Sentieri Selvaggi

Concerto
14 luglio 2020, ore 19.00

Ingresso gratuito
Durata: 60'

Matteo D’Amico, autore romano la cui ricerca artistica è caratterizzata dal legame tra musica e testi letterari, dedica all’ensemble una nuova versione del suo cabaret musicale, aggiungendo altre due liriche del poeta britannico Wystan Hugh Auden (da cui D’Amico ama lasciarsi ispirare insieme a Stéphane Mallarmé). La scrittura "inquieta, mutevole, quasi mercuriale" della prima parte del concerto dà corpo alle diverse immagini "angeliche" di cui si nutre l’idea poetica del brano.

Programma della serata:
Trio pour un ange (2015) per violino, violoncello e pianoforte
Auden Cabaret (2007/2020) per mezzosoprano e sestetto (Prima assoluta)

Crediti

Sentieri Selvaggi: Paola Fre (flauto), Mirco Ghirardini (clarinetto), Andrea Dulbecco (vibrafono e percussioni), Andrea Rebaudengo (pianoforte), Piercarlo Sacco (violino), Camilla Patria (violoncello)
Direzione: Carlo Boccadoro
Voce: Chiara Osella

Collezione e Archivi

Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Sitemap