XXII Triennale di Milano

Paesi Bassi
I See That 
I See What You Don’t See

Mostra

I Paesi Bassi sono una delle nazioni più illuminate del globo. Il loro paesaggio produttivo – dipendente da dati, tecnologia ed energia – svela un’economia funzionante 24 ore su 24 che pone l’accento sull’efficienza e la crescita. Al tempo stesso, questo territorio cartesiano riflette il rapporto mutevole con i ritmi naturali legati a, o influenzati dai cicli di luce e buio. In un mondo perennemente acceso, la dicotomia tradizionale tra giorno e notte non sembra più rilevante in termini di produttività, mentre l’esperienza del cielo stellato è diventata qualcosa di raro.

Questo ambiente iperconnesso e controllato in cui i confini tra natura, ecologia, tecnologia e cultura sono sempre più sfumati è il risultato di atti ripetuti di design. Riflettendo sulla presenza onnipervasiva e tuttavia invisibile di questo ambiente, il contributo dei Paesi Bassi alla XXII Triennale di Milano esplora il design come problema e soluzione, come impresa distruttiva e potenzialmente rigenerante.

In I See That I See What You Don’t See designer, artisti e ricercatori dei Paesi Bassi e di altre provenienze offrono una rappresentazione stratificata degli attuali rapporti delle diverse specie con il buio, innescando risposte critiche creative al fenomeno. Ricerca, video, performance, paesaggi sonori e olfattivi contribuiscono a formare un meccanismo di visione che illustra come le modalità attuali di interpretazione dell’ambiente siano esito di un’operazione di design, e come potrebbero quindi essere ridisegnate.

Crediti

Mostra prodotta da:
Het Nieuwe Instituut

Commissario:
Guus Beumer, direttore artistico e generale del Het Nieuwe Instituut

Curatori:
Angela Rui, curatrice e ricercatrice di design; Marina Otero Verzier, direttrice di Ricerca al Het Nieuwe Instituut; Francien van Westrenen, direttrice del Dipartimento per i Programmi Internazionali

Partecipanti:
Academy for Urban Astronauts, Ramon Amaro, Danilo Correale, Design Academy Eindhoven, Het Nieuwe Instituut, dipartimenti di Ricerca e Patrimonio, Lucy McRae, Melvin Moti, Bregtje van der Haak, Pascal van Hulst & Oscar Peña, Richard Vijgen, Leanne Wijnsma

Direzione artistica:                                                       
Maureen Mooren

Grafica e figurarsi:
Rudy Guedj

Design degli spazi:
Olivier Goethals

Responsabile del progetto:
Mark van der Veen e Ellen Zoete

Produzione
:
Bouwko Landstra, Rob Gijsbers e la sua squadra

La mostra è stata resa possibile dal generoso sostegno del Ministero olandese dell’Istruzione, Cultura e Scienza.

Highlights

Panorama I See That I See What You Don’t See, Rudy Guedj, 2019, photo Daria Scagliola

Danilo Correale, The Unsleep, photo: Daria Scagliola 

Eventi correlati

Partecipazioni Internazionali

Collezione e Archivi

Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Veduta della Torre Littoria
Veduta della Torre Littoria
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Sitemap