Nuovo sito in Beta

Summer escapes in Triennale

Campus estivo

Per bambini dai 7 anni (che hanno finito la 1^ elementare) ai 12 anni.
Costo: 180 euro a settimana.
Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 16:30.
Pranzo al sacco fornito delle famiglie.

Quando la scuola finisce, si comincia a progettare il futuro!

Con Summer Escapes in Triennale, ai bambini verranno proposti 3 percorsi differenti per immergersi, scoprire e rielaborare gli spunti offerti dalla mostra Broken Nature. Ogni settimana ad arricchire il percorso contribuiranno un ospite e una visita a un luogo esterno alla Triennale, per approfondire il tema proposto durante le cinque giornate.

10 – 14 giugno | Broken Atlas: Mappe, storie e visioni 

17 – 21 giugno | Broken Atlas: Arte al tempo del futuro

24 – 28 giugno | Broken Atlas: Arti e mestieri

1 – 5 luglio | Broken Atlas: Mappe, storie e visioni 

26 – 30 agosto | Broken Atlas: Arti e mestieri

A partire dalla mostra Broken Nature: Design Takes on Human Survival, i laboratori condurranno i bambini a ragionare sul significato di umanità a partire da relazioni tra specie diverse. Sarà proprio grazie all’adozione di nuovi abiti non-umani o extra-umani che i bambini e i ragazzi rifletteranno, ovviamente attraverso il gioco, su sistemi complessi dove l’uomo non è più il centro ma è uno dei tanti centri, centri con cui deve imparare a convivere, pena la sua stessa sopravvivenza.

Broken Atlas | Mappe, storie e visioni
Nel corso della settimana, i bambini partecipano ad attività e workshop con l’obiettivo di progettare, sviluppare e realizzare le nuove mappe tematiche che racconteranno agli altri visitatori, nuovi itinerari di visita a partire dal loro originale punto di vista. Insieme creeremo dei veri e propri gruppi redazionali che, a partire dalle domande poste dalle opere in mostra e grazie alle numerose attività proposte, progetteranno le nuove mappe di Broken Atlas! A fine campus, venerdì 15 giugno e venerdì 5 luglio, presentazione delle nuove mappe con visita guidata alle famiglie.

Broken Atlas | Arte al tempo del futuro
Nel corso della settimana, i bambini parteciperanno ad attività e workshop con l’obiettivo di progettare, sviluppare e realizzare nuove proposte per un’arte del futuro che sia fruibile da tutti ma proprio tutti: come può essere un concerto senza strumenti musicali? E quadri non solo da guardare ma anche da toccare? … e magari da mangiare? A fine campus, venerdì 17 giugno presentazione alla stampa e alle famiglie del catalogo delle nuove opere proposte.

Broken Atlas | Arti e mestieri
Per progettare bisogna studiare le persone per cui stiamo progettando: capirne i bisogni, conoscerne i desideri e magari diventare un po’ un indovino. Come potrebbe essere una poltrona per una coccinella? E una macchina per un robot? Alla fine i progetti verranno inseriti all’interno di un sito internet che racconterà all’universo intero design, moda e mestieri di Broken Atlas. A fine campus, venerdì 28 giugno e venerdì 30 agosto ci sarà la presentazione alle famiglie dei nuovi progetti di moda, grafica e design.

...altro

Eventi correlati

Anteprima Archivio Digitale

L'archivio digitale sarà disponibile a partire da luglio 2019

XV Triennale di Milano, 1973<br/>Sala delle riunioni e delle mostre temporanee, Donata Almici, Ernesto D’alfonso, Marzia Ferrari e Giancarlo Rossi, foto Publifoto
XV Triennale di Milano, 1973
Sala delle riunioni e delle mostre temporanee, Donata Almici, Ernesto D’alfonso, Marzia Ferrari e Giancarlo Rossi, foto Publifoto
X Triennale di Milano, 1954<br/>“Vite nel vento”, scultura in legno, Tapio Wirkkala, foto Ancillotti
X Triennale di Milano, 1954
“Vite nel vento”, scultura in legno, Tapio Wirkkala, foto Ancillotti
XIV Triennale di Milano, 1968<br/>Allestimento della sezione messicana, Eduardo Terrazas
XIV Triennale di Milano, 1968
Allestimento della sezione messicana, Eduardo Terrazas
IX Triennale di Milano, 1951<br/>Stazione di partenza della seggiovia del parco Sempione, Renzo Zavarella in collaborazione con la Società Generale Macchine Edili, foto Ancillotti
IX Triennale di Milano, 1951
Stazione di partenza della seggiovia del parco Sempione, Renzo Zavarella in collaborazione con la Società Generale Macchine Edili, foto Ancillotti
Sitemap