releases di Skee Mask e Daniel Avery. Hanno lavorato con London Sinfonietta, the Southbank Gamelan Players e Felix Thorn, per il quale hanno creato composizioni per le sue sculture robotiche Felix’s Machines. Con i loro live sono riusciti a riempire Sydney Opera House, Southbank Centre, Bloc e Berghain.

Crediti

Ideazione, musica e con: Dewey Dell - Agata, Demetrio, Teodora Castellucci, Eugenio Resta

Costumi: Guoda Jaruseviciute

Produzione: Societas, Dewey Dell

Anteprima Archivio Digitale

L'archivio digitale sarà disponibile a partire da luglio 2019

VI Triennale di Milano, 1936<br/>Stanza di soggiorno e terrazzo, Luigi Figini e Gino Pollini, foto Crimella
VI Triennale di Milano, 1936
Stanza di soggiorno e terrazzo, Luigi Figini e Gino Pollini, foto Crimella
X Triennale di Milano, 1954<br/>Cabina telefonica per autostrada, Augusto Bozzi e Sergio Mazza, foto Fotogramma
X Triennale di Milano, 1954
Cabina telefonica per autostrada, Augusto Bozzi e Sergio Mazza, foto Fotogramma
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Abitazione - Alloggio n. 7, Camera per due ragazzi, Marco Zanuso
IX Triennale di Milano, 1951
Abitazione - Alloggio n. 7, Camera per due ragazzi, Marco Zanuso
X Triennale di Milano, 1954<br/>“Vite nel vento”, scultura in legno, Tapio Wirkkala, foto Ancillotti
X Triennale di Milano, 1954
“Vite nel vento”, scultura in legno, Tapio Wirkkala, foto Ancillotti
Sitemap