FOG Performing Arts Festival

Encyclopédie de la parole

Jukebox 'Milano'

Spettacolo

Prima assoluta
Durata: 45’

Jukebox è un solo realizzato per un luogo geografico specifico: una città, i suoi abitanti e i discorsi che li accomunano. Quali sono le parole che attraversano Milano ogni giorno – a casa, a scuola, al lavoro, sui mezzi pubblici, al telefono, alla televisione, alla radio, a teatro, al cinema, per strada, al mercato o in palestra? Con l’aiuto di un team composto da un’attrice, un drammaturgo, un traduttore e ricercatori locali, l’Encyclopédie de la parole raccoglie, studia e ricrea in questa performance le forme orali che caratterizzano contesti geografici specifici, celebrandone l’unicità culturale. Con questo jukebox dal vivo, gli spettatori scelgono quali registrazioni ascoltare.

L’Encyclopédie de la parole è un progetto artistico che esplora la parola parlata in tutte le sue forme. Dal settembre 2007 raccoglie varie registrazioni e le archivia a seconda delle specifiche caratteristiche che distinguono la maniera in cui la gente parla: ritmo, coralità, timbro, intonazione, enfasi, pause, saturazione e melodia. Da questa raccolta che a oggi comprende più di mille documenti liberamente accessibili sul suo sito web, l’Encyclopédie de la parole utilizza queste registrazioni per creare lavori di sound art, performance, spettacoli, conferenze, concerti e installazioni. Il progetto è diretto da un collettivo di poeti, attori, artisti visivi, etnografi, musicisti, curatori, registi, coreografi e produttori di programmi radio. 

Elise Simonet è una scenografa, drammaturga e direttore artistico, fa parte dell’Encyclopédie de la parole dal 2013 e in questo contesto sviluppa la sua ricerca artistica sulle forme del linguaggio orale e dell’uso della registrazione nelle performing arts. Simonet collabora con Joris Lacoste a un ciclo di suites corali. Nel 2015 e 2016, co-organizza il festival TJCC festival con Joris Lacoste al Théâtre de Gennevilliers. Nel 2012, mette in scena Mon Cauchemar, una performance audio-visiva che attinge a una collezione di sogni strani. Attualmente dirige Converser, un progetto sulle conversazioni in città bilingui (Bruxelles-2018, Fribourg-2019).

Joris Lacoste scrive per il teatro e la radio dal 1996 e realizza performance dal 2003. Ha creato 9 lyriques pour actrice et caisse claireai Laboratoires d’Aubervilliers nel 2005, seguiti da Purgatoire al Théâtre National de la Colline nel 2007, di cui è anche co-autore. Dal 2007 al 2009, co-dirige i Laboratoires d’Aubervilliers. Nel 2004 fonda il progetto Hypnographieper esplorare gli usi artistici dell’ipnosi. Inizia due progetti collettivi, the W project con Jeanne Revel nel 2004, che interroga modalità di rappresentazione teatrale, e l’Encyclopédie de la parole nel 2007, con cui crea Parlement (2009), Suite #1 (2013), Suite #2 (2015) e Suite #3 “Europe” (2017).

...altro

Crediti

Idea: Encyclopédie de la parole
Direzione artistica: Elise Simonet
Regia: Joris Lacoste
Drammaturgia e supervisione ai documenti della collezione audio: Riccardo Fazi 
Con: Monica Demuru
Un ringraziamento speciale: Francesco Alberici
Ricerca e documenti della collezione audio: ricercatori del Nord Italia, Francesco Alberici, Matteo Angius, Sophy Benar, Tommaso Carovani, Elisa Comparetti, Monica Demuru, Maddalena De Carolis, Riccardo Fazi, Lorenza Guerrini, Andrea Livi, Andrea Melis, Claudio Mura, Federico Paino, Elise Simonet, Veronica Tinnirello, Giorgia Vignola
Produzione: FOG Triennale Milano Performing Arts, Teatro Piemonte Europa, Echelle 1:1/Paris

Calendario

giovedì 7 maggio 2020, ore 18.00
venerdì 8 maggio 2020, ore 18.00
sabato 9 maggio 2020, ore 18.00
domenica 10 maggio 2020, ore 18.00

Collezione e Archivi

Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sitemap