XXII Triennale di Milano

La Nazione delle Piante

Mostra

La Nazione delle Piante, è un’esposizione divulgativa scientifica a cura di Stefano Mancuso, tra le massime autorità mondiali nel campo della neurobiologia vegetale.

L’assunto di base da cui parte la mostra è che uno dei modi per evitare un futuro catastrofico per l’umanità, è guardare alle piante in un modo nuovo, usarle non solo per quello che hanno da offrirci, ma per quello che possono insegnarci. Le Piante esistono sulla Terra da molto più tempo di noi, sono meglio adattate, e probabilmente ci sopravvivranno: nella loro evoluzione hanno trovato soluzioni tanto efficienti, quanto non predatorie nei confronti dell’ecosistema in cui noi, assieme a loro, viviamo. I più recenti studi sul mondo vegetale hanno dimostrato che le piante sono dotate di sensi, memorizzano e comunicano tra loro e quindi possono essere descritte come organismi intelligenti a tutti gli effetti.

La Nazione delle Piante svelerà la propria natura attraverso un immaginario spettacolare e affascinante, un percorso di apprendimento attraverso un’esperienza immersiva e contenuti multimediali. La mostra ha la supervisione artistica di Marco Balich, direttore creativo di Cerimonie Olimpiche e grandi show internazionali.

...altro

Crediti

A cura di:
Stefano Mancuso

In collaborazione con:
Blue Joint Film

Supervisione artistica:
Marco Balich

Executive Producer:
FeelRouge Worldwide Shows

Exhibit Design:
Studio Giò Forma

Content Design:
Mauro Belloni

Highlights

Foto Gianluca di Ioia

Foto Gianluca di Ioia

Eventi correlati

Promozioni

Visita guidata gratuita alle Partecipazioni Internazionali

Ogni sabato mattina alle 11:00 e ogni domenica pomeriggio alle 16:00 i mediatori culturali vi guideranno attraverso le Partecipazioni Internazionali della XXII Triennale di Milano Broken Nature.
Sabato, ore 11.00: Austria, Cina, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Libano, Regno Unito, Repubblica Ceca, Russia, Slovenia, Tunisia.
Domenica alle ore 16.00: Algeria, Australia, Cuba, Myanmar, Paesi Bassi, Polonia, Sri Lanka, Stati Uniti.
È richiesta la prenotazione anticipata scrivendo una e-mail a mediazione@triennale.org entro le ore 18:00 del venerdì precedente oppure è possibile aggiungersi ai gruppi in partenza direttamente in loco, fino ad esaurimento dei posti.

Partecipazioni Internazionali

Mostre

La vendita dei biglietti termina un'ora prima della chiusura

Intero
10€
Studenti
Studenti di ogni ordine e grado purché in possesso di un'attestazione (libretto, badge, certificato).
8,50€
Under 26
8,50€
Over 65
8,50€
Disabile
Visitatore con disabilità al 100% o indennità di accompagnamento, cieco assoluto o cieco parziale, persona sorda.
8,50€
Repower
Dipendenti e clienti Repower e loro accompagnatori, previa presentazione di badge, card palina o altro documento (ex bolletta).
8,50€
ATM
Dipendenti ATM e possessori Abbonamento Annuale ATM con Carta Club ATM o ricevuta acquisto.
7,50€
Giornalista
Ingresso gratuito
Giovani
Giovani fino ai 16 anni non compiuti in visita libera (no gruppi).
Ingresso gratuito
Guida turistica
Ingresso gratuito
Amici della Triennale
Ingresso gratuito
ICOM
Ingresso gratuito
Abbonamento Musei Lombardia
Ingresso gratuito
M-ID Card
Ingresso gratuito
Accompagnatore gruppi
Ingresso gratuito
Accompagnatore disabile
Previsto quando il disabile ha 100% invalidità o indennità di accompagnamento, è non vedente (assoluto o parziale) o non udente.
Ingresso gratuito

Anteprima Archivio Digitale

IX Triennale di Milano, 1951<br/>Intervento di Le Corbusier al convegno De Divina Proportione
IX Triennale di Milano, 1951
Intervento di Le Corbusier al convegno De Divina Proportione
XIV Triennale di Milano, 1968<br/>Allestimento di “Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala”, sculture piramidali di Lynn Chadwick
XIV Triennale di Milano, 1968
Allestimento di “Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala”, sculture piramidali di Lynn Chadwick
X Triennale di Milano, 1954<br/>Sedia a sdraio in tubo di alluminio e tessuto nylon, Julien Herbert
X Triennale di Milano, 1954
Sedia a sdraio in tubo di alluminio e tessuto nylon, Julien Herbert
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Padiglione USA, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers, foto Farabola
IX Triennale di Milano, 1951
Padiglione USA, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers, foto Farabola
Sitemap