Nuovo sito in Beta

FOG Festival

Rimini Protokoll (Stefan Kaegi) Thomas Melle

Uncanny Valley

Spettacolo

Prima italiana
Spettacolo in inglese sovratitolato in italiano
Spettacolo inserito nell’abbonamento Invito a Teatro
Durata: 60'

Creatori rivoluzionari.

El Pais 

In questo nuovo lavoro, che sorprenderà e provocherà reazioni nella prima italiana presentata a FOG, il pluripremiato collettivo Rimini Protokoll affronta il tema degli androidi e della loro inquietante somiglianza agli esseri umani. Tendiamo a pensare ai robot come a delle macchine efficienti e precise. Eppure, quando sono costruiti a nostra immagine, la loro somiglianza ci fa rabbrividire e produce un senso di alienazione: sono persone o sono macchine? I ricercatori di robotica chiamano questo effetto “uncanny valley”, la valle perturbante. Il regista Stefan Kaegi lavora per la prima volta con uno scrittore e drammaturgo, Thomas Melle, che è stato “copiato” in un doppio animatronico. Questo umanoide prende il posto dell'autore e indaga la relazione misteriosa tra copia e originale. Cosa succede all’originale quando la copia prende il sopravvento? Il doppio aiuta l’essere umano a conoscersi meglio? Oppure i due finiscono per competere l’uno contro l’altro? 

Il collettivo berlinese Rimini Protokoll interroga gli strumenti e i linguaggi del teatro per aprire prospettive inaspettate sulla realtà. Dal 2000, gli autori e registi Helgard Haug, Stefan Kaegi e Daniel Wetzel co-producono, in diverse configurazioni, lavori teatrali, pezzi audio o radiofonici, film e installazioni. Stefan Kaegi utilizza ricerca, audizioni pubbliche e procedimenti concettuali in ambienti urbani, dando voce a esperti che, pur non appartenendo al mondo del teatro, hanno qualcosa da comunicare. Rimini Protokoll è stato vincitore del premio teatrale Der Faust nel 2007, dell’European Prize for New Theatre Forms nel 2008 e del Leone d’Argento per le Arti Performative alla Biennale di Venezia del 2011. Nel 2015 Kaegi e Rimini Protokoll hanno ricevuto il Grand Prix Theater/Hans-Reinhart-Ring.

Crediti

Ideazione, testo e regia: Stefan Kaegi

Testo / Corpo / Voce: Thomas Melle

Attrezzatura: Evi Bauer

Animatronic: Chiscreatures Filmeffects GmbH

Produzione e finitura artistica della testa in silicone / colorazione e capelli: Tommy Opatz

Drammaturgia: Martin Valdés-Stauber

Video Design: Mikko Gaestel

Musica: Nicolas Neecke

Voce italiana: Giuseppe Lanino

Produzione: Münchner Kammerspiele.

Coproduzione: Berliner Festspiele - Immersion, donaufestival, Feodor Elutine, FOG Triennale Milano Performing Arts, Temporada Alta - Festival de Tador de Catalunya, SPRING Utrecht

Calendario

GIO 9 MAG 2019, 17:00
GIO 9 MAG 2019, 19:00
VEN 10 MAG 2019, 17:00
VEN 10 MAG 2019, 19:00
SAB 11 MAG 2019, 14:00
SAB 11 MAG 2019, 17:00
SAB 11 MAG 2019, 19:00

Eventi correlati

Anteprima Archivio Digitale

L'archivio digitale sarà disponibile a partire da luglio 2019

IX Triennale di Milano, 1951<br/>Padiglione USA, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
IX Triennale di Milano, 1951
Padiglione USA, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Torre Littoria, 1933<br/>Veduta della Torre Littoria, Gio Ponti e Cesare Chiodi
Torre Littoria, 1933
Veduta della Torre Littoria, Gio Ponti e Cesare Chiodi
X Triennale di Milano, 1954<br/>Abitazione a cupola geodetica, Richard Buckminster Füller, Roberto Mango, foto Fotogramma
X Triennale di Milano, 1954
Abitazione a cupola geodetica, Richard Buckminster Füller, Roberto Mango, foto Fotogramma
XV Triennale di Milano, 1973<br/>Le cinque scale nella sezione giapponese, Kozo Abe, Makio Hasuike, Isao Hosoe, Tsutomu Katayanagi, Tashihiro Miki, Isao Ogawa
XV Triennale di Milano, 1973
Le cinque scale nella sezione giapponese, Kozo Abe, Makio Hasuike, Isao Hosoe, Tsutomu Katayanagi, Tashihiro Miki, Isao Ogawa
Sitemap