New Website in Beta Version

FOG Festival

© Camilla Monga

Camilla Monga
Duetto in ascolto

17 APR 2019, H. 18:00

Ideazione Camilla Monga e Zeno Baldi

Produzione Fondazione Atlantide Stabile di Verona - GAT - Art Theater Verona

Durata: 30 minuti

Tariffa 3

“Lo spettacolo che ha varcato le soglie del museo, dialogando con l’arte contemporanea.“
Artribune

La giovane coreografa italiana Camilla Monga collabora con il compositore Zeno Baldi in un duetto d’intesa e di piena attenzione che esplora processi di accumulazione coreografica e musicale. Ogni stimolo visivo e uditivo diviene un segno riconoscibile per essere interpretato e tradotto in puro suono. La danzatrice e il musicista si fanno interpreti di un’unica partitura per eseguire un duetto ed evocare forme e immagini: la loro è un’associazione visiva, logica ed appassionata, pensata per inventare una sequenza di eventi, combinare nuove trame, creare forme dinamiche che ingannano spazio e tempo. Corpo e suono sono i protagonisti di una polifonia di immagini che si delineano man mano, riflesse e deformate da una serie di specchi: il risultato è un gioco ipnotico, un’illusione ottica che invita lo spettatore a considerare punti di vista diversi.

Camilla Monga è una coreografa italiana. Dopo gli studi all’Accademia di Brera e alla Civica Paolo Grassi di Milano, si diploma a PARTS Academy di Bruxelles, dove approfondisce la sua ricerca coreografica con Anne Teresa de Keersmaeker, Bojana Cvejić e Alain Franco. Dal 2012 collabora con il musicista LSKA, sviluppando una ricerca sulla creazione di performance audiovisive. I suoi progetti sono stati presentati in contesti italiani e internazionali: Uovo Performing Arts Festival, Milano; Biennale for young artists, Thessaloniki; Plesni Centar, Zagabria; Julidans, Amsterdam; PARTS, Bruxelles; CND, Parigi; Biennale di Venezia; Cango, Firenze; B.motion, Bassano del Grappa. Nel 2016 Viene invitata da Virgilio Sieni a rappresentare PARTS alla Biennale di Venezia con “13 objects”, un tributo alle avanguardie storiche di fine 900.

Zeno Baldi è un compositore italiano formatosi alla KunstUniversität Graz e al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Compone per strumenti acustici e varie tipologie di strumenti elettronici. È performer e sound designer in contesti multimediali.

Crediti

Progetto: Camilla Monga e Zeno Baldi

Disegno luci: Alessio Guerra

Produzione: Fondazione Atlantide Stabile di Verona - GAT - Art Theater Verona

Con il supporto di: Colorificio Kroen, VAN Associazione Culturale

A cura di: Simone Azzoni

Eventi correlati

TEATRO (FOG FESTIVAL — ABBONAMENTI)

ABBONAMENTO (1+1=3)FOG Seven (7 SPETTACOLI)FOG Ten (10 SPETTACOLI)
InteroABBONAMENTO (1+1=3)44€FOG Seven (7 SPETTACOLI)94€FOG Ten (10 SPETTACOLI)120€
StudentiABBONAMENTO (1+1=3)24€FOG Seven (7 SPETTACOLI)60€FOG Ten (10 SPETTACOLI)80€
Under 30ABBONAMENTO (1+1=3)34€FOG Seven (7 SPETTACOLI)77€FOG Ten (10 SPETTACOLI)100€
Over 65ABBONAMENTO (1+1=3)34€FOG Seven (7 SPETTACOLI)77€FOG Ten (10 SPETTACOLI)100€

TEATRO (FOG FESTIVAL)

TARIFFA 1TARIFFA 2TARIFFA 3
InteroTARIFFA 122€TARIFFA 216€TARIFFA 311€
StudentiTARIFFA 111€TARIFFA 28€TARIFFA 36€
Under 30TARIFFA 116€TARIFFA 211€TARIFFA 38€
Over 65TARIFFA 116€TARIFFA 211€TARIFFA 38€
GruppiTARIFFA 116€TARIFFA 211€TARIFFA 38€

Anteprima Archivio Digitale

XII Triennale di Milano, 1960<br/>Lampadario “Carciofo”, Poul Henningsen
XII Triennale di Milano, 1960
Lampadario “Carciofo”, Poul Henningsen
VI Triennale di Milano, 1936<br/>Teatro all’aperto nel piazzale d’onore con schermo per proiezioni, Eugenio Faludi, foto Crimella
VI Triennale di Milano, 1936
Teatro all’aperto nel piazzale d’onore con schermo per proiezioni, Eugenio Faludi, foto Crimella
XV Triennale di Milano, 1973<br/>Servizio di tazze in ceramica smaltata “Index”, Jacqueline Hall e Ambrogio Pozzi, foto Ciceri
XV Triennale di Milano, 1973
Servizio di tazze in ceramica smaltata “Index”, Jacqueline Hall e Ambrogio Pozzi, foto Ciceri
Palazzo dell’Arte, 1931<br/>Sezione longitudinale del progetto del Palazzo dell’Arte
Palazzo dell’Arte, 1931
Sezione longitudinale del progetto del Palazzo dell’Arte