Paolo Novelli

La Fotografia come differenza

Mostra

L’esposizione si concentra sul periodo 2002-2013 con l’intento di evidenziare la nascita e il consolidamento dello stile personale di Novelli. I cicli di immagini rivelano una fotografia essenziale, senza tempo e senza luogo, sintetizzata da Giovanni Gastel come “fotografia della solitudine”. L’altro aspetto, quello tecnico, rafforza la direzione atemporale di Novelli, la cui disciplina è in effetti una sola: la fotografia analogica. Tutte le opere sono su pellicola in bianco e nero, senza uso di flash o filtri e stampate a mano. La ripresa analogica viene condotta attraverso una premeditata anarchia operativa nell'uso dell'apparecchio fotografico. I progetti scelti affrontano il tema principale della ricerca di Novelli, l’incomunicabilità: porte chiuse, tunnel, nebbie, finestre e figure inanimate si inseguono in un arco temporale di poco più di una decade attraverso i suoi progetti.

Crediti

A cura di Giovanni Battista Martini
Photo © Paolo Novelli

Eventi correlati

Anteprima Archivio Digitale

IX Triennale di Milano, 1951<br/>Stazione di partenza della seggiovia del parco Sempione, Renzo Zavarella in collaborazione con la Società Generale Macchine Edili, foto Ancillotti
IX Triennale di Milano, 1951
Stazione di partenza della seggiovia del parco Sempione, Renzo Zavarella in collaborazione con la Società Generale Macchine Edili, foto Ancillotti
Palazzo dell’Arte, 1931<br/>Particolare costruttivo delle pareti dell’impluvium del Palazzo dell’Arte
Palazzo dell’Arte, 1931
Particolare costruttivo delle pareti dell’impluvium del Palazzo dell’Arte
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Abitazione - Alloggio n. 7: elementi di appartamento, Marco Zanuso, foto Farabola
IX Triennale di Milano, 1951
Abitazione - Alloggio n. 7: elementi di appartamento, Marco Zanuso, foto Farabola
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Intervento di Le Corbusier al convegno De Divina Proportione
IX Triennale di Milano, 1951
Intervento di Le Corbusier al convegno De Divina Proportione
Sitemap