XXII Triennale di Milano

Stati Uniti
RECKONstruct

RECKONstruct, il padiglione statunitense alla XXII Triennale di Milanointerpreta il tema Broken Nature: Design Takes on Human Survival, dimostrando come il design sostenibile può rispondere all’attuale crisi ecologica globale. Concepito e sviluppato da un gruppo di appassionati ambientalisti che comprendono Arup, Humanscale, lo SHINE Program del MIT, Novità Communications e NextWave Plastics, accende le luci sulla rivoluzione nei materiali in corso negli Stati Uniti e documenta il modo in cui lo studio di design Humanscale ha reinterpretato un semplice sgabello attraverso tre diversi approcci alla sostenibilità: bio-fabbricazione, economia circolare e bio-mimesi. 

Per misurare la sostenibilità di ogni progetto, Humanscale ha collaborato con il programma SHINE (Sustainability and Health Initiative for NetPositive Enterprise) del MIT. La valutazione dei tre progetti con l’uso di un accurato Life Cycle Assessment (LCA) ha quantificato l’impatto delle materie prime, dall’approvvigionamento al trasporto, dalla lavorazione all’uso effettivo. 

Un film immersivo, prodotto da una squadra di tecnici e designer con base a Los Angeles per la società globale di ingegneria Arup, confronta questi innovativi concetti progettuali con gli approcci produttivi convenzionali, animando il LCA su uno sfondo di ambienti rappresentativi del modo in cui le materie prime vengono procacciate e utilizzate nell’ambiente urbano. 

RECKONstruct invita i visitatori a immergersi in una nuova economia circolare, a scoprire le opportunità del ciclo di vita dei materiali come chiamata all’azione collettiva e individuale.

Crediti

Mostra prodotta da: 
Gregory Norris, SHINE@MIT


Curatore responsabile: 
Russell Fortmeyer, Arup


Curatori: 
Jane Abernethy e Mesve Vardar, Humanscale; Frances Yang, Arup 

Exhibition Design: 
Paul Chavez, Matthew Wilkinson e Ashley Hastings, Arup

Coordinatori: 
Chris Abbate, Danielle McWilliams e Barbara Musso, Novità; Tina Brennan e Ross Bergman, Humanscale


Sponsor principali:
Humanscale e NextWave Plastic


Sponsor supplementari:
Stickbulb 

Organizzazioni tecniche di supporto:

International Living Future Institute (ILFI); Lonely Whale
; Biomimicry Institute
; Chrysalis Strategies
; Modern Meadow

Cradle-to-Cradle Product Innovation Institute; Ecovative
; UBQ Materials
; American Institute of Architects (AIA); U.S. Green Building Council (USBGC); Carbon Leadership Forum
; Ecological Building Network
; Health Product Declaration Collaborative; Mindful Materials
; American Society of Interior Designers (ASID); NeoCon

Highlights

Stickbulb, based in Brooklyn, NY, stockpiles reclaimed timber from various sources, including New York’s iconic water tanks, to construct its LED light fixtures. Stickbulb

Biomimicry - Inspired by the Venus Flower Basket sea sponge, this rendering of the stool designed by Hu- manscale's Jacob Turetsky minimizes material use through additive manufacturing. Credits Humanscale

Biomimicry. Inspired by the Venus Flower Basket sea sponge, this rendering of the stool designed by Humanscale's Jacob Turetsky minimizes material use through additive manufacturing. Credits Humanscale

Eventi correlati

Partecipazioni Internazionali

Collezione e Archivi

Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sitemap